ULTIMA CHIAMATA PER IL PICERNO

0
 

rocco sabatella

Quelli di oggi al Viviani, con inizio alle ore 18 e ovviamente a porte chiuse, sono 90 minuti vitali per il Picerno che è chiamato all’impresa per rimanere in serie C. Impresa che si chiama semplicemente successo anche con il minimo scarto per ribaltare la sconfitta di sabato scorso sul neutro di Vibo Valentia dove la squadra di Giacomarro ha buttato alle ortiche, con un atteggiamento oltremodo attendista, la possibilità di rendere la gara di ritorno di oggi sicuramente più agevole. Può apparire stonato, di fronte ad una sconfitta, affermare che la partita di andata con il Rende ha confermato il divario tecnico, naturalmente a favore del Picerno, che aveva avuto la sua certificazione nei 14 punti di vantaggio dei lucani dopo le 30 partite giocate nella stagione regolare, prima dello stop per il covid 19. La produzione di almeno otto azioni molto pericolose contro un solo tiro in porta effettuato dai calabresi in tutta la partita la dice lunga sul fatto che se la convinzione, la determinazione, anche una buona velocità delle azioni nonostante la lunga inattività e il gran caldo, dimostrate quando era necessario rimontare, fossero state il filo conduttore del primo tempo, forse a quest’ora parleremmo di un altro risultato. Proprio partendo da questo assunto, il Picerno può e deve trarre gli stimoli sufficienti per superare l’ostacolo Rende e riconquistare la permanenza. Anche il fatto di non dover fare calcoli ma giocare solo per vincere, può rappresentare un vantaggio per i ragazzi di Giacomarro. A patto che tutti quelli che scenderanno in  campo e in particolare quelli che nella partita di andata hanno giocato sotto tono, devono dare molto di più oggi pomeriggio per centrare il traguardo a cui la società tiene, per usare un eufemismo, moltissimo. Società che comunque ha molta fiducia per l’esito della gara di oggi come conferma il direttore generale del Picerno Enzo Mitro: ” Abbiamo fiducia nel mister e nella squadra. Dobbiamo vincere questa partita a tutti i costi. Lo dobbiamo per il presidente Curcio, per la società e per i tifosi che anche in questi giorni ci sono stati molto vicini.  Sarà una gara difficile perchè sono 90 minuti decisivi e importanti per il nostro futuro. Ma abbiamo tutte le carte in regola per dimostrare il nostro valore e ribaltare il risultato dell’andata”.  Naturalmente non è il momento di piangersi addosso ma di pensare unicamente a mettere in campo questa sera tutte le energie di cui si dispone. Sarà importante un approccio adeguato alla partita nel senso che il Picerno dovrà cercare fin dai primi minuti di mettere pressione agli avversari. Che potranno contare su 2 risultati. Certo se il Rende si presentasse al Viviani con la sola intenzione di puntare al pareggio, sarebbe un bel vantaggio per Santaniello e compagni. Ma dopo averli visti all’andata, onestamente non sapremmo dire con quale atteggiamento giocheranno la partita di questo pomeriggio. Di sicuro si affideranno a qualche ripartenza con i giocatori più rapidi e cercheranno di sfruttare  gli spazi che il tecnico del Rende Rigoli è certo che il Picerno concederà perché dovrà puntare esclusivamente alla vittoria. Cosa che la squadra di Giacomarro dovrà necessariamente evitare. Con un giorno e mezzo disponibile per preparare la gara, è stata privilegiato più l’aspetto tecnico e tattico piuttosto che quello fisico. Infatti ieri il Picerno ha svolto la rifinitura sull’erba artificiale del Viviani. Rifinitura dedicata soprattutto agli schemi e alle palle inattive. Oltre che sulla mente della squadra chiamata da Giacomarro al massimo sforzo questa sera.”  Sebbene i due impegni siano ravvicinati, ci siamo preparati al meglio per vincere questa sfida decisiva, assicura il tecnico siciliano che aggiunge:” sappiamo che per centrare il traguardo chi va in campo deve dare il massimo. Tutta la squadra è molto determinata ed agonisticamente arrabbiata al punto giusto per raggiungere questo risultato. Sono sicuro che riusciremo a centrare il traguardo della permanenza che meritiamo per quanto fatto nella stagione regolare”. Rispetto alla partita di andata, Giacomarro sta meditando qualche novità nella formazione allo scopo di sfruttare qualche uomo più fresco e forse più adatto alle esigenze che la gara richiede. Probabile gli inserimenti di Squillace come quinto a sinistra in luogo di Guerra e di Cecconi in attacco al fianco di Santaniello. Anche Vanacore ha buone possibilità di essere in campo dall’inizio. Sicuri del posto sono il portiere Pane, i difensori Zaffagnini, Ferrani e Priola e i centrocampisti Vrdoliak, Pitarresi e Kosovan chiamati a velocizzare il più possibile la manovra e Santaniello. Nel Rende si va verso la  conferma della squadra di sabato scorso con qualche dubbio di Rigoli sul fronte offensivo dove scalpitano Giannotti e Fornito. Dirigerà l’incontro il signor D’Ascanio di Ancona.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento