UNA SPIGA DI GRANO , NOEPOLI SCOMMETTE SUI GIOVANI

0

federico valicenti

 

A Noepoli, nella parte lucana del Parco Nazionale del Pollino 8 giovani decidono di restare, investono se stessi e si candidano per amministrare il proprio comune.

Fulvio Fulvi nel giornale Avvenire del 15 Maggio 2019 titola che nei piccoli comuni la fuga continua  “ Non si provvede più alla manutenzione delle infrastrutture (quando ci sono) e i giovani, terminato il ciclo scolastico, fanno le valigie per trovare lavoro altrove. A presidiare il territorio rimangono solo gli anziani, finché campano. Così si perdono tradizioni e identità locali. E muoiono i luoghi”. 

A Noepoli i giovani pensano che sia giunto il momento di invertire la rotta.

Noepoli è un piccolo paese di poco piu 800 anime, con un nome, Noja, e una storia antica, dove c’era il carcere e la pretura, citta mandamentale fino al 1862.

Dopo il 1862 in segno di rinnovamento, dopo l’Unità d’Italia, e per evitare l’omonimia con il comune pugliese Noicattaro, mutò il proprio poleonimo in Noepoli.

Probabilmente memori della derivazione del nome acquisito Noe-polis

piccola città, diventa importante il riferimento alla polis greca, modello di struttura che prevedeva l’attiva partecipazione degli abitanti liberi alla vita politica.

Da questa narrazione della propria memoria si sono lasciati influenzare e contaminare Giusy, Filomena, Morena, Vito, Matteo, Francesco e Claudio che decidono che a guidare la lista Giovani per Noepoli sia Antonietta.

Età media 29 anni, alcuni piccole partita Iva, con nessun cognome altisonante ne guidati da navigati politici locali.

Il loro logo? Una spiga di grano, simbolo di rinascita e di benessere. 

Raccontano che non si sono candidati per essere contro qualcuno o qualcosa ma solo per affermare la “restanza” , la loro voglia e intenzione di restare e di non far scomparire, come dice Fulvi nel suo articolo, le identità e le tradizioni locali del proprio luogo.

Sembra che questa volta non siano i giovani a decidere se restare o meno ma la restante popolazione deve chiedersi e scegliere se questi giovani devono restare o andare via, ora dipende da loro.

E se gli abitanti di Noepoli decidono che i giovani devono restare potrebbe essere un invito anche agli altri nostri piccoli paesi della Val Sarmento.

Potrebbe rappresentare un inizio di una nuova primavera dove gli abitanti dei luoghi che muoiono mettono in mano alla propria gioventù il proprio destino.

Sempre che da Noepoli parta per avverarsi il modello polis, della partecipazione attiva e vera dei propri abitanti.  

                                                       

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento