UN PD SEMPLICEMENTE INDECENTE

0

E’ presto per immaginare cambi di scenario politico, ma è indubbio che sta succedendo qualcosa di importante per il Paese : l’uscita da una situazione di ambiguità creata dall’incontro di due forze opposte  e portatrici di interesse divergenti. Più che la paura del voto, più che la voglia di tornare al comando per  le forze che ne erano state escluse l’obiettivo primario dovrebbe essere di evitare una paventata deriva autoritaria , per raggiungere il quale occorrono sobrietà, generosità e capacità di guardare oltre il proprio interesse. Però, adesso che si apre un’altra occasione per fare gli interessi del Paese, in un momento storico nel quale il populismo trova il massimo del suo consenso ed intende capitalizzarlo a breve, c’è un partito, il pd, che apre il secondo tempo della sua infinita faida interna, a parti rovesciate: Renzi,  che all’inizio della storia aveva declinato sprezzantemente l’apertura ai cinquestelle verso una ipotesi di accordo alternativa alla Lega, oggi si dimostra possibilista, mentre Zingaretti, che era partito nella corsa alla segreteria con un malcelato tentativo di allargare il partito a sinistra, fino al dialogo con Di Maio, oggi si muove nel senso opposto e sposa le tesi di Salvini sul voto subito. Gira e rigira il punto di crisi della politica italiana sta sempre in un partito, il Pd, che ormai è sfacciatamente intenzionato a dividersi i resti dell’eredità e che è incapace di vedere al di là del proprio interesse personale. Ci hanno fatto una testa così, su tutti i social, e in tutte le Tv che Salvini, col suo sovranismo  bulimico ci ha fato perdere miliardi, ha fatto arretrare l’Italia e ci ha fatto odiare nel Mondo e adesso che lo si può fronteggiare rafforzando le regole per la difesa democratica, riducendo i costi della politica e mettendo in salvo l’Italia dal pericolo di una nuova legge di bilancio ( la cui mancanza rischia di scatenare i mercati e di farci tornare con lo spread ai tempi di Berlusconi) Renzi e Zingaretti giocano a tavolino la battaglia navale a chi affonda la proposta dell’altro.  Questo partito è diventato indecente, fatto da gente di niente  che gioca a fregarsi sulla pelle degli italiani. E’ un partito della nobiltà decaduta, con la testa nel passato e con l’assoluta incapacità di guardare avanti. E se penso alla protervia di un viceministro che si batte per portare i soldi al Nord, perforando la Basilicata come un colabrodo, il silenzio del partito, in questa regione e in questo momento,  puzza di ulteriore  inganno alla comunità lucana.   ROCCO ROSA

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento