CEDERE O NON CEDERE, BARDI SFOGLIA LA MARGHERITA

0

Fino a lunedì nessuno è in grado di dire quale svolta avrà questa vicenda politica che ormai ha assunto i contorni di una brutta commedia. Non sono previsti più incontri e le telefonate non ottengono risultato alcuno. Chi è autore di questo disastro, risolva da solo I problemI, fa trasparire la lega come commento generale. A significare che solo Bardi deve decidere, se accettare il diktat della Meloni , alla quale ormai le postazioni interessano poco e non avrebbe dispiacere se anche la Basilicata si allineasse alla posizione nazionale di netta contrapposizione a chi governa, oppure se andare avanti e trovare una nuova maggioranza che lo metta in grado di arrivare almeno alle elezioni politiche. Solo che, per Bardi , non è facile  scaricare i fratellini d’Italia, per il semplice fatto che una candidatura nazionale unitaria alle politiche se la scorda e a Potenza come a Napoli le sue chanches di vittoria diminuirebbero fortemente. D’altra parte ingoiare il rospo di due assessori da dare a Fratelli d’Italia significa aprire una frattura nel suo partito d’appartenenza che ,dal dare le carte come avveniva all’inizio della legislatura, si trova a guardare il gioco da bordo tavolo, con tutte le fiches dissipate. E’ evidente che, chiusa la vertenza in un modo o nell’altro, c’è chi medita di presentare il conto al Governatore e al suo mentore ,Moles, per questa insensata avventura, partita con l’occhiolino ai transfughi e finita con l’occhio pesto per mano dei transfughi. In ogni caso se prova ad allargare la sua maggioranza a Italia Viva non ha risolto I suoi problemi perchè ci sono almeno due o tre consiglieri della compagine di maggioranza che non hanno nessuna remora ad andare a casa e a votare il prima possibile. Che poi, per come stanno andando le cose, è un modo come un altro per uscire da una situazione che non sta portando consensi e che anzi ogni giorno che passa li riduce. Anche perchè Italia Viva, se pure potrebbe essere allettata da una Presidenza, non ci sta a giocare al risiko, sapendo che ove andasse da sola a rinforzare la destra ,dovrebbe imboccare una strada senza uscita, visto l’avvertimento che già è arrivato da alcune forze del centrosinistra. Il che annullerebbe i passi che si stanno facendo in direzione dei Pittelliani, per la ricomposizione di un fronte di possibile alternativo. Insomma , al di là del piglio decisionista, e della conduzione dirigistica, il cerchio magico che circonda il generale non brilla di capacità strategica, un pò perchè non conosce il campo di battaglia, un pò perchè è entrato con quell’arietta di chi sembrava fosse venuto a portare il nuovo in una terra sotto Eboli. Ha trovato pazienza e sopportazione, che per I lucani sono una risorsa preziosa, ma non infinita. E adesso se non è la resa dei conti è almeno un’altra storia che si apre. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi