ZÌ TOR U BLAK, U CACCIATOR

0

 

DOMENICO FRIOLO

Tra il 1952 ed il 1953 il quartiere del Purgatorio si identificava in una calata detta via Monte Carmelo, abitata per lo più dalla famiglia Cirigliano e numerosi discendenti, che a volte avevano lo stesso nome e per distinguerli si ricorreva ai soprannomi: così presero voga i Campanari, i Corvi, i Bumm, Zì Maria la sacrestana. I figli dei figli venivano indicati con l’aggiunta di una erre, esempio: I Corvi divennero Ri Corvi, discendente dei corvi, e quando questo sistema veniva colmato, i nipoti dei corvi venivano chiamati con un nuovo personale soprannome che veniva da altri forgiato , spesso dovuto a uno sfottò, ad una passione, ad un episodio comico. Per cui ai discendenti dei miei bisnonni in questione, i Cirigliano fu dato il nomignolo di “black”. Zì Tore ne era il capostipite. Fu così soprannominato per la sua passione per la caccia in quanto nell’attimo precedente a sparare contro la selvaggina, usava dire ” mó u black. ” Ovvero: ora lo blocco. Per cui Salvatore Cirigliano veniva identificato nel paese come: U Black. Questa particolare usanza dei soprannomi, in Lucania era diffusa ed alcuni soprannomi erano efficacissimi e anche belli.. Ma ora torniamo a Zì Tore U Black, con questa poesia che lo descrive.

ZÌ TOR U BLAK, U CACCIATOR
Povr puddcedd sup u caggin,
z Tor u Blak i mpallnair :
idd, ier’r cacciator, p s sfamà.
Z Tor ier’r com a tutt i tat: suvran !
Sta’vie’r vcin a u fucular a u post suj
idd, a vot ier’r duce com u zuccr
e cert vot ier’r amar com u vlen
e mnacciair c tizzafoc e sulvatur
abbuccat a u rcciul r vin aglianic.
Ier’r ormai, quas fatt a vin,
cann s mttier assttat a cul arret
ndà solit seggiaredd p sta r’rritt.
Ier’r semb ngazzat, trist e sul,
p nu nent iastmair Crist e Sant,
vrammann pigghiangul a quist er a quir.
Zà nDunett, a mgghier staviir citt
e sfastdiat pnnair i puddcedd,
i cunzair e pò i nvccair ndù spid.
Mentr u vent mannair ndrirc i pinn.
Ndrament Giacumin add Sanaporc,
accattair na gazzos pà mitt ndù vin.
Zà nDunett girair u spid sup a vrac:
c’bell addor ndà cas, oi c gulia vníer…
Na vot arrstut i puddcedd iern a tavl.
Sup a buffett, nu stozz r pan,
duie uliv e na buttiggh r vin,
tutt s’ass’stain e citt citt mangiain.
Poesia in vernacolo rotondellese  le foto a corredo del testo riguardano il territorio di Rotondella

 

 

 

 

Condividi

Sull' Autore

Domenico Friolo

Domenico Friolo...

Rispondi