FACCE NUOVE PER LA BATTAGLIA, ALTRO CHE RISERVISTI!!

0

Non so se in buona fede si è buttato per dare una mano ad un centrosinistra in basilicata, ma è certo che il risultato ottenuto è esattamente il contrario e cioè quello di far passare nell’immaginario collettivo l’idea di un centrosinistra che sta perdendo la guerra e che richiama in servizio i reduci e gli ex combattenti.  La reazione che c’è stata all’iniziativa di Tonio Boccia è stata dissacrante , sfottente e velenosa, cosa che ha ringalluzzito , sui social, proprio quel  sentimento populista e forcaiolo di chi guarda insistentemente  l’orologio per vedere quando arriva la resa dei conti. Non fosse per una persona che è stato il fondatore del centrosinistra in basilicata, ed è stato anche un buon presidente di regione, mi verrebbe il sospetto che si sia trattato di un gesto affatto innocente. Ma  il solo esplicitarlo sarebbe una illazione fondata sul niente.  Comunque questo fatto è una ulteriore prova di quello che da tempo vado dicendo e cioè che il solo modo di affrontare dignitosamente questa prova di novembre è di guardare avanti e non di girare la testa all’indietro, di proporre cose da fare e non già di ricordare quelle fatte, di far capire che c’è ancora benzina nel motore e che sarebbe uno sbaglio fermare una macchina. Anziché il rendiconto di una gestione, che la gente già conosce per le cose buone che sono state fatte e per quelle che non sono state fatte, occorre mettere in piedi un programma di azione che sia il completamento di una strategia di crescita chiara, coraggiosa, fatta di scelta di campi espliciti sia sul piano politico che su quello programmatico.  Chiedere il voto per quello che si vuol fare , anche declinando una chiara volontà di cambiare, di modificare comportamenti, di dire dove si è sbagliato e come si intende porvi rimedio.  Una comunicazione univoca, con nessuna voce stonata o che si abbandoni ad acuti personalistici, ma che arrivi forte e chiara all’orecchio dei tanti che hanno abbandonato il centrosinistra non credendo più negli uomini e nei loro comportamenti dissonanti . E davanti a questo annuncio di nuovo cammino non ci possono essere facce incoerenti con una nuova proposta di impegno: mettere  avanti i giovani, i sindaci che si sono meglio comportati, le persone che meglio attraggono non per la loro affabulazione ma per la loro azione concreta verso i cittadini. Questa battaglia si vince coni volti nuovi, con persone che sul campo hanno dimostrato di riscuotere la fiducia della comunità, sia essa piccola o grande e di saper contenere la reazione , sostituendo alla rabbia la fiducia nelle persone. Se Pittella  se la sente di mettersi alla guida diretta di questa nuova compagine per il secondo tempo della partita, non aspetti che arrivino a lui dopo aver discusso, litigato, rinviato, mediato e rilanciato candidature con le più fantasiose indicazioni. Non può essere un rimedio, deve aver il coraggio di partire come una soluzione valida e  che ponga l’elettorato di fronte alla scelta tra il ridare fiducia o scegliere l’avventura. E si tenga sempre conto del fatto che una cosa è l’elettorato dei cinque stelle ( che hanno diritto a protestare, pretendere, chiedere il cambiamento) e una cosa è l’elettorato di destra che non può presentarsi come nuovo e come rivoluzionario, perché qui la gestione l’hanno sempre fatta dimostrando ( vedi Matera) che alla fine dei conti hanno fatto peggio degli altri .Metterli insieme è far fare una operazione di maquillage alla destra che è conserrvatrice ,restauratrice ed affatto rivoluzionaria. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa
Online dal 22 Gennaio 2016
Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall’agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line ” talenti lucani”, una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell’opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.


Lascia un Commento