UNA CITTA’ SENZA CONTROLLI SARA’ SEMPRE UNA CITTA’ SPORCA

0

La sensazione di molti potentini è che la pulizia della città abbia fatto evidenti passi in avanti ma che non sia riuscita a stabilizzarsi sull’efficienza quotidiana ed arranca rincorrendo i problemi giornalieri. Problemi che vengono impietosamente immortalati sui social da cittadini ignari e da consiglieri del passato che hanno improvvisamente dimenticato i cumuli di spazzatura che c’erano ai loro tempi  e il costo esorbitante di un servizio che era in mano agli interessi privati. Oggi molte cose sono cambiate, e’ stato posto rimedio ad alcuni errori ( le stazioni di conferimento),  è stato abbassato il livello di tassazione  del servizio  grazie agli evidenti i risparmi fatti  , nonostante la spesa notevole nell’acquisto di nuovi mezzi e di nuove attrezzature. Perchè non si raggiunge l’efficienza del servizio? Perchè è stata disattesa la parte che riguardava il coinvolgimento operativo dei cittadini, sia nella raccolta di proposte per la migliore organizzazione del servizio, sia nel ruolo civico che i cittadini devono avere. Una parte attiva da un lato per il coinvolgimento operativo e di rioni, delle vie e dei quartieri, una parte passiva del cittadino nell’ossequio a regole e norme che entrano nello specifico e non si limitano a richiamare genericamente la popolazione ad un migliore senso civico. E’ emersa insomma una situazione del tipo che si riscontra in alcune case dove uno passa con la scopa e lo straccio e dieci continuano a buttare carte per terra oppure a passare quando è bagnato ( io qualche volta da piccolo lo facevo ma mi arrivava puntualmente in testa la mazza con cui mia sorella stava lavando per terra).Fuor di metafora, manca un regolamento stringente sui doveri del cittadini,e mancano chi quelle regole deve farli rispettare. Una storia permanente che vede la latitanza del corpo dei vigili urbani  sui temi ambientali e che è la conseguenza di  una visione di falsa efficienza organizzativa  che via via ha tolto di mezzo i vigili urbanistico-ambientali, quelli sanitari e quelli rurali, fino a ridursi ad un unico corpo di vigilanza del traffico urbano o di presidio alle manifestazioni. Insomma sembra proprio che l’attività ispettiva sul modo di conferire i rifiuti disturbi il naso fine della vigilanza, abituato ai fumi di scarico e all’ebbrezza dei  nuovi motori al metano. E quindi, se non si forma una nutrita squadra che abbia il compito di vigilare sul comportamento dei cittadini in ordine al rispetto dell’ambiente, si possono fare tutti gli investimenti che si vogliono ma un risultato di cui andare fieri difficilmente potrà conseguirsi. Il principio è che una casa i cui membri non hanno regole O, SE LE HANNO,NON LE RISPETTANO, sarà sempre una casa sporca.Così è per le citta.- Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento