IL VANGELO SECONDO ANDRISANI

0


NINO CARELLA

E’ stato finalmente proiettato giovedì sera a Matera, in un Cinema Duni strapieno in ogni ordine di posti, l’attesissimo – almeno da queste parti – “Il Vangelo secondo Mattei” di Antonio Andrisani, celebre – almeno da queste parti, perché altrove è ben più conosciuto per aver vinto fior di premi cinematografici – per i suoi viralissimi corti sul web che scanzonano fatti e misfatti della società lucana e materana in particolare.

Il racconto muove e spazia all’interno dei due orizzonti dichiarati nel titolo: il petrolio, croce e delizia del popolo lucano, e il Vangelo, o meglio i film sul Vangelo (a partire da quello pasoliniano), nostra delizia e croce anch’essi. E più che un film di critica al petrolio o al mondo del cinema (lo sfigatissimo regista interpretato da Andrisani, dirà di voler affidare il ruolo da protagonista del suo film rintracciando a tutti i costi una comparsa del vecchio film di Pasolini, perché i critici cinematografici impazziscono per queste trovate), è un film sull’animo umano, sempre in lotta tra il bene e il male, tra la tentazione di vendersi per 40 denari e la fatica di conservare fino in fondo la propria integralità morale. Specie in tempi difficili, schiacciati tra l’incudine delle responsabilità e il martello della povertà, che sogni e passioni non bastano a superare.

E la croce che i lucani portano più o meno consapevolmente addosso, è ora sulle spalle di Franco Gravela, il “Cristo” di Andrisani, il più atipico e originale tra quelli passati negli ultimi decenni tra i set nei Sassi, ma uno soltanto dei tanti “Cristi” che attraversano il film: sognati, evocati, o strappati dal Carro della Bruna. Invece, il regista che doveva denunciare il lato oscuro del petrolio – il Dio dei lucani che ha promesso miracoli e sta lasciando però solo ferite e divisioni – si rivelerà un Giuda, pronto a tradire Franco per sistemare i propri casini economici, e finendo, come Giuda, morto (ucciso dalla lobby petrolifera? suicidatosi per i rimorsi di coscienza?) con il frutto del tradimento ancora in tasca. Non più 40 denari ma 50.000 euro, che in duemila anni l’inflazione ha galoppato parecchio.

Andrisani riesce a trattare temi complicati e tutt’altro che pacificamente risolti, e a fornire spunti di riflessione al di là della superficie del racconto stesso,  puntellandolo di battute popolari e giochi di parole (spassosissimi gli strafalcioni linguistici di un grande e per l’occcasione materanissimo Franco Gravela/Flavio Bucci) che strappano qualche sorriso e aiutano a trascorrere i minuti tra l’inizio del film e i titoli di coda.

Come l’accenno al contrastato tema della Matera-Disneyland, che il crescente turismo ma anche il grande circo del Cinema – che ogni anno issa da queste parti le sue tende con produzioni quasi sempre caratterizzate da riferimenti ai Testi Sacri, mettendo paradossalmente in contrapposizione i poveri cristi materani che vi recitano da comparse, con i ricchi Cristi hollywoodiani – contribuiscono pericolosamente a creare.

In una Basilicata forse né del tutto Inferno né del tutto Paradiso Terrestre, che fa da sfondo non solo al racconto ma anche alla bella fotografia mostrando soprattutto i suoi angoli meno conosciuti e meno battuti dal cinema (la Diga del Pertusillo, i Calanchi, il quartiere di Bottiglione, gli angoli più singolari e nascosti dei Sassi di Matera)  Andrisani risolve il dibattuto e atteso tema “petrolio”, con inaspettata saggezza; contrapponendo cioè allo sforzo funambolesco e involontariamente comico (ma politicamente e socialmente drammatico) di chi tenta di giustificare l’ingiustificabile, lavorando di fervida fantasia nell’improbabile tentativo di collegare le estrazioni alla cultura (il petrolio scoperto da Pascoli, i reperti archeologici ritrovati trivellando il territorio) cui una parte della Basilicata – Matera in testa – provano a sfidare il proprio futuro, il pensiero semplice, chiaro e razionale dell’angelica Andrea Osvart: come in un matrimonio in crisi, è arrivato forse il momento di prendere atto che ci abbiamo provato, non ha funzionato, e staremo tutti meglio dividendo le nostre strade: la Basilicata da una parte, il petrolio dall’altra.

Bisogna però prima stabilire chi pagherà gli alimenti.

Condividi

Sull' Autore

Nino Carella

Ho impostato il navigatore in direzione aziendale ma, blaterando di democrazia e di sviluppo, ho svoltato a sinistra finendo dritto addosso a un blog: ed erano già passati quarant'anni.

Lascia un Commento