UN EUROGOL DI RUSSO CONDANNA IL POTENZA

0

rocco sabatella

Partiamo da una considerazione: perdere contro una delle formazioni più accreditate per il salto di categoria, nella fattispecie la Ternana grandi nomi, non è assolutamente uno scandalo e può starci anche nella logica degli eventi. Ma per come è maturata, con il gran gol da fuori area di Russo, lascia l’amaro in bocca perché probabilmente, senza l’invenzione del difensore ternano, il Potenza avrebbe portato a casa il pareggio visto che mancavano una ventina di minuti al termine. La gara della squadra di Raffaele è stata caratterizzata da due volti: una fase di contenimento e di difesa abbastanza ordinata, attenta che ha irretito e non poco gli umbri che hanno trovato enormi difficoltà a penetrare con facilità nell’area di Breza e una fase offensiva che ha lasciato alquanto a desiderare soprattutto nel secondo tempo e per alcune giocate che potevano essere gestite in maniera diversa, in particolare nel primo tempo. Nel quale il gioco dei rossoblù è stato abbastanza intraprendente con alcune azioni che hanno messo in difficoltà la Ternana. Poco o niente si è visto invece nella ripresa con gli attaccanti abbandonati a se stessi e mai in grado di farsi pericolosi e alcuni tentativi finali per riequilibrare la gara con palloni lanciati in area alla ricerca di qualche soluzione estemporanea.  Ma la Ternana non ha mai tremato tanto è vero che il portiere di casa Iannarilli non ha dovuto fare nessuna parata. Tra l’altro dobbiamo rimarcare la circostanza che in attacco Raffaele era alle prese con una vera e propria emergenza per le assenze dei lungodegenti Franca e Jukic e di quelle dell’ultima ora Arcidiacono e Ferri Marini. Mentre Isgrò e Longo non erano nelle migliori condizioni. E poi nella ripresa è rimasto fuori anche Juliano per scelta tecnica di Raffaele che lo ha sostituito con Coppola.  Alla fine la vittoria degli umbri è legittima perché la squadra di Gallo il gol lo ha cercato con più insistenza rispetto al Potenza. Ma con altrettanta franchezza devo dire che la Ternana non è sembrata la corazzata che il suo organico può fare immaginare. Sarà stato per il gran caldo o per la tensione di dover soddisfare il gran pubblico presente al Liberati, la squadra di Gallo ha tenuto il pallino del gioco, ma ha creato una sola, vera grande occasione al primo minuto di gioco con il tiro di Defendi a colpo sicuro respinto quasi sulla linea da Emerson. Poi un’altra occasione l’ha creata Breza respingendo corto un cross da destra con Giosa che nel tentativo di liberare per poco non faceva autorete ma Breza si è inarcato e ha smanacciato il pallone che si stava infilando. Infine un tiro dalla distanza di Defendi appena fuori. Per il Potenza una possibilità per Murano il cui tiro viene respinto in angolo da un difensore, per Isgrò che su assistenza di Murano tenta una conclusione deviata e poi al minuto 45 Murano va giù in area affossato da Russo quando stava per colpire di testa, a pochi metri da Iannarilli, sul preciso cross di Isgrò. La trattenuta è stata evidente e l’impressione è stata che se Vigile di Cosenza avesse fischiato il rigore, non avrebbe provocato scandalo. Anche nella ripresa la Ternana non ha creato molto in attacco, oltre al gol. Un tiro di Marilungo parato da Breza e un altro pasticcio del canadese che si è lasciato sfuggire il pallone su un tiro senza pretese di Partipilo. Per sua fortuna il pallone è terminato sul fondo. Per sintetizzare, il problema principale del Potenza è recuperare gli attaccanti infortunati e lavorare per trovare le soluzioni giuste per le giocate offensive. Sperando anche che oggi, ultimo giorno del mercato, arrivi il tanto agognato attaccante che sta invocando Raffaele. Anche perché domenica arriva al Viviani un’altra grande come il Catania che ha cominciato davvero bene il campionato con due successi.  Al contrario del Bari che doveva ammazzare il campionato e che invece al San Nicola si fa strabattere dalla Viterbese. Abbiamo l’impressione che l’avventura di Cornacchini sulla panchina dei pugliesi sia al capolinea Ad eccezione del Bari e del Catanzaro fermato sul pari dal Bisceglie, tutte le altre grandi hanno, come da pronostico, brindato al successo. Sofferti quelli di Ternana e Catania, molto larga la vittoria della Reggina che ha travolto la Cavese. Chi vuole andare in serie B deve fare i conti con la formazione di Toscano, quadrata in tutti i reparti e davvero in grado di essere il guastafeste di turno.   

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento