LUIGI GILIO: “FUGGONO”

0

Fuggono

Sei esile sui pendii
la vedovanza dei paesi
suppone una nuova meraviglia
righi sul nuovo millennio

tra anime tormentate
si lasciano cuori sulle strade
sembrano tante foglie al vento
variegate sul colore

fuggono

ti ho ascoltata
sulle onde del lamento
ho inciso immagini tra le mura
tra le pagine ho messo il punto

sono ultimi i nostri figli
eppure si abbeverano al tuo grembo
fatto di orgoglio e storia leggendaria
di fiato vive oltre il tempo

fuggono

sono esuli in altra terra
a rimarginare le ferite
ad immaginare nuove spose
abitanti di nuova umanità

noi che restiamo
ci abbarbichiamo sulla soglia
in eterna attesa
di ristabilire il giro

sperando che ritornano.

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi