Un consigliere comunale di Matera contro Caiata

0
MI voglio augurare che qualcuno abbia rubato l’identità di tal Daniele Fragasso,  consigliere comunale di Matera e che si sia messo a sproloquiare usando la sua faccia. Se non è così, siamo allora ad un furto diverso: una persona che si è appropriato di un ruolo, quello di consigliere comunale, che non gli spetta, perchè uno che si esprime in quella maniera sui social non è degno di fare il rappresentante della città. Proprio il Consiglio comunale dovrebbe affrontare la questione , condannando questo modo di esprimersi che non solo è frutto di maleducazione ,ma che esprime odio nei confronti di persone, un odio che travalica i confini della rivalità sportiva dozzinale e frutto di ignoranza per sconfinare nella violenza verbale che fa appello agli istinti peggiori della gente. Se non si tratta di omonimia o di furto di identità, non posso che rallegrarmi con i cinquestelle per averlo lasciato a piedi in queste recenti consultazioni regionarie. forse può essere una spiegazione.

Post 1

Le due foto riportate nell’articolo evidenziano in maniera eloquente i due  epiteti che sono stati scagliati, a freddo, dal tal Daniele Fragrasso nei confronti del presidente del Potenza Caiata e del Prof.Giampaolo D’Andrea.

Non sarebbe da meravigliarsi se si trattasse di un cittadino comune, un aspetto negativo dei social è quello di permettere ai perditempo anche di ingiuriare le persone, in questo caso non è andata proprio cosi, abbiamo scoperto che l’autore che dietro la tastiera ha digitato in maniera inopportuna e fuori luogo le due ingiurie è un consigliere del comune di Matera che oltretutto con disprezzo ha trattato un parlamentare della Repubblica italiana prima che presidente del Potenza.

Il post è stato scritto durante la conferenza stampa che Caiata ha tenuto nel dopo partita di Matera-Potenza durante la quale il patron del Potenza si è anche soffermato sulla rivalità delle due tifoserie invitandole a tifare i propri colori a continuare ad essere chiassose ed alimentare il simpatico sfotto’ senza però scadere nella violenza che diventa un atto inaccettabile.

Durante la civile intervista rilasciata da Caiata, egli,non ha dato nessun modo alla tifoseria materana di inasprire gli animi anzi li ha simpaticamente sollecitati a tifare e anche a canzonare l’avversario come hanno fatto nei suoi confronti.

Credo che i veri tifosi del Matera abbiano apprezzato il senso delle parole del presidente del Potenza, tranne il tal Daniele Fragrasso, che ci ha fatto capire che a prescindere e senza alcuna ragione dagli odiosi potentini vuole stare lontano.

Speriamo che almeno la politica faccia a meno di tali personaggi, perché a rompere e a dividere nella società in cui viviamo di personaggi in giro ce ne sono tantissimi, manca chi deve impegnarsi a mediare ed a unire.

giovanni benedetto

Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way
dell’ esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata.
Per vent’anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi.
Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata.
Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho
lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi
e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90,
attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Ho scritto articoli diffusi dai quotidiani la nuova e il quotidiano, inerenti la storia della
ricezione dei segnali televisivi in Basilicata dal 1954 ad oggi e la storia
della sede Rai di Basilicata nata nel 1959.
Collaboro col periodico di attualità e cultura, ” il messo” con sede redazionale ad Albano di Lucania e diretto da Gianni Molinari
Scrivo sul periodico ” Armonia” edito dall’associazione Rai Senior, un bimestrale nazionale destinato a tutti i dipendenti della Rai.


Lascia un Commento