SUPERATA LA FRATTESE: E’ UNA MARCIA INARRESTABILE

0

rocco sabatella

 

Vittoria doveva essere e vittoria è stata.  In una giornata che alla fine si è dimostrata alquanto propizia per il Potenza che, oltre ai tre punti,  ha avuto la bella notizia del successo del Cerignola sul campo della Cavese, immediata inseguitrice del Potenza, da stasera indietro ai lucani di sette lunghezze. Anche se il Potenza ha dovuto sudare più del previsto, soprattutto nel primo tempo, per domare la Frattese, si è trattato di una altra prova convincente da parte degli uomini di Ragno. Che oggi ha proceduto ad un mini turn over perché ha tenuto in panchina Carlos Franca e non ha potuto schierare capitan Esposito per un leggero infortunio. Per il resto fiducia agli stessi uomini che giocano in campionato messi in campo con il 3-5-2 nel quale Coppola ha preso i compiti di Esposito e  Diop e Guadalupi si sono sistemati ai suoi lati. L’allenatore della squadra campana Maschio ha operato qualche variazione rispetto a domenica scorsa e si è disposto con un prudente 5-3-1-1 affidando al giovane Arciello, supportato dall’ex Vultur Rionero Poziello, il compito di tenere impegnati i difensori del Potenza. E quello che più è stato sorprendente, considerate la posizione di classifica e la non eccelsa qualità dell’organico a disposizione, la Frattese non ha fatto le barricate ma ha messo in mostra un calcio sempre propositivo nel tentativo di tenere il più lontano possibile il Potenza dalla sua metà  campo. Si è capito sin dall’inizio che gli ammonimenti di Ragno hanno avuto il loro effetto perché i rossoblù sono partiti con il piglio giusto riversandosi nella metà campo avversaria. E infatti il primo pericolo per la Frattese arriva da una conclusione potente da fuori area di Diop che trova pronto alla risposta il portiere campano. E nemmeno un minuto dopo da un’incursione dell’ispirato Guiata sulla destra arriva un cross preciso per la testa di Siclari che però manda alto di un niente. Tutto lasciava presagire che da un momento all’altro sarebbe arrivato inevitabile il vantaggio del Potenza.  E invece arriva la doccia fredda della rete della Frattese che approfitta di un difetto di comunicazione tra Bertolo e Di Somma che si scontrano tra loro e lasciano che il pallone arrivi alle loro spalle a Poziello solo davanti a Breza.  Per il trequartista campano è molto facile battere Breza da pochi passi. La reazione del Potenza però è immediata e rabbiosa: non trascorre nemmeno un minuto che Di Senso di testa appoggia a Siclari in area. Il siciliano viene travolto da Della Monica e per l’arbitro è rigore con l’ammonizione all’autore del fallo. Poche le proteste dei campani e Siclari trasforma con un violento tiro alla destra di Pardo. Sulle ali dell’entusiasmo per aver raddrizzato la gara, il Potenza insiste nell’azione offensiva e la Frattese non può che subire la qualità indiscussa degli avversari che sfiorano il vantaggio con Siclari che prima effettua un tiro cross che attraversa tutto lo specchio della porta e poi di testa impegna il portiere ospite. Poi diventa protagonista Guaita che prima tira fuori dopo una respinta della difesa su punizione di Guadalupi e poi si incarica personalmente di andare a concludere in rete dal limite di esterno, dopo essersi accentrato, per il vantaggio meritato del Potenza. Nella ripresa il Potenza ha una sola esigenza e cioè quella di mettere al sicuro il risultato. Ci pensa dopo cinque minuti Siclari che di testa sfrutta un cross invitante del rientrante Panico per mettere il pallone all’angolino. Partita chiusa con i rossoblù di Ragno che si tengono sempre il pallino del gioco tra i piedi e sfiorano in più di qualche occasione altre marcature. C’è il tempo per consentire a Ragno di effettuare le  cinque sostituzioni con Pepe, Coccia, Vaccaro che prendono il posto di Guadalupi, Di Senso e Panico. L’ingresso di Pepe, il migliore in campo contro l’Igea Virtus, consente al Potenza di variare il modulo e di passare al 3-4-1-2. Segnale molto chiaro di come ormai gli stessi uomini possano variare le disposizioni in campo senza che l’efficacia del gioco del Potenza ne risenta. A pochi minuti dal triplice fischio va in campo anche il difensore centrale Sicignano, dopo due mesi di assenza per l’infortunio patito a Taranto per permettergli di riprendere confidenza con il campo e fa il suo esordio con la maglia del Potenza l’attaccante, ex Trapani, Mistretta dopo un’assenza dai terreni di gioco di un anno per la rottura dei legamenti del ginocchio. Oltre a seguire le fasi della gara, il pubblico rossoblù rimane attento a quello che succede a Cava dei Tirreni e saluta con un boato la notizia della sconfitta della Cavese la cui sfida con il Cerignola era cominciata mezzora prima dell’incontro del Potenza. Come si suole dire, il Potenza prende due piccioni con una fava e rinsalda il suo primato anche se Ragno nel post gara getta acqua sul fuoco ricordando a tutti che non si può e non si deve abbassare la guardia perché restano ancora da giocare 11 gare e fino a quando la matematica non arriva bisogna rimanere umili e concentrati. 

Share.

Sull'Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento