EOLICO, LA FOGLIA DI FICO DEL TAR

0

ROCCO ROSA

Il Tar ha dato ragione agli imprenditori dell’eolico per il parco di Vaglio. Tutto come previsto perchè il tar non fa le leggi ma le applica e se ci sono leggi che consentono di palificare anche in zone ambientali sensibili ,non sta al tar dare un giudizio di opportunità ma solo di legittimità. E’ che dietro quersto comportamento, della regione che dice no e del tar che dice si, è un modo pilatesco di operare che è ormai diventato costume della burocrazia regionale. Io ti dico no, pur sapendo che hai rafione, tu ricorri al Tar e siamo tutti contenti, tu con la tua licenza ad operare io con  il sedere coperto . E’ questo il modo con il quale da un decennio si opera sull’eolico,  in attesa di una perimetrazione della aree da salvaguardare che non arriva mai e di un piano paesaggistico che è sempre in formazione. Diciamo le cose come stanno: questo atteggiamento , politicamente conveniente, dal punto di vista burocratico lede sia la dignità dei funzionari, sia le casse della regione costretta a sborsare per cause che si sanno perse in partenza. C’è da chiedersi se l’avvopcatura della Regione, sempre pronta a spartirsi l.e provvigioni provenienti dalle gare vinte, sia anche disponibilie a partecipare con lo stesso fondo alle perdite che la regione subvisce per cause abborracciate e che si arrampicano sughli specchi. E c’è da chiedersi come mai su questa sceneggiata che tontinua da anni, nessuno ancora intervenga o facendo un provvedimento di salvaguardia provvisorio, oppure arrendendosi all’evidenza e lasciando che la legittimità vada avanti. Quello che è certo è ceh la furbizxia non paga, e se prima molta parte dell’opinione pubblica era stata indotta a pensare che il Tar  parteggiava a favore dei privati imperndiutori, oggi la verità che sta venendo fuori fa veramente girare le pale della genmte. Quello dell’eolico èp il più grande scandalo che si sia mai registrato in basilicata, non nel senso di una  attività di corruzione, ma nel senso di una sistematica, ripetuta , omissione degli atti che avrebbero pootyuto fermare questa invasione e deturpazione del paesaggio, anche in luoghi dove non ci sarebbe dopvuto essdere neppure un palo della luce. Assessore Rosa, se vuole mettere mano a questa storiaccia, daerbbe veramente un segnale di cambiamento rispetto ad una dinamica che ha visto sempre l’imprenditoria pubblica del settore con le mani legate e quelli privati liberi di pascolare dovunque. 

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi