COVID, IL DILEMMA DELLA MEMORIA IMMUNITARIA

0

 

ANTONIO MOLFESE MEDICO-GIORNALISTA

QUALE IMMUNITA’ RESIDUA DOPO INFEZIONE da COVID?

POSSIBILE RITORNO DEL VIRUS NEGLI ANNI FUTURI? QUALCHE RISPOSTA!

Queste sono le due principali domande alle quali gli scienziati cercano di dare una risposta, ma gli studi sia italiani che americani hanno trovato iniziali segnali incoraggianti circa la prima domanda sulla durata della immunità.

Gli studi realizzati fino ad ora hanno accertato che i soggetti guariti da forme lievi di Covid avevano conservato una ”corazza” (M.DE BACH CORSERA19/11/2020) di cellule immunitarie sufficienti a respingere la infezione, e fornire protezione dalla malattia per anni.

Altri ricercatori dell’ISTITUTO SUPERIORE  di SANITA di Roma hanno accertato che gli anticorpi  prodotti dai contagiati neutralizzano il virus, cioè impediscono la sua penetrazione nelle cellule umane.

Circa la memoria immunitaria nell’uomo a lungo termine è troppo presto per dare una risposta definitiva perché, come dicono gli immunologi, gli studi si realizzano dopo anni, ma i primi risultati stanno ad indicare che alcuni componenti del sangue a vita lunga (plasmacellule), responsabili della produzione di anticorpi, restano anche decenni. Tutto questo avviene quando un virus continua a circolare.

Circa la seconda domanda, studi in via di realizzazione hanno ipotizzato che è necessario creare un vaccino PAN-CORONAVIRUS (S.ABRIGNANI Corsera 19/11/2020), capace di stimolare una risposta immunitaria protettiva contro tutti i coronavirus. Infatti ogni 10 anni -2002,2010,2019- questo virus ha prodotto  nel mondo nuove malattie, in parte auto-estinte ed in parte debellate per l’intervento dell’uomo. Sulla base di questa sequenza numerica, e sulla base delle modificazioni sociali che favoriscono i salti di specie, se vi sarà il salto da un animale all’uomo un nuovo coronavirus potrebbe infettare l’uomo e comparire in questo decennio

Sarebbe auspicabile che venga ideato e prodotto un vaccino PAN CORONAVIRUS, capace di stimolare una risposta immunitaria contro sequenze proteiche comuni a tutti i coronavirus.

Potrebbe rappresentare un ambizioso progetto di prevenzione per la salute di tutti e mettere a punto uno scudo a largo spettro realizzando un vaccino contro tutti i Coronavirius, ed evitare i gravi danni che la epidemia attuale sta creando( IN COPERTINA FOTO DELLA MENARINI)                                                        

 

 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi