APRE A POTENZA LA SETTIMANA DEL DESIGN

0

Un programma ricco di appuntamenti quello allestito da Come to Potenza (piattaforma di promozione culturale e turistica della città capoluogo) per la prima edizione de LA SETTIMANA DEL DESIGN che si terrà nel centro storico di Potenza dall’ 11 al 16 novembre presso Pretoria 26, coworking ideale per promuovere la propria attività o presentare il proprio progetto.

Con due testimonial d’eccezione Fondazione Manzoni arte e design di Bergamo e lo Studio-Laboratorio di Dalisi di Napoli,  aziende, designer e progettisti potentini per la prima volta daranno corpo ad una progettualità che fonda sul potenziale creativo e migliorativo del design la possibilità di imprimere valore alla crescita e all’offerta  del settore  culturale e ricettivo della città.

Durante i dodici speech cafè che si terranno nelle sei giornate, i Partner della Settimana racconteranno le loro esperienze, presenteranno i loro lavori e manufatti e, cosa ancora più importante , costruiranno la rete sulla quale poggerà una visione della città da ancorare al bello, all’utile, al funzionale.

Spazio anche alla gastronomia con la presenza di ristoratori potentini che hanno di buon grado raccolto l’invito degli organizzatori a discutere di design & food presentando loro ricette.  Sabato 16 poi, nella giornata conclusiva presso la Sala degli Specchi del Teatro Stabile, tutti insieme  si confronteranno con Giacomo  Manzoni , figlio di Pio Manzù designer innovativo e poliedrico che sarà ricordato nel capoluogo lucano a ottant’anni dalla nascita e a 50 dalla scomparsa e da Ira Dalisi, dello studio Laboratorio di Riccardo Dalisi, designer di fama internazionale.

Per Riccardo Dalisi, in particolare, si tratta di un ritorno nella città dei natali poiché è nato a Potenza nel 1931. Famosa la sua scuola e i suoi laboratori artigianali messi in piedi a Napoli, città che lo ha adottato e che lo ha consacrato tra i più grandi interpreti dell’architettura della materia “povera”.

“L’intento con cui nasce LA SETTIMANA DEL DESIGN- sottolinea Enzo Fierro promotore dell’iniziativa –  è quello di dare voce a tante realtà del territorio,  ad applicare ciò che esprimono nei loro campi nel miglioramento complessivo della città. Potenza, ha bisogno di alta progettualità in tutti i settori, dal turismo allo sport e  non può fare a meno dei suoi creativi, dei suoi architetti, dei suoi artigiani, dei suoi ingegneri, dei suoi designer. Ecco perchè lanciamo una nuova progettualità che fonda sul DESIGN il riscatto di Potenza di cui “La settimana”  è solo un primo tassello”.

La Settimana del Design è organizzata con il patrocinio del Comune di Potenza, dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Potenza e del Liceo Statale D’arte W. Gropius.

Schede biografiche:

CHI ERA PIO MANZU’.

Pio Manzù (pseudonimo di Pio Manzoni) (Bergamo, 2 marzo 1939 – Brandizzo, 26 maggio 1969) è stato un designer italiano.

Ha progettato orologi, lampade e la Fiat 127. Pio Manzù può essere considerato uno dei più importanti designer italiani di sempre. Gli appassionati di design lo ricordano per l’orologio Cronotime e per la lampada Parentesi (sviluppata in seguito da Achille Castiglioni) mentre per gli esperti di auto è il ragazzo che morì a soli 30 anni mentre stava andando a mostrare ai vertici Fiat il progetto definitivo della 127. Scopriamo insieme la storia di questo “enfant prodige” dello stile. Appassionato di auto, vince il suo primo premio già a 23 anni quando si aggiudica il concorso internazionale Annèe Automobile con un progetto su base Austin Healey 3000 realizzato da Pininfarina ed esposto ai Saloni di Londra e Torino.

CHI E’ RICCARDO DALISI              

Architetto, nato a Potenza nel 1931. Dal 1971 il suo lavoro di ricerca si concentra sul “design povero”, attraverso una iniziativa sperimentale con i bambini del Rione Traiano di Napoli: qui la ricerca, di forte valore sociale e politico, è strettamente legata alla manualità ed alla partecipazione. La numerosissima produzione sperimentale di tutti gli anni ’70 con i ragazzi di strada è stata presentata alla Triennale di Milano del ’73  e ad Exempla di Monaco nel 1975. Nel 1973, insieme ad Andrea Branzi, Ettore Sottsass, Alessandro Mendini ed altri, fonda la scuola Global Tools. Da allora si è dedicato attivamente al design. Nel 1981 ottiene il “Compasso d’Oro” per la ricerca sulla caffettiera napoletana (realizzata poi da Alessi nel 1987). Dopo il 1975, per altre due volte è presente alla Triennale di Milano con mostre personali. Nel 1989 espone in una personale al Moma di New York. In molti importanti musei sono presenti suoi oggetti, dalle sedie ai vasi, alla caffettiera Alessi (Guggenheim Museum, Museo di Denver, Museo delle Arti Decorative di Montreal, Museo di Copenaghen, Museo d’Arte Contemporanea di Salonicco ecc.). Un importante riconoscimento internazionale è dimostrato dalla partecipazione alla mostra itinerante in Europa Architettura radicale (2000-2001) e dalla mostra Italia-Giappone. Design come stile di vita (Yokohama, Kobe 2001). Ricordiamo la presenza alla Mostra sul Design italiano di Amsterdam (1991), alla Triennale di Chicago (per Ritzenhoff, 1996), alla mostra sull’arte popolare alla Fondazione Cartier (Un art populair, Parigi 2001). Fino al 2003 è stato prima docente poi direttore della Scuola di Specializzazione in Disegno Industriale della Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi Federico II di Napoli presso la stessa facoltà è stato titolare della cattedra di Progettazione.

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento