UN GRANDE POTENZA SI QUALIFICA PER I PLAY OFF NAZIONALI

0

rocco sabatella

 

Il sogno continua. Il Potenza supera nettamente, solo nel punteggio, la Virtus Francavilla e accede tra le magnifiche 13 formazioni che da domenica prossima cominceranno a darsi battaglia per arrivare alle finali dei play off.  Non è stata una serata facile per la formazione di Raffaele che ha dovuto soffrire molto contro una signora squadra che si è dimostrata la Virtus Francavilla. Che è arrivata al Viviani per fare la partita avendo come unico risultato da conseguire il successo. Forte anche di un girone di ritorno da record essendo risultata la formazione ad aver fatto più punti dopo il Trapani nel ritorno. Pugliesi di mister Trocini con il 3-5-2 ormai collaudato. Risponde Raffaele che apporta qualche variazione alla squadra di domenica scorsa ma conferma il 3-4-3. Dentro Sepe e Piccinni per assicurare maggiore fisicità contro un avversario che ha nei centimetri uno dei suoi punti di forza. I primi minuti sono di studio ma si capisce che il Potenza è ben messo in campo e  non sarà facile per i pugliesi avere il sopravvento. Dopo l’equilibrio dei primi minuti, la Virtus Francavilla comincia ad accelerare e si insedia stabilmente nella metà campo del Potenza costruendo alcune azioni pericolose. Come quella che arriva dopo 11 minuti e che porta Partipilo, imbeccato da un colpo di testa di Folorunsho, ad una conclusione di testa ravvicinata sulla quale comincia la serata portentosa di Raffaele Ioime che salva il Potenza. Nel momento di maggiore pressione della Virtus Francavilla,  i rossoblù pressano alto gli avversari: Piccinni recupera il pallone e serve Guaita il cui cross rasoterra crea il panico nell’area piccola dove Tiritiello si impappina e spedisce alle spalle di Nordi per il vantaggio Potenza che fa esplodere il Viviani. I pugliesi accusano visibilmente il colpo e impiegano un po’ di tempo ad organizzarsi. Emerson e compagni controllano senza difficoltà la reazione della Virtus che nel finale di primo tempo si fanno pericolosi di nuovo con Partipilo che non inquadra la porta. Allo scadere brutta tegola in casa rossoblù: Giosa tenta un anticipo su un avversario ma si accascia al suolo. Dalla sua reazione istintiva si capisce subito che non è cosa di poco conto. E infatti Giosa rimane nello spogliatoio sostituito da Panico. Potenza comunque che non si scompone affatto e continua a difendere il vantaggio con una  prestazione molto intensa e reattiva a cui partecipano anche Longo e Lescano in campo per Ricci e Genchi. Con la qualità dei suoi giocatori la Virtus si fa molto pericolosa nello spazio di due minuti tra il decimo e il dodicesimo minuto. Prima Albertini serve Partipilo in area per una deviazione volante sulla quale vola Ioime a deviare in angolo e poi sul corner prima esce di pugno ad allontanare il pallone che viene rigiocato dai pugliesi con Mastropietro che rasoterra indovina l’angolino. Ma Ioime è ancora miracoloso a mettere in angolo il pallone sbucato tra una selva di gambe.  Questa doppia parata del pipelet rossoblù ha il potere di svuotare la Virtus e infonde coraggio al Potenza che si fa vedere con un paio di conclusioni di Guaita, la seconda deviata in angolo. Angolo pennellato da Emerson per la testa di Piccinni che batte imparabilmente Nordi. E l’apoteosi in campo e sugli spalti per il gol che mette la squadra lucana quasi al sicuro. Il momento è delicato per la squadra di Trocini che si fa trovare scoperta  con Guaita che arriva in area e viene tamponato da Caporale. Per l’arbitro Sozza di Seregno, ottima la sua direzione di gara, è rigore che Emerson lascia a Lescano. Tiro violento e centrale per il 3 a 0 che mette davvero al sicuro la qualificazione del Potenza. C’è solo il tempo per altre sostituzioni nelle due squadre e per ammirare ancora un’altra paratona di Ioime sul colpo di testa di Sarao e il gran gol della