CUPPARO HA CENTRATO IL BERSAGLIO. E’ LA POLITICA AD ESSERE INADEGUATA

0

Donato Paolo Salvatore*

HO SEGUITO CON PARTICOLARE ATTENZIONE IL DIBATTITO SCATURITO SULLA LEGGE DI RIFORMA DEI CONSORZI INDUSTRIALI DI POTENZA E MATERA PROPOSTA DALL’ASSESSORE CUPPARO.

PROVO AD ESPRIMERE IL MIO PENSIERO  “SINE IRA ET STUDIO” CON L’UNICO INTERESSE A RIMETTERE A POSTO ALCUNI TASSELLI SIN QUI NON EVIDENZIATI DALLA DISCUSSIONE.

A GIUDICARE DA TALUNI GIUDIZI LETTI SULLA STAMPA, LA POLITICA REGIONALE ASSOLVE SE STESSA E SCARICA SUL SOLO CONSORZIO ASI DI POTENZA ANCHE GLI ERRORI, LE DISTRAZIONI , IL CORAGGIO MANCATO , E LE PROPRIE SUPERFICIALITA’.

NON MI RIFERISCO ALLA   LETTURA POLITICA DELL’EPISODIO ACCADUTO IN CONSIGLIO REGIONALE CHE HA DETERMINATO LE DIMISSIONI DELL’ASSESSORE CUPPARO ,LE VICENDE CHE RIGUARDANO LA TENUTA POLITICA DELL’ATTUALE MAGGIORANZA NON DOVREBBERO INCROCIARSI E CONFONDERSI CON  PROVVEDIMENTI IMPORTANTI COME SONO QUELLI DI CUI SI PARLA, TANTOMENO INTRODURRE ED IN MANIERA SURRETTIZIA CHIAMATE ALLE ARMI PER DIFENDERE CAMPANILI,  LOCALISMI MIOPI CHE SOLITAMENTE APPARTENGONO AD UNA CLASSE DIRIGENTE  MEDIOCRE.

LA PROPOSTA DI CUPPARO IN UNA PRIMA LETTURA E NELLA SUA IPOTESI FINALE HA IL CORAGGIO DI PRENDERE DI PETTO  UN TEMA IRRISOLTO DA TROPPO TEMPO E SUL QUALE LA POLITICA IN QUESTI ANNI SI E’ DISTRATTA MOLTO , LIMITANDO IL PROPRIO RUOLO AD INTERVENIRE SULLA EMERGENZA  CON PROVVEDIMENTI SPOT E UNA GIRANDOLA DI COMMISSARI E SOLO QUELLI PERALTRO ……MAI ACCOMPAGNATI DA PROVVEDIMENTI STRUTTURALI DI AFFIANCAMENTO.

 IL PRIMO PIANO DI RISANAMENTO  E’ DEL 2012 PRECEDUTO DALLE PROCEDURE DI ANALISI PATRIMONIALE E CONTABILE DEI CONSORZI  , CON LA EROGAZIONE DI UNA PRIMA TRANCHE DI FINANZIAMENTO DEBITAMENTE UTILIZZATA E RENDICONDATA , IN ATTESA POI DI UN MUTUO PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA PREGRESSE MAI POI  REALIZZATOSI ,  PIANO DEFINITIVAMENTE  ACCANTONATO DOPO  LA PROCEDURA DI GARA  PER L’AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE  DELLE AREE INDUSTRALI,  GARA AGGIUDICATA E POI  CADUCATA .

ERA EVIDENTE ED E’ EVIDENTE CHE IL GRANDE IMPUTATO ASI  POTENZA DA SOLO NON ERA IN GRADO IERI E NON SAREBBE OGGI IN GRADO DI RISANARE SE STESSO. GIUSTO QUINDI L’AVVIO DELLA MESSA IN LIQUIDAZIONE E LA COSTITUZIONE DI UN NUOVO SOGGETTO CON NUOVI COMPITI E FUNZIONI .

UN NUOVO SOGGETTO CHE OVVIAMENTE NON POTREBBE CHE AVERE COME ORIZZONTE OPERATIVO LA INTERA REGIONE .

 NON ESISTONO POLITICHE INDUSTRIALI DOMESTICHE , MA ESISTONO INCENTIVI , CONDIZIONI LOCALIZZATIVE, REALIZZO DI RETI MATERIALI ED IMMATERIALI , SERVIZI , UTILITIES,  POLITICHE REGIONALI DI SOSTEGNO ED UNA GOVERNANCE UNICA  DI QUESTI STRUMENTI:  SOLO DOPO VENGONO I SOGGETTI OPERATIVI DI AMBITO PROVINCIALE O DI AREE INDUSTRIALI PARTICOLARMENTE RILEVANTI.

MI  SAREBBE PIACIUTO UN DIBATTITO SERENO SU TUTTO QUESTO . INVECE HA PREVALSO  LA DISCUSSIONE SUI  CONSORZI ESISTENTI  VIRTUOSI O PRESUNTI TALI  E CARROZZONI O PRESUNTI TALI.

