I CONCORSI ALLA REGIONE, IL VERO ESAME PER BARDI

0

Il fabbisogno della Regione Basilicata, insieme a quello delle altre Amministrazioni, doveva uscire entro tre mesi dalla pubblicazione della legge Madia. Sono passati tre anni e si deve al nuovo Governo regionale se si è dato finalmente esecuzione all’obbligo di legge. Il Governo regionale poteva fare come gli altri e tirare avanti, aggiungendo ora per un motivo ora per un altro, precari a precari, ma ha preferito tirare una linea e dire da dove la Basilicata deve ricominciare. Il merito è del presidente Bardi, che , nei tempi consentiti, ha mantenuto uno dei suoi principali impegni elettorali: far rientrare dalla porta di viale Verrastro merito e trasparenza, dando un messaggio di fiducia ai giovani lucani,principalmente a quelli che non hanno santi in Paradiso.  Detto questo, il compito di Bardi è solo all’inizio, perchè è vero che una dotazione di 220 persone è un risultato che apre alla speranza, ma è pur vero che tutto dipende dalla serietà e dalla correttezza con cui si faranno queste prove concorsuali. Perchè se è vero che il passato ci ha regalato purtroppo,in oltre venti anni, una continua selezione di clienti, anche attraverso meccanismi formalmente corretti ma sostanzialmente sotto controllo del potere politico, oggi una ripetizione delle stesse prassi, a partiti alternati, significa dire all’intera Basilicata pulita, ai giovani che hanno studiato, alle professionalità forti che pure ci sono che qui non c’è spazio per il merito e che il loro avvenire ,comunque ,è quello di andarsene da questa terra. Quindi da uno come Bardi, che ha avuto un consenso personale anche per il background che si portava dietro come uomo della legalità, ci si aspetta che metta a posto meccanismi oggettivi, trasparenti e controllabili di corretta selezione dei candidati, a partire dalla  nomina di commissioni che diano il massimo di garanzia. Se si vuole dimostrare che non sono cambiate solo le persone ma anche il modo di approcciare le questioni e il tasso di moralità che si è immesso nella Istituzione, allora non c’è occasione più visibile e dirimente di questa. Sugli incarichi , purtroppo,non si è visto la differenza tra ieri ed oggi. Speriamo che