bandiera del giovane Puntoriere che da posizione angolata batte finalmente Ioime. Al triplice fischio, grande festa in campo di giocatori e dirigenti che vanno a ringraziare per il sostegno tutti i settori del Viviani. Il Potenza ha meritato il successo per la grande organizzazione, per aver saputo soffrire e mai disunirsi, il cinismo mostrato sotto porta e la grande intensità messa in tutte le zone del campo. Tutti meritevoli ieri sera di voti molto alti e con una citazione particolare per Ioime semplicemente sontuoso e Piccinni che ha fatto a sportellate con i colleghi centrocampisti avversari trovando il modo anche di propiziare il primo gol e di svettare, con il tempo giusto, per segnare una rete molto bella oltre che importante. Sugli scudi ancora una volta Giuseppe Raffaele per le scelte e per il modo in cui ha disposto i suoi uomini in campo. E anche per il coraggio di mandare in campo Longo e Lescano. Un messaggio forte alla squadra e agli avversari di non aver nessuna intenzione di arretrare. O di mettersi  solo a difendere il vantaggio. L’entusiasmo cresce a dismisura e adesso comincia il bello visto che si va a misurarsi con realtà molto importanti. Eroici gli spettatori per l’infame serata metereologica di ieri sera con tanta acqua che si sono dovuti sorbire senza battere ciglio. Adesso è finito il tempo delle partite secche: dalle prossime sfide si passerà a decidere le qualificazioni al turno successivo con gare di andata e ritorno. E spieghiamo meglio il meccanismo. Ieri sono terminati i play off di girone e hanno staccato il pass il Potenza e il Catania nel grone C, l’Arezzo e la Carrarese nel girone A e il Monza e la Feralpisalò nel girone B. A queste sei formazioni si aggiungeranno nel prossimo turno altre 4 compagini, ossia quelle che nei rispettivi gironi sono arrivate al terzo posto e sono il Catanzaro, il Pisa, l’Imolese più la Viterbese vincitrice della Coppa Italia di serie C.  Questa mattina sarà effettuato il sorteggio per stabilire gli accoppiamenti del prossimo turno. Già si conoscono le teste di serie che sono le squadre sopra menzionate che si sono classificate al terzo posto dei tre gironi, la Viterbese e il Catania. Nella seconda urna saranno inserite, insieme al Potenza, tutte le altre squadre che hanno vinto ieri sera. Ovviamente le teste di serie hanno il diritto di giocare il ritorno in casa e questo accadrà mercoledi 22 maggio. Fino al sorteggio lo sport preferito dei tifosi rossoblù sarà quello di ragionare su quale sarebbe il miglior avversario per il Potenza nel prossimo turno. Diciamo che sono tutte formazioni di grande valore per cui un avversario potrebbe valere l’altro. Anche se per una certa preferenza generale si propende per trovare nell’urna l’Imolese che ovviamente per essere arrivata terza ha valori tecnici molto importanti.  Il vantaggio potrebbe essere rappresentato dal fattore ambientale molto favorevole visto che la squadra non ha un grosso seguito di supporters. Al contrario di Pisa, Catania, Catanzaro che hanno storia, blasone e grandissimo seguito di tifosi. Nel clan del Potenza, arrivati a questo punto non ci sono preferenze particolari sull’avversario da incontrare. Solo Raffaele ha detto che preferirebbe misurarsi con una formazione di un altro girone piuttosto che ritrovare Catanzaro, Viterbese e Catania. Da questi incontri usciranno vincenti 5 squadre qualificate per la seconda fase nazionale dei play off. E a loro si aggiungeranno le formazioni che sono arrivate al secondo posto ossia Piacenza, Triestina e Trapani. Altro sorteggio con le squadre arrivate seconde teste di serie più un’altra da stabilire  che daranno vita ai quarti di finale. Poi resteranno in ballo quattro squadre che si daranno battaglia nelle semifinali: le vincenti  andranno in serie B. copertina di P4ul & Lollo ( da io amo il Potenza)

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento