STELLANTIS, L’INDOTTO RISCHIA GROSSO

0

La notizia che il gruppo Stellantis , per ovviare alla eccessiva dipendenza  dalla Cina, sta mettendo a punto una serie di gare per l’acquisizione di forniture , è un fatto che quanto meno deve destare l’attenzione del Governo e della Regione perché c’è il rischio che con questo sistema salti per esempio la catena dell’indotto oggi esistente intorno alla fabbrica di Melfi. Questa preoccupazione viene esplicitata dal vicepresidente del Consiglio reigonale Mario Polese per il quale vanno messe in campo “tutte le azioni possibili anche per chiedere la convocazione di un nuovo Tavolo nazionale con i vertici internazionali del gruppo al fine di ottenere rassicurazioni concrete”. In particolare- spiega- va immediatamente posta la massima attenzione alla questione dell’automotive in Italia e al futuro dello stabilimento Stellatis di San Nicola di Melfi e al suo indotto. In ballo rimane il futuro di migliaia di famiglie lucane”. In pratica c’è il rischio concreto di sostituzione dei fornitori locali a vantaggio di aziende esterne”.

“Questo in breve tempo – aggiunge Polese – potrebbe diventare un problema serio per la tenuta delle aziende dell’indotto di San Nicola di Melfi al quale, complessivamente, lavorano 5 mila persone. So che della vicenda si stanno già interessando il sindaco di Melfi, Peppino Maglione e l’assessore alle Attività produttive della Regione Basilicata, Franco Cupparo. “Al netto delle interlocuzioni delle istituzioni locali con i dirigenti di Stellantis di Melfi non c’è dubbio  però che tutta la vicenda debba tornare sui tavoli nazionali. Come Italia Viva Basilicata con il lavoro del comitato cittadino di Melfi abbiamo già interessato la deputata Sara Moretto che nei prossimi giorni porterà il tema all’attenzione della Commissione Attività produttive della Camera.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi