Anticaporalato:avvisi pubblici per l’accoglienza integrata dei lavoratori stagionali del Bradano e del Metapontino. Finanziamento UE di 577 mila euro

0

Gli avvisi per l’accoglienza dei lavoratori stagionali nelle aree del Bradano e del Metapontino sono stati pubblicati sul Bur della Regione lo scorso 22 maggio.

I soggetti del terzo settore hanno 20 giorni dalla pubblicazione per presentare le proprie offerte.
Gli interventi di accoglienza integrata prendono anche il trasporto, attività legate ai centri per l’impiego per l’utilizzo delle liste di prenotazione, misure socio sanitarie e culturali.
Le risorse per complessivi 577 mila euro sostengono i progetti finanziati dalla UE e candidati dalle dalla Regione Basilicata nel 2017 e ricondotti nel Piano Nazionale Anticaporalato mediante le misure Supreme/Pon Inclusione.
Si tratta di progetti SU. PR.E ME che devono essere conclusi entro la meta’ dell 2022 transitori rispetto alla realizzazione dei nuovi Centri pubblici di Boreano/Venosa, Gaudiano/Lavello, ristrutturazione dell’ex Tabacchificio di Palazzo e completamento del Centro di Scanzano, prevalente mente finanziati dalle risorse UE di circa 8 milioni.
Le attivita’anticaporalato citate sono il risultato dell’interesse della UE e della innovativa progettazione che recupera le esperieze di accoglienza e trasporto, oltre alle liste di prenotazione realizzate nel Bradano negli ultimi anni e inseriti nel Piano Nazionale.
Nel contempo la Cooperativa Polis non ha ancora aperto il Centro previsto nell’avviso del Luglio 2020.
Si tratta di una grave inadempienza che va affrontata urgentemente dalle strutture competenti anche per i gravi danni causato ai lavoratori che vivono sotto i ponti e nei ruderi dell’area Metapontina.
In questo qurado di importanti iniziative e disponibilita’di risorse va segnalatala necessita’del tutto non rinviabile dello sbocco della Delibera dell’aprile 2020, predisposta dalla Direzione presidenza Giunta e sottoscritta dal Presidente Bardi.
Il rischio della perdita del  finanziamento Pol Legalita per il progetto di completamento, gemello della realizzazione gia’in corso, della Caserma del Carabinieri di Scanzano, diventa sempre più concreto dalle le scadenza UE.
Perdita del tutto incomprensibile anche per la grave situazione della gestione della lotta alla criminalita’e per la fine dell’utizzo delle risorse assi curate fino al 2021 dai progetti transitori Su.Pr.Eme
Pietro Simonetti
Condividi

Sull' Autore

Giovanni Benedetto

Mi sono occupato per 40 anni prima in Rai e poi in Rai way dell' esercizio degli impianti alta frequenza della Rai in Basilicata. Per vent'anni in qualità di quadro tecnico sono stato responsabile del reparto di manutenzione degli impianti alta frequenza: ripetitori, trasmettitori tv e mf, ponti radio e tutti gli impianti tecnologici connessi. Ho presieduto tutta la fase della swich-off analogico- digitale della rete di diffusiva della Basilicata. Nel 90 per tre mesi come tecnico della Rai Basilicata ho lavorato al centro , ibc, di Saxa Rubra, per inoltrare i segnali televisivi e radiofonici provenienti dai dodici stadi accreditati ai mondiali 90, attraverso i ponti radio e i satelliti in tutto il mondo. Fuori dal mondo produttivo, mi sento un cittadino libero e curioso, che osserva con attenzione la realtà che mi circonda. Attento al comportamento della politica e delle istituzioni e alle decisioni che esse assumono e che incidono sul nostro destino , sensibile ai fenomeni e ai cambiamenti che attengono la nostra società: comprese le virtù e le miserie che essa esprime; sempre raffrontando il presente col passato per schiarire meglio la visione del futuro.

Rispondi