CONTRO TUTTO E CONTRO TUTTI, IL GENERALE SFONDA LE RESISTENZE DEI DIRIGENTI DI RUOLO

0

Per gli esperti di diritto di casa nostra ( e ce ne sono) , deve essere forte la curiosità di conoscere l’esito finale del nuovo Regolamento sull’ordinamento amministrativo che la Giunta ha varato, nonostante un profluvio di pareri negativi e di osservazioni di merito e di metodo fatte dalle sigle sindacali. Pur in un mare tempestoso, il nocchiero di Filiano va avanti imperterrito e per niente intimidito dalla tempesta polemica abbattutasi sul provvedimento di riassetto considerato da molti illegittimo nei punti che scavalca la tradizionale separazione dei ruoli delle strutture gestionali da quelli di diretta dipendenza dall’organo politico e carente di motivazioni sia nella parte tecnico- finanziaria ( si parla di generico risparmio senza portare cifre e previsioni di spesa) al punto da rischiare una bocciatura dalla Corte dei conti.  Ma critiche e rischi n on hanno sortito effetti e la barca va esattamente lungo la rotta decisa. Tra quelli che più sono entrati nel merito delle questioni, questa volta va annoverato senza dubbio il Sindacato dei Dirigenti ( DIRER Basilicata) che, forte di un provvidenziale ricambio al vertice , ha argomentato  giuridicamente le forzature portate dall’esecutivo, al punto che lo stesso ufficio legislativo del Consiglio ha espresso parere negativo al provvedimento.  Di quali forzature parla la DIRER :

  1. l’azzeramento del comitato dei dirigenti generali ( CICO) che era una sorta di coordinamento tra i vari Dipartimenti per armonizzare i comportamenti e le azioni. Il comitato di coordinamento sarà presieduto adesso dal capo di Gabinetto della presidenza, i cui poteri si sono ampliati a dismisura;
  2.  sarebbero illegittimi i criteri per il conferimento degli incarichi fiduciari per gli uffici di diretta collaborazione perchè anche il conferimento intuitu personae ha dei presupposti e delle condizioni che non paiono osservati 
  3. non esiste una pesatura preliminare degli uffici, in relazione alla loro complessità e quindi alla fascia retributiva connessa
  4. sarebbero illegittimi i trattamenti economici atipici sempre per le strutture di diretta collaborazione (  vedi capo ufficio stampa, Ufficio del Gabinetto ecc).

Se a questo- dice la Direr- si aggiunge che mentre da un lato si sta disegnando la nuova organizzazione, dall’altro si fa l’avviso per le posizioni organizzative sulla base della articolazione precedente, ne deriva un modo di procedere a zig-zag che induce a chiedere un cambio di registro, l’instaurazione di corrette relazioni sindacali e la cessazione di ogni invasione di campo .  In sostanza qui siamo di fronte ad una visione completamente originale della organizzazione regionale proposta dall’Esecutivo Bardi. E se il prosieguo dà ragione ai propugnatori di questa versione  “pretoriana” delle milizie regionali, è difficile immaginare fin dove si possa arrivare con la discrezionalità. C’ è un cambio radicale nel guardare all’amministrazione, non più autonoma ma dipendente dal potere politico e funzionale ad esso.  Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi