IL SINDACALISMO EROICO DI GIUSEPPE DI VITTORIO

0

In questo momento di grave crisi economica ,sociale e politica  del  Paese   è importante ricordare la figura di Giuseppe Di Vittorio nato a Cerignola  l’undici agosto del 1892  una vista spesa inizialmente nella difesa dei braccianti e dei contadini poveri e successivamente nella costruzione di un grande movimento sindacale per modificare le condizioni di vita e di lavoro di milioni di persone. Di Vittorio nacque da  famiglia di braccianti ,inizio  a lavorare da ragazzo a seguito della morte del padre. Con la forza propria degli autodidatti prima impara  a leggere e scrivere ,  organizza le lotte nel comparto agricolo per  il salario , contro il caporalato e gli agrari. A soli 19 anni divenne segretario della Camera del Lavoro di  Minervino Murge. Antifascista militante partecipò alla Resistenza in Spagna .Fu condannato dal Tribunale  speciale a 12 anni di carcere. Arrestato dai nazisti a Parigi nel 1941 venne liberato due anni dopo .Con Bruno Buozzi  ,conosciuto in prigione ,e Achille Grandi prepararono la rinascita della CGIL in Italia attraverso il Patto di Roma firmato il 9 giugno 1944.

Giuseppe Di Vittorio , dopo la rottura del patto, con tutto il gruppo dirigente della CGIL

rpt

si impegno nella fase della ricostruzione  e nel 1949 fu elaborato il “Piano del Lavoro” che costituisce un dei momenti fondamentali della storia sindacale e democratica  per avere reso protagonisti i lavoratori della rinascita del Paese e del successivo sviluppo economico e occupazionale.

In sintesi, il Piano prevedeva un programma di opere pubbliche ,di edilizia popolare di bonifica e di trasformazioni fondiarie ,potenziamento della produzione energetica , sviluppo della produzione manifatturiera :in concreto la  creazione di posti di lavoro e l’allargamento del mercato interno. 

Queste proposte ,sostenute da conferenze di produzione e  da un vasto movimento di lotta ,dette risultati importanti.

Questa pratica e le scelte sindacali e politiche di Giuseppe  Di Vittorio  vanno ricordate  anche per contrastare con incisività le derive antidemocratiche ,autoritarie ,lesive dei diritti dei cittadini e dei lavoratori  in un rinnovato e urgente sforzo di unità sindacale con un programma che , nella mutata situazione ,potrebbe ispirarsi al  “Patto di Roma”  ed al “Piano del Lavoro”.

 La drammaticità della situazione anche in Basilicata non ammette più indugi ,riflessioni a venire ,attese di confronti senza confronto ,tavoli senza esiti. Bisogna, come scriveva Bruno Manghi  evitare il declino  mentre gruppi e forze  dell’industria della barbarie procedono risoluti con la cultura della paura ,della emarginazione delle fasce deboli e  dell’indebolimento del  mondo del lavoro.  Pietro Simonetti

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento