SMART WORKING, LA BASILICATA SI CANDIDA A TERRITORIO IDEALE

0

Parte una scommessa importante per la Basilicata ed è quella di farne uno scenario per lo smart working, il lavoro da casa, non solo e non tanto per I lucani che vi risiedono, ma per quelli, lucani e non, che sull’onda delle criticità emerse nelle metropoli a seguito della pandemia prima E , ora, a seguito delle temperature che stanbno esplodendo e che rendonbo impossibile la vita in città stanno seriamente prendendo in considerazione il lavoro da remoto, cioè quello in smart working appunto. E’ vero che la cornice legislativa nazionale non è ancora uniforme per tutti I tipi di lavoro e che  lo smart working bisogna farlo entrare stabilmente in tutti I contratti pubblici e privati, ma prepararsi ad offrire le condizioni logistiche e infrastrururali affinchè la Basilicata, terra di bellezza , possa diventare una meta attrattiva per questi professionisti del digitale, è sen’altro cosa buona a giusta. Ci hanno pensato I consiglieri Braia e Polese, cui si è aggiunta la Dina Sileo del gruppo misto, con una proposta di legge che dichiaratamente mira a sostenere, sviluppare e potenziare il lavoro agile, attraverso ‘La dote del lavoratore in smart working’ per imprese e Pubbliche Amministrazioni site in Italia, con esclusione della Regione Basilicata, e in zona UE che consiste in un contributo per nuove assunzioni e tirocini formativi. La dote ammonta ad un massimale che verrà definito con specifico atto di Giunta annualmente, in modo proporzionato agli sgravi per i lavoratori in area svantaggiata o obiettivo 1. Il contributo per le assunzioni non può in nessun caso superare il costo annuale derivante dal CCNL applicato. Il contributo viene riparametrato, in caso di lavoro a tempo parziale, sulla base delle ore stabilite in contratto, lavoratori che si obbligano a prestare la propria attività lavorativa eseguita precedentemente in modalità in presenza in modalità in lavoro agile e che viene svolto presso la propria unità abitativa o altri luoghi siti comunque in uno dei Comuni della Regione Basilicata, identificato e dichiarato preventivamente; un sistema organico di agevolazioni fiscali per le imprese, per ciascuno dei dipendenti che si obbligano a prestare la propria attività lavorativa, eseguita precedentemente in modalità in presenza, in modalità in lavoro agile e che viene svolto presso la propria unità abitativa o altri luoghi, siti comunque in uno dei Comuni della Regione Basilicata, identificato e dichiarato preventivamente. La consistenza di tali agevolazioni è definita da apposito atto della Giunta e viene riparametrato, in caso di lavoro a tempo parziale, sulla base delle ore stabilite in contratto; un voucher per i lavoratori e imprese per acquisto di hardware e software e personalizzazione di applicazioni e integrazione con altri sistemi informativi aziendali, attivazione o adeguamento di impianti tecnici e dei locali necessari per l’esercizio dell’attività in lavoro agile; implementazione rete wi-fi veloce nei borghi e nelle aree interne interessate dalla presente disciplina; finanziamento di corsi di formazione professionale e manageriale per i dipendenti; i corsi devono essere strettamente funzionali all’esercizio dell’attività in smart working e devono essere forniti da operatori accreditati per l’erogazione di attività di formazione professionale dalla Direzione regionale competente; finanziamento di consulenze per la riorganizzazione aziendale in funzione dello smart working previsto dalla presente disciplina e secondo le linee proposte dall’Osservatorio Regionale; finanziamento per i Comuni che realizzano HUB per lo smart working, riconversioni urbane funzionali, adeguamenti delle reti, riconversione degli spazi interni di edifici. Sono favoriti i progetti che sono realizzati d’intesa con enti di terzo settore; finanziamento per la promozione di piani e interventi di “destagionalizzazione” per le attività ricettive, anche nella formula di albergo diffuso, comunque qualificate (impresa turistica a titolo principale o impresa agricola con relativa attività ricettiva connessa) che nei periodi diversi da quelli di svolgimento di attività ricettiva accolgono lavoratori in modalità lavoro agile”. “Viene istituito – si legge ancora – l’Osservatorio regionale sul lavoro con rappresentanti delle organizzazioni sindacali, datoriali, delle associazioni rappresentative, delle amministrazioni locali e delle organizzazioni del terzo settore. La composizione e il funzionamento dell’Osservatorio saranno oggetto di successivo atto della Giunta regionale. L’Osservatorio monitora l’applicazione della disciplina e redige un Piano regionale per la promozione del lavoro agile che definisce gli indirizzi specifici, le azioni, le dotazioni e gli interventi sperimentali di cui all’art.3. Il Piano viene proposto dalla Giunta regionale al Consiglio regionale che lo approva entro 30 giorni dalla sua ricezione. La Regione promuove e supporta, all’interno del predetto Piano, forme di sostegno alle Agenzie interinali che si impegnano alla realizzazione di progetti per l’assunzione di lavoratori lucani in lavoro agile per aziende di fuori regione”.

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi