GLI INVISIBILI (E QUELLI CHE NON SI FANNO VEDERE)

0

by Rocco Rosa e Antonio Morena

C’è stato un tempo in cui io sostenevo che in Basilicata l’accettazione delle gabbie salariali sarebbe stata da un lato una buona mossa per attrarre investimenti e dall’altro un atto di perequazione sociale. Perchè, dicevo, un lavoratore di Milano o di Roma deve scontare un costo della vita mediamente superiore del 15/20 per cento e un costo dei trasporti che equivaleva , per tempo e denaro, ad almeno un’ora di lavoro in più. Erano parole contro vento perché allora il Sindacato dettava legge e imponeva il rispetto dei suoi totem. Poi, il vento è cambiato, è arrivato Prodi con la riforma Biagi che ha introdotto tutta una serie di contratti che avevano senso se collegati ad una riforma del sistema di formazione, ma che, slegati da un disegno generale, hanno finito col creare il cosiddetto mondo del precariato, nel privato come nel pubblico. Marchionne e Renzi hanno compiuto il resto, l’uno sfilandosi da Confindustria e mandando in soffitta la contrattazione collettiva, l’altro dando mani libere alla grande impresa con il jobs act . In tutto questo tempo, il Sindacato è rimasto ancorato ai suoi tabù e, dietro quella difesa, è invecchiato e si è ritirato in casa, limitandosi a non vedere e non sapere quello che nel lavoro è successo: Altro che gabbie salariali!!C’è oggi, in basilicata come altrove, tutto un mondo invisibile : i lavoratori dei call center, costretti a sorbirsi salari da fame, i co.co.pro attaccati ad un progetto come ancora di salvezza, i precari del pubblico impiego, ognuno dei quali ha avuto una sorte diversa a seconda che ci fosse un Sindaco ( vedi Comune di Potenza) ben disposto alla stabilizzazione o un Presidente della provincia o della Pegione per niente disposto ad assumersene la responsabilità. Siamo così al paradosso di un Sindacato che è rimasto con la testa all’indietro e che campa grazie ancora a leggi che , con la trattenuta automatica, gli assicurano la pensione ( e a volte, la doppia pensione). Una regione che chiede modernità non può ignorare il problema di un sindacato che non rappresenta la platea dei nuovi lavoratori e che in molte riunioni sembra il classico imbucato. Svegliamoci ragazzi, e guardiamo il mondo com’è!

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento