Talenti Lucani: INAY

0

di ROCCO PESARINI

 

 

 

La Basilicata è terra di talenti. Nella musica, nel cinema, nelle arti, nella letteratura e nella poesia trovi talento e scopri talenti.

Inizio da oggi la mia ricerca “random” dei talenti lucani: artisti che creano, producono, diffondono arte avendo nel cuore le loro origini lucane.

E inizio da un giovane ragazzo di Lagonegro, concittadino del grande Mango, di cui un caro amico mi ha parlato un gran bene: INAY, al secolo Enzo Acchiappati, giovane cantante di musica pop e rap.

Attivo dal 2009, ha inciso oltre 150 brani e ha spesso collaborato con la cantante Viola Valentino, con Felice Del Gaudio (bassista di Antonacci e Dalla), con Armando Mango e con tanti altri giovani rapper della scena italiana.

Ho l’animo rock; non amo particolarmente la musica rap e pop attuale ma non nascondo che le sue canzoni sono valide.

La sua musica è la musica di oggi; è il rap, è la musica che suona negli auricolari dei ragazzi e che riesce piacere anche a Sanremo.

E prova ne sono i cinque milioni (5!) di visualizzazioni dei suoi video su Youtube, segno inequivocabile di apprezzamento nel pubblico.

 

Nel paese di Mango, in una regione dove si suona tanta musica folk, come sei arrivato al rap?

Sono stato per anni ballerino prima, istruttore poi di break – dance (il famoso ballo da strada, NdA) ed è stato tutto molto naturale, quasi un automatismo…

Possiamo dire che sin da bambino mi ci sono trovato dentro!

E come ti spieghi questo tuo grande amore per questo genere musicale?

Il rap è la musica che più si avvicina alla poesia e che più ti permette di “assorbirla, di inglobarla e valorizzarla totalmente e pienamente. In un certo senso il rap è la casa naturale della poesia.

E i tuoi musicisti di riferimento per quanto attiene la musica rap?

Eminem su tutti. Lui è il Dio del Rap. In Italia invece non ho particolari preferenze: ascolto molti artisti ma nessuno rappresenta per me un ideale musicale da seguire. Forse perché cerco di essere “unico”, del tutto originale senza farmi influenzare da qualcuno in particolare.

Cosa pensi di Mahmood, il fresco vincitore di Sanremo? Lo trovi assonante alla tua musica?

Onestamente no. Lui è più pop e canta molto bene. Ma io mi ritengo decisamente più rap

E di quello che sembra il fenomeno musicale del momento, il Trap?

E’ un sottogenere del rap ovviamente. Ma non mi prende, non mi emoziona per nulla, soprattutto per quanto riguarda testi nei quali non riesco a riconoscermi minimamente.

Su YouTube i tuoi video hanno totalizzato milioni di visualizzazioni. L’industria discografica si è accorta di te?

Qualche contatto c’è stato ma nulla di ufficiale e, soprattutto, nulla di artisticamente rilevante e valido. Le mie canzoni su youtube girano molto bene (ho ad esempio ricevuto i complimenti della nota show – girl Belen) e questo è per me motivo di vanto ed orgoglio.

Forse dovresti proporti e proporre di più la tua musica.

Probabilmente è così. Vedremo che succede.

Un pensiero al tuo grande concittadino Pino Mango.

So che è una frase fatta ma artisti come Mango nascono una volta ogni cent’anni. Cantare ed interpretare le sue canzoni è pressochè impossibile. E’ questo il motivo per il quale non oso nemmeno ascoltare chi prova a coverizzare e rifare le sue canzoni. Solo lui poteva cantarle.

Per chiudere, Inay e la Musica.

La Musica per me è salvezza. Scrivo, canto e suono Musica non per avere successo ma perché non potrei non farlo. La Musica mi ha salvato e continua a salvarmi ogni giorno.

 

L’intervista finisce qui ma vi linko alcune delle canzoni di Inay, sicuro di rendervi un gran servigio.

https://www.youtube.com/watch?v=murSP65JOCo&list=RDmurSP65JOCo&start_radio=1

https://www.youtube.com/watch?v=spvwwYr2luE

https://www.youtube.com/watch?v=2Zks1Tt1pCE

 

LINK PER ARRIVARE A INAY

Pagina Fb: https://www.facebook.com/inay.alien/

Pagina Instagram: https://www.instagram.com/inay.official/?hl=it

Pagina Youtube: https://www.youtube.com/user/haha6548

Pagina Spotify: https://open.spotify.com/artist/1lrKCXI5ASydX9FYMoQJ8W

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Lascia un Commento