SOMMESSAMENTE RICORDO CHE ASI POTENZA E ASI MATERA SONO “OGGETTI PROFONDAMENTE  “DIVERSI . A MATERA IL SOGGETTO PRINCIPALE E’ TECNOPARCO CHE CON  EFFICACIA PROPRIA SVOLGE IL SUO COMPITO E PRODUCE UTILI QUINDI  ASI MATERA E PROVINCIA MATERA CHE SI GIOVANO DI QUESTA ATTIVITA’ . A POTENZA C’E’ ASI E BASTA CON UN RAPPORTO DI SERVIZIO CON UN GESTORE PRIVATO A CUI CORRISPONDERE OVVIAMENTE IL COSTO MENSILE DEI SERVIZI RESI E CON UN FARDELLO CHE DERIVA DALLE AREE EX 219 CHE A MATERA NON ESISTONO E CHE A POTENZA SONO 6  EREDITATE DALLO STATO E TRASFERITE ALLA REGIONE PRIMA ED A ASI POTENZA DOPO IN AGGIUNTA ALLE ORIGINARIE 5 AREE PREESISTENTI POI ACCORPATE E RIDOTTE A TRE PER UN TOTALE DI 9.

SI OMETTE DI RICORDARE COME FINO AL 2007 IL MICA  (MINISTERO INDUSTRIA COMMERCIO E ARTIGIANATO ) AI SENSI DELLA LEGGE 266/97 EROGAVA A REGIONE BASILICATA  E QUINDI AD ASI 3,8 MILIONI DI EURO ANNUI PER LA GESTIONE DELLE AREE ,  RISORSE CESSATE APPUNTO NEL 2007 E MAI SOSTITUITE DA  TRASFERIMENTI  CONNATURATI  AL SERVIZIO RESO, SOLO  L’OBBLIGO A GARANTIRNE LA CONTINUITA’.

ASI POTENZA HA UN DEFICIT STRUTTURALE ANNUO CONSIDEREVOLE CHE RIVIENE ESATTAMENTE DAL  DALLE SPESE PER LA GESTIONE E MANUTENZIONI DEGLI IMPIANTI STRUTTURALMENTE SOVRADIMENSIONATI  DELLE AREE INDUSTRIALI (ENERGIA ELETTRICA PER LA ILLUMINAZIONE, E FORZA MOTRICE PER GLI IMPIANTI, SMALTIMENTO FANGHI E R.S.A.U., FORNITURE IDRICHE POTABILI ED INDUSTRIALI ) INDISPENSABILI ALLE AZIENDE INSEDIATE. .

FRA IL 2004 E IL 2006 IL PERSONALE E’ LIEVITATO IN MANIERA CONSIDEREVOLE .

ASI POTENZA , E’ UN “OGGETTO ” CHE AMMINISTRA 9 AREE INDUSTRIALI CON CIRCA 600 AZIENDE , MIGLIAIA E MIGLIAIA DI ADDETTI  80 KM DI STRADE E FERROVIE, DEPURATORI , IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO, CABINE ELETTRICHE , OLTRE 2000 PALI DI ILLUMINAZIONE, 1900 ETTARI DI ESTENSIONE, VASCHE DI ACCUMULO,  POTABILIZZATORI, 170 KM DI RETI IDRICHE E FOGNARIE , IL LAGO DI PANTANO ( ALTRO COSTO TUTTORA IN CAPO AL CONSORZIO).

ASI POTENZA E’ ANCHE STATO COMM. GINO VIGGIANI E VINCENZO VERRASTRO , PONTE MUSMECI E AREA INDUSTRALE DI POTENZA  , E’ BELLINO E GERALDI AD AFFIANCARE L’INSEDIAMENTO FIAT E TANT’ALTRO.

OCCHIO A GENERALIZZARE IN UN GIUDIZIO DI PANCIA E SENZA CONOSCERE FATTI ,  STORIA ED UOMINI .

CERTO ASI POTENZA E’ ANCHE  DISECONOMIE  INCREDIBILI  COME L’APPROVVIGIONAMENTO DI ACQUA INDUSTRIALE  A 0,39 EURO  E TARIFFE DI VENDITA  APPLICATE AD AZIENDE  A 0,23 EUR TARIFFE CHE CERTO NON STABILIVA ASI, ASI POTENZA E’ ANCHE CRISI DRAMMATICA DELL’APPARATO PRODUTTIVO CON CONSEGUENZE DISTORSIVE SUL CONSORZIO : MANTENERE IN ESERCIZIO LE INFRASTRUTTURE E GLI IMPIANTI CON MENO AZIENDE ATTIVE,  

E’ ANCHE FATTA DA UNA STRUTTURA DAI COSTI RIGIDI  E RIMASTA TALE , DAL TRASFERIMENTO DEL DEPURATORE DI POTENZA AD  ACQUEDOTTO LUCANO SENZA TRASFERIMENTO DEL PERSONALE ADDETTO E IL  VENIR MENO DEI NOTEVOLI RICAVI RELATIVI (SOLO DI RECENTE E’ AVVENUTO IL  TRASFERIMENTO DEL PERSONALE .

