E’ BARDI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA

0

E’ stato più difficile del previsto cacciare il nome, un pò perchè i tre leader del centrodestra hanno rinviato sempre l’appuntamento definitivo, un pò perchè c’erano resistenze interne a Forza italia per privilegiare un candidato più diretta espressione del territorio. Su questo, il grande sponsor di Bardi, il vicepresidente del consiglio europeo Tajani ha tenuto duro ed è riuscito a portare in porto la candidatura. Che è un nome di prim’ordine e rispetto al quale tutti dovrebbero fare quadrato per la vittoria finale. Ma le velleità erano tante e tanti sono oggi i delusi che vanno recuperati alla causa. In primis c’è la situazione della lega che , almeno dalle parti di matera, non rinuncia all’idea di potercela fare da sola,. E’ Tito  Di Maggio il grande suggeritore di questa strategia di puntare tutto su una possiible vittoria in solitario della Lega, ma a questo tentativo è stato già risposto che Salvini non butta all’aria una possibile alleanza di Centrodestra per una scommesa sulla basilicata. C’è però una presenza ingombrante per il generale Bardi, ed è quella del ritorno a casa di Viceconte, ex senatore e grande viaggiatore politico,  candidato persino nel centrosinistra. E intanto proprio Viceconte, grande amico di Tajani, è deciso a prendere la segreteria di Forza Italia, così tanto per mettetre un piede sul primo gradino della riscossa.  Vedremo le reazioni nel centrodoestra. Ma è un fatto che il nome scelto è al di sopra  di ogni polemica, un curriculum spettacolare da tutti i punti di vista.

Comandante in Seconda dal 5 settembre 2013 al 4 settembre 2014
Vito Bardi

 

Vito Bardi, nato a Potenza il 18 settembre 1951.

Ha intrapreso la sua lunga carriera militare nel 1967 essendo stato ammesso a frequentare la Scuola Militare “Nunziatella”, presso la quale ha conseguito il diploma di maturità classica.

Ha frequentato l’Accademia del Corpo dal 1970 al 1974.

E’ stato promosso all’attuale grado il 6 febbraio 2009.

È abilitato all’esercizio della professione “forense” ed è Revisore Ufficiale dei Conti.

Titoli di studio e corsi

Ha conseguito, tra gli altri titoli, le lauree in:

  • Economia e Commercio;
  • Giurisprudenza;
  • Scienze Internazionali e Diplomatiche;
  • Scienze della Sicurezza Economica Finanziaria.

oltre al Master di II livello, in Diritto Tributario dell’Impresa, presso l’Università Commerciale “L. Bocconi” di Milano.

E’ titolato Scuola di Polizia Tributaria avendo frequentato nel biennio 1988-1990 il Corso Superiore di Polizia Tributaria.

Ha preso parte a numerosissimi corsi professionali tra i quali spiccano quelli di “Progettazione e Realizzazione dei Sistemi Informatici”, “Formazione sulla Metodologia di Pianificazione”, “Tecniche di Controlli di Gestione per Uffici” e “Strategie Informatiche e Strategie Aziendali”.

E’ conoscitore della lingua inglese essendogli stato riconosciuto il possesso del livello di II grado presso la Scuola di Lingue Estere dell’Esercito.

La carriera

Il Generale Bardi, Comandante in Seconda dal 5 settembre 2013, è stato nominato Sottotenente il 1° ottobre 1972.

Promosso Tenente il 1° ottobre 1974, ha comandato:

  • la Sezione Operativa di Ponte Chiasso;
  • la 1^ Sezione Operativa della 2^ Compagnia di Roma;
  • la Sezione Mobile della Legione di Torino,

ed ha prestato servizio presso la Sezione di Psicologia del Comando Scuole. Da Capitano, con nomina il 31 dicembre 1979, ha retto la 1^ Compagnia di Livorno ed ha svolto servizio in seno all’Ufficio Legislazione ed al III Reparto del Comando Generale.

Nel grado di Maggiore, conseguito il 1° gennaio 1986, ha frequentato il Corso Superiore di Polizia Tributaria. Promosso Tenente Colonnello il 31 dicembre 1989, ha retto il IV Gruppo di Sezioni, l’Ufficio Operazioni e la Sezione “I” del Nucleo Regionale di Polizia Tributaria di Bari e, successivamente, gli Uffici Organizzazione ed Ordinamento del Comando Generale.

Ricevuta la nomina a Colonnello, il 31 dicembre 1995, ha comandato la Legione di Firenze ed è stato posto a Capo del I Reparto del Comando Generale, incarico nel quale il 1° gennaio 2001 è stato promosso Generale di Brigata.

Generale di Divisione il 1° gennaio 2005, è stato destinato quale Comandante Regionale Campania.

Da Generale di Corpo d’Armata ha ricoperto gli incarichi di Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale e di Ispettore per gli Istituti di Istruzione.

Ha ricoperto numerosissimi incarichi di insegnamento presso l’Accademia, la Scuola Superiore di Polizia Tributaria e gli altri Istituti di Istruzione del Corpo, nonché presso l’Istituto Superiore Stato Maggiore Interforze e l’Istituto Superiore di Polizia.

E’ coautore di pubblicazione scientifiche in materie di interesse istituzionale del Corpo ed è stato fatto destinatario di oltre 60 ricompense di ordine morale per eccezionali risultati di servizio conseguiti in attività operativa e nello svolgimento di funzioni strategiche di Stato Maggiore.

Onorificenze

Per i particolari meriti riconosciutigli nel corso della carriera, è stato insignito delle seguenti onorificenze:

  • Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana;
  • Croce di Commendatore con Spade al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta;
  • Commendatore al Merito del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio;
  • Cavaliere dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme;
  • Medaglia Mauriziana al Merito di dieci lustri di carriera militare;
  • Croce d’Oro con stelletta per oltre 40 anni di servizio;
  • Medaglia Militare d’Oro al Merito di Lungo Comando;
  • Medaglia d’Argento al Merito della Croce Rossa Italiana
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento