PIPPO CANCELLIERI, NEMO PROFETA…

0

LETTERA AL GIORNALE

A seguito di un mio commento su un pregevole articolo di Adelaide Lombardi pubblicato questa mattina su queste stesse pagine, tu Rocco Rosa mi invitavi a riprendere a scrivere.Apprezzo sinceramente la “protervia” (battutaccia è ovvio) della tua insistenza che invece meriterebbe essere rivolta a tanti altri ben più meritevoli che se non scrivono sul tuo giornale, comunque altrove lo fanno troppo lentamente.Costoro dovrebbero essere presenti da te per il bene non del giornale in se ma per quello del lettore che ne avrebbe sicuro vantaggio.Di più poi di questi tempi di carcere se pure da innocenti tutti. Perché scrivo poco?  Di più di Ingegneria alla Alma Mater Studiorum a Bologna, avrei voluto imparare a scrivere fin da ragazzo quando ascoltavo rapito, delle arringhe di Pignatari raccontate dai vecchi di allora attorno al braciere.Come avrei voluto entrare nel Quinto Orazio Flacco (erano i tempi di Luciano Petrullo, Mariolina Camardese e tralascio volutamente la Ministra che meno vantaggi deve averne avuto) ed ascoltare dalla viva voce di Tancredi o Lello Mecca di Aristotele, Cicerone, Tacito, Flacco stesso, e di tutto l’armamentario di una Gerarchia di Uomini Colti senza il cui apporto iniziale nulla saremmo ancora oggi.Invece mi è toccato la vita acida di chi deve necessariamente prima pensare a mettere insieme il pranzo con la cena sia pure col minimo aiuto delle borse di studio fino alla Laurea e poi di con più fatica, a ritagliare un tempo per il proprio miglioramento culturale dal giorno dell’inizio della Professione.Il risultato?Su quello professionale le cose che ho fatto al giudizio di chi vorrà mentre le usa; su quello umano il miglior giudice sono io e dico quanto in appresso.Esiste un tempo per ogni cosa e che se non lo utilizzi a pieno per altra impellente necessità, distrazione o incuria, finisci per non riuscire a costruirti per come avresti voluto e dovuto.I nove che ho citato qualche mese fa e che sono:Luciano Petrullo,Giuseppe Di Bello,Marco di Geronimo,Ivana Pipponzi,Michele Grieco,Mariolina Camardese,Franco Casella,Giovanna Bellizzi,Nicola Montesano E sicuro altri che non ho il piacere di conoscere, ci sono riusciti o ci stanno riuscendo come per Marco ancora troppo massimalista ma solo per via dell’età.Io no.Il mio personale buco è il Quinto Orazio Flacco proprio nel momento in cui ne avrei avuto più necessità.Insomma scrivo poco (e male) nella consapevolezza di non esserne particolarmente capace. Certo ogni tanto mi capita di raccontare di Matematica, di Ingegneria, perfino di Politica ma mi rendo perfettamente conto di due cose.La prima, meno grave che non interessa quasi a nessuno e riguarda la mia nuova rinnovata indigenza, la seconda che non riesco a farlo come mi piacerebbe e dovrei per una mancanza di strumenti questi in larga parte di base.Ne avessi avuto meno e perfino molto meno invece che a venti anni studiare di Topologia e perdermi dentro le Equazioni Differenziali, queste Filosofia pura, avrei venduto bibite allo stadio con buone possibilità oggi di diventare Ministro.Solo Ingegnere semplice invece.Con te che insisti a chiedermi di scrivere.Fra i nove che ho citato ed altri che non so, chiedilo almeno a Luciano che oltre al Giornale servirebbe a noi tutti.Grazie del pensiero.

Pippo Cancellieri.   

 

Ho conosciuto Pippo nella sua garbata e sarcastica polemica con certa classe dirigente lucana, colpevole di favoritismi e nepotismi, incapace di guardare il merito delle persone, di leggere la loro storia, di scorrere il loro curriculum, alcuni dei quali ..stratosferici.. Ho dato voce ad una protesta  che non riguarda una persona, ma un sistema. E l’ho fatto consapevole che il mio passato era in un partito che nella sua fase più bella sapeva guardare alle persone indipendentemente dall’appartenenza, in una logica di coinvolgimento e di partecipazione. Per quanto riguarda la mia persona, ho cercato sempre di comportarmi nella stessa maniera. Se ho chiamato “talenti lucani” questo foglio elettronico è perchè sono convinto che solo mettendo insieme i migliori, valorizzando le professionalità vere, dando voce a chi ha veramente qualcosa da trasmettere agli altri, si può pensare di smuovere questa barca impantanata che è la Basilicata. Vado avanti leggendo quello che si scrive sui social e contattando le persone che più mi sembrano in grado di far crescere questa comunità, siano persone già note o giovani alle prime armi. Non ho volutamente inserito pubblicità per continuare a farne uno spazio libero, dove ognuno può tranquillamente intervenire senza timore di censura, con i limiti di una correttezza di linguaggio e  di un rispetto delle persone. Debbo purtroppo constatare che , quanto alla meritocrazia , in questa regione ( anche con la maiuscola) , nulla è cambiato e le logiche continuano a rimanere le stesse. Portare avanti il cambiamento significa , per quanto mi riguarda, alzare il livello di attenzione della pubblica opinione, fino a farla diventare punto di riferimento autorevole nel dibattito che riguarda il presente e il futuro di questa Comunità. L’alleanza delle persone serie, l’alleanza dei lucani che credono nelle potenzialità del territorio , che portano problemi e anche soluzioni e che non ubbidiscono alle logicher centraliste dei partiti ma mettono la Basilicata in testa a tutto. Rocco Rosa 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi