ADESSO SI PUO’ PENSARE A PROGRAMMARE LA STAGIONE IN SERIE C

0

rocco sabatella

Con la sconfitta più pesante subita in 10 mesi, si chiude l’esaltante stagione del Potenza, targata Salvatore Caiata, che ha visto dopo sei anni il ritorno dei rossoblù nel campionato di serie C.  La squadra di Ragno non è stata mai in partita sul campo della Vibonese che, sull’onda dell’entusiasmo per il traguardo dei professionisti raggiunto ai rigori contro il Troina, ha sfoderato una partita di buona qualità contro i resti del Potenza che sul campo calabrese non ha mai dato l’impressione di poter e voler fare qualcosa per opporsi ad una formazione sicuramente più motivata e desiderosa di festeggiare con i propri tifosi il ritorno in serie C regalando loro anche la vittoria. Vittoria molto larga maturata nel secondo tempo dopo che nella prima frazione di gioco la Vibonese degli ex Orlandi e Modesto era partita di gran carriera ed era passata in vantaggio con il giovane Silvestro. Devastanti per il Potenza sono stati i primi venti minuti della ripresa con la Vibonese capace di colpire altre tre volte con Tito, Bubas e Cioffi. Questa vittoria cosi larga consente ai calabresi di avere ottime chances di arrivare alla final four della poule scudetto in programma a Rimini il 31 maggio e 2 giugno. E’ vero che il Potenza non vedeva l’ora di staccare la spina e che ha affrontato questa coda di campionato con il minimo sindacale delle motivazioni dopo la splendida cavalcata del campionato, ma almeno si poteva evitare la magra figura che si è fatta contro la Vibonese. Non per la sconfitta che poteva sicuramente starci, ma per il modo non proprio giusto con il quale si è sceso in campo. Il timore di Ragno di incorrere in brutte figure si è dimostrato fondato ma, come ha sempre detto per gli impegni della poule scudetto, sarebbe stato davvero improbo riuscire a portare in campo una squadra in grado di potersi esprimere ad un livello accettabile di intensità. Vi era riuscito, anche se con qualche sofferenza contro il Rieti, ma probabilmente domenica scorsa l’impegno non è mancato perchè non si voleva dare un dispiacere ai tifosi accorsi numerosi al Viviani e in più era forte il desiderio di conservare l’imbattibilità del Viviani per questa stagione. La verità è che il Potenza aveva esaurito le pile fisiche e soprattutto mentali con la grande prestazione ottenuta con il Taranto che ha significato l’arrivo in serie C. Adesso i giocatori, eliminati dopo il pesante ko di Vibo Valentia, possono finalmente andare in vacanza e forse era questo il desiderio maggiore scattato nella loro testa dopo tutto quello che era successo il 29 aprile con il successo adrenalinico sul Taranto e la conseguente festa che si è protratta per tanti giorni ancora. Adesso la palla passa nelle mani del presidente Caiata che non sarà stato proprio contento per la debacle con la Vibonese. Primo step sarà quello di incontrare nei prossimi giorni il tecnico Ragno per trovare l’accordo sulla riconferma del tecnico molfettese. Con il quale si affronterà anche il nodo relativo al tipo di squadra e di rosa che dovranno essere allestite per il prossimo campionato. Partendo da quali giocatori confermare anche per la stagione 2018-2019 tra quelli che hanno vinto la serie D. Di pari passo intenzione del presidente Caiata è quella di rinforzare adeguatamente la struttura societaria per le nuove sfide della serie C. Come le norme impongono, il Potenza dovrà mettere sotto contratto un direttore sportivo e allo stato sono già tanti che si sono proposti al patron del Potenza. E su questo passaggio crediamo che il presidente Caiata debba fare la scelta più oculata possibile mettendo subito le cose in chiaro con chiunque verrà scelto per ruolo di direttore sportivo: le linee guida e le decisioni sulla campagna acquisti spettano al presidente e le indicazioni da seguire sui giocatori da mettere sotto contratto saranno quelle tracciate dall’allenatore. Come dire patti chiari ed amicizia lunga sul fatto che il direttore sportivo deve essere solo una figura operativa deputata a eseguire, sic et simpliciter, le indicazioni che arrivano dalla stanza dei bottoni. Oltre all’aspetto squisitamente tecnico sul quale è già tanta la curiosità dei tifosi rossoblù, si dovranno mettere in atto tutte le pratiche necessarie per formalizzare l’iscrizione al campionato di serie C con la trasformazione in primis della società rossoblù in srl a cui dovranno seguire le altre incombenze.  Oltre al lavoro importante del presidente Caiata e alla sua struttura societaria, dovrà fare la sua parte, in termini esecutivi, il Comune di Potenza per l’effettuazione dei lavori al Viviani per metterlo a norma per la serie C. Con le prime scadenze che datano 26 giugno prossimo quando dovranno essere già pronti il nuovo impianto di illuminazione e le opere per la sicurezza del Viviani. Come si vede, si prospetta un’estate che non annoierà sicuramente i tifosi del Potenza.  

Share.

Sull'Autore

Rocco Sabatella

Rocco Sabatella…


Lascia un Commento