CERTO E’ ANCHE COLPA DELL’ASI ; PERMANGONO AL SUO INTERNO RESISTENZE AL NUOVO ,MA E’ ANCHE   COMPETENZA , ESPERIENZA E CAPACITA’ SPESSO MORTIFICATE O ADDIRITTURA NON UTILIZZATE  PER LUNGHI PERIODI.

LA POLITICA ANZICHE’ GUARDARSI ALLO SPECCHIO AVREBBE DOVUTO ACCOMPAGNARE LE EROGAZIONI  CON UN UNA IDEA IN TESTA DI LUNGO PERIODO ANZICHE’ LIMITARSI A CONSENTIRE AD ASI DI PAGARE E IN FORMA SALTUARIA I SALARI AI LAVORATORI CHE SI OCCUPAVANO DELLA GESTIONE DELLE AREE E RINVIARE INVECE LA PARS COSTRUENS A FUTURA MEMORIA.

LEGGO ED HO LETTO IN QUESTI ANNI TANTE INESATTEZZE SUI NUMERI DELLE RISORSE EROGATE E SUL LORO MERITO  .

COMPRENDO MA NON GIUSTIFICO LA LEVATA DI SCUDI DEI CONSIGLIERI MATERANI DI MAGGIORANZA  E DI  OPPOSIZIONE  , ALCUNI DEI QUALI IN MAGGIORANZA NEL PASSATO ,  QUANDO SI DISCUTEVA DI ASI POTENZA  , ANZICHE’ CAMBIARE COMMISSARI ( 4 IN 6 ANNI E SOLO QUELLI PERALTRO….) E EROGARE RISORSE UTILI A PASSARE LA NOTTATA PERCHE’ HANNO LASCIATO CHE LA SITUAZIONE PEGGIORASSE ?

FA SPECIE INOLTRE IL SILENZIO VIGLIACCO DI ILLUSTRI AMMINISTRATORI REGIONALI CHE NEL LORO PERCORSO HANNO AVUTO INCARICHI PRESTIGIOSI DI GOVERNO ,  NON PROFERIRE PAROLA SUL TEMA,  NEMMENO PER  DIFENDERE PEZZI  DEL LORO OPERATO O DEI PROPRI FUNZIONARI CHE SI SONO DEDICATI CON IMPEGNO E QUALITA’ A COMPRENDERE I PROBLEMI DELL’ASI POTENZA  E A DARE ATTUAZIONE ALLA PRIMA  LEGGE DI RIFORMA .

SONO PROFONDAMENTE AMAREGGIATO E NE HO MOTIVO , CREDETEMI , PERCHE’ SEGNATO DALLA MIA  ESPERIENZA IN QUELL’AMBITO ,  MA SONO  STATO FELICE DI AVER INCROCIATO NEL MIO CAMMINO ANCHE TANTI VOLTI SINCERI ,  LEGATI ALLA STRUTTURA ED ALLA SUA STORIA  ACCANTO A  MASCHERE CHE GUARDAVANO SOLO ALLA LORO CARRIERA.

UN GRANDE PATRIMONIO DI QUESTA PROVINCIA E DI QUESTA REGIONE , CERTO CON TANTI ERRORI MA  CHE DIRE ALLORA DELLA POLITICA CHE SI DIVIDE SUGLI ASSESSORI E NON CONSENTE UNA DISCUSSIONE SUL MERITO VALUTANDO ED ACCOGLIENDO LE OSSERVAZIONI E LE  PREOCCUPAZIONI DEL MONDO SINDACALE E PRODUTTIVO PER UN PROVVEDIMENTO IMPORTANTE ED ATTESO , NON DIVIDENDOSI PER PROVINCIA  MA PER MIGLIORARE E RENDERE PRATICABILE OLTRE CHE LEGITTIMA  UNA SCELTA CHE IO  CONTINUO A CONSIDERARE CORAGGIOSA.

CUPPARO DA IMPRENDITORE E DA UOMO DEL FARE HA POCA DIMESTICHEZZA CON LA POLITICA MA HA COLTO IL BERSAGLIO GROSSO E NESSUNO ADESSO  PUO SOTTRARSI.

LA POLITICA ASCOLTI LE PARTI SOCIALI , DECIDA DI CONCERTO E VADA AVANTI , UNA COSA NON DEVE ACCADERE CHE SI SCARICHI SUL CONSORZIO ASI DI POTENZA ANCHE LA IPOCRISIA E LA FRAGILITA DEL QUADRO POLITICO ATTUALE .

*EX COMMISSARIO  A.S.I

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi