SEMPLIFICAZIONE NON E’ SINONIMO DI IMPUNITA’

0

ROCCO ROSA

“Fai ricorso”, oppure” fai causa”! Quante volte dalla bocca di amministratori locali o di funzionari di alto livello o di semplici dirigenti sono arrivate parole come queste contro gente inerme , non raccomandate e costretta a subire arroganze e discrezionalità!. E avevano ragione ad accompagnare queste risposte sbrigative e sprezzanti anche con un sorrisetto ironico, perchè il significato di quel sorrisetto era che andare in tribunale significava spendere soldi e tempo, con cause che si portano avanti per decenni, per le quali la spesa non vale la resa. Si, l’altra faccia della giustizia negata è l’aumento esponenziale di questi comportamenti , che si muovono sul filo delle interpretazioni giuridiche facendo valere ora questa norma ora il suo contrario, grazie ad  un regalo di 200mila leggi che il Parlamento ha licenziato e che spesso fanno a cazzotti tra di loro. E questo comportamento discrezionale ed arbitrario si avvale oggi di nuovi input sotto forma di semplificazioni che ,in una lettura meditata e seria, darebbero libertà di azione ma entro vincoli di correttezza e in una lettura superficiale danno agli amministratori mano libera a fare quello che gli pare, premiando o escludendo e togliendo di mezzo il merito e spesso il diritto alle stesse opportunità. La cronaca ci mette ogni giorno davanti a fatti di questo genere, fatti di favoritismi, di sprechi, di cattiva amministrazione che, sopratutto al Sud,scoraggiano i migliori sia che si tratti di giovani preparati, sia che si tratti di imprese che sanno sfidare il mercato e non vivono di relazioni pubbliche convenienti e qualche volta collusive. E così’ che una amministrazione della Giustizia ingolfata di carte non interviene o se lo fa  viaggia col trenino della calabro lucana in maniera da arrivare a sentenza dopo la prescrizione. Ed è su questa consapevolezza di una immunità quasi garantita che  i comportamenti deviano dalla retta via e si inoltrano per sentieri nascosti ai più. A questo si aggiunge il depotenziamento dell’ANAC e il ritorno alla discrezionalità di enti che spesso costruiscono camicie su misure per gare di cui già si conosce il fortunato. Parliamoci chiaro. cose non di oggi e che si sono viste per anni, ma che oggi con il volume delle poste in gioco, rischiano di metterci di fronte al bivio storico di uno sviluppo consapevole , programmato e portato avanti con serietà, oppure di una grande abbuffata per pochi che regala la fame e l’emarginazione a tutti gli altri. Una cosa è togliere lacci e lacciuoli alla operatività degli enti, altra è non prendersi la briga di dettare norme di comportamento che possano limitare l’arbitrio e prevenire gli abusi. Il rischio è altissimo e sarebbe necessario che le Istituzioni che contano si domandino seriamente su come riportare entro i binari della legalità questa operazione di interpretazione in peius della discrezionalità ricevuta. Chi più di un generale della Finanza può dettare regole comportamentali?

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi