REGIONE,L’INTESA SI VA CHIUDENDO. FORSE GIA’MARTEDI LA FIRMA

0

Subito dopo Pasqua ci sarà una riunione a Roma tra il governatore e i vertici di Forza Italia,Lega,e F.lli d’Italia per decidere la composizione della Giunta regionale. Era facilmente prevedibile che Bardi avrebbe alzato l’asticella del confronto , evitando di affrontare la questione a livello regionale e portando la trattativa su Roma. Già un primo incontro c’è stato e martedì o mercoledì della prossima settimana ci sarà quello definitivo al quale partecipano anche i segretari regionali o i coordinatori ,anche se, a cospetto dei vertici, non saranno loro a dire l’ultima parola. Fin quando i tre leader nazionali a Roma andranno d’accordo, per il governatore Bardi non si saranno problemi di gestione delle relazioni a livello regionale, e questo di per sé rappresenta una novità rispetto ad una legislatura di centrosinistra nella quale ognuno si sentiva maggioranza di se stesso e ognuno agiva come se fosse titolato a trattative personali. In linea di massima la ripartizione che si è immaginata è di due assessori a Forza Italia e di due assessori più la Presidenza del Consiglio alla Lega. Sulla quale però cade ( non diciamo grava perchè si annullerebbe lo stesso valore della legge sulla parità di genere) la designazione della quota rosa. Però tra le donne in corsa, la più gettonata sembra essere la Megale, che godrebbe dell’assenso di Berlusconi. Nel qual caso , Bardi potrebbe tenere posto per il solo Quarto, dato per assessore all’agricoltura, a grande richiesta della Coldiretti nazionale.  Il quinto assessore va a Fratelli d’Italia , abbastanza presumibilmente a Gianni Rosa, cioè a colui che ha tenuto la baracca aperta dell’opposizione consiliare, consentendo al partito di acquisire forza elettorale e soprattutto autorevolezza, proprio nel periodo nel quale elementi di Forza Italia inciuciavano con la maggioranza, addirittura correndo in rinforzo dell’allora vincitore. Che possa arrivare un altro nome al posto di Rosa è da escludere, perchè ove questo accadesse, il partito della Meloni si romperebbe come un bicchiere di cristallo. Per gli assessori della Lega corre con netto vantaggio il potentino Fanelli, autore di un exploit personale che taglia la testa ad ogni ipotesi di designazione diversa, mentre si fa insistente il pressing da Matera per portare in Giunta Leone  in maniera da agevolare lo scorrimento di lista. E’ quindi probabile che a guidare il Consiglio regionale possa essere o il venosino Zullino, uomo di fiducia di Salvini , oppure Cicala, in quanto il rapporto tra province è normalmente di due a uno. Non è nemmeno escluso che Fanelli possa scegliere la Presidenza del Consiglio al posto dell’Assessorato, che gli consentirebbe ad un tempo di tenere un ruolo alto di rappresentanza e una certa libertà di azione per rafforzarsi all’interno del partito.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento