ISTVÁN OROSZ, GUNTARS SIETIŅŠ – SULLE ORME DI ESCHER

0

Leonardo PisaniBy Leonardo Pisani

Dopo il successo di Budapest e quello di Potenza la la mostra “István Orosz, Guntars Sietiņš – Sulle Orme di Escher”  arriva anche nella Capitale Europea della Cultura 2019. Infatti si  il 25 giugno alle 18.30 presso il prestigioso Palazzo Viceconte a Matera, questa interessante retrospettiva cura di Sergio Buoncristiano e Daniel Köster, con il supporto scientifico di Fiorella Fiore. Un organizzata dalla Rebis Arte e dalla Galleria Koller di Budapest.

Circa 40 opere sono protagoniste di questa rassegna, per evidenziare gli ultimi sviluppi della carriera di István Orosz e Guntars Sietiņš, considerati, a livello internazionale,  tra i più prestigiosi artisti seguaci dell’incisore e grafico olandese Maurits Cornelis Escher (Leeuwarden, 17 giugno 1898 – Laren, 27 marzo 1972).ISTVÁN OROSZ Edgar Allan Poe SULLE ORME DI ESCHER

Escher  – legatissimo alla nostra Italia avendo vissuto a Roma dal 1924 al 1935 – è un artista molto amato da scienziati   logici, matematici e fisici che apprezzano il suo uso razionale di poliedri, distorsioni geometriche ed interpretazioni originali di concetti appartenenti alla scienza, sovente per ottenere effetti paradossali, costruzioni impossibili tendenti all’esplorazione dell’infinito.

Pur provenendo da paesi e culture lontani tra loro, essendo Orosz ungherese e Sietiņš lettone, ambedue esprimono nella loro opera il legame profondissimo con il maestro olandese, ambedue sono virtuosi dell’incisione, seppur utilizzando tecniche diverse, Orosz acquafortista, Sietiņš maestro indiscusso dell’acquatinta e del mezzotinto, ambedue sono artisti di chiara fama internazionale, come testimonia il loro lungo e articolato curriculum.

Sietiņš è docente all’Accademia di Belle Arti di Riga, è membro di numerose associazioni internazionali dedicate alla grafica, ha esposto le sue opere in moltissimi paesi, è considerato uno dei massimi artisti a livello mondiale nel campo dell’incisione all’acquatinta.

Istavn Orosz _my sun your sun_2001 SULLE ORME DI ESCHER

Orosz è certamente uno dei più grandi intellettuali ungheresi contemporanei; incisore raffinato, celebre illustratore, artista poliedrico, noto in patria e all’estero, la cui carriera è costellata di riconoscimenti prestigiosi.

Assieme alla  mostra si terranno alcune iniziative collaterali, quali il seminario “Scienza su tela”, condotto da Pierluigi Argoneto e Fiorella Fiore, a cura dell’Associazione Liberascienza, che spiega in maniera scientifica, ma non accademica, i legami che uniscono l’arte e la scienza, in riferimento soprattutto al XX secolo, e un altro seminario dedicato allo sviluppo e alla diffusione delle diverse tecniche incisorie dalla loro origine fino ai giorni nostri.

La mostra resterà aperta fino al 17 luglio, tutti i giorni, dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 20.00.

Condividi

Lascia un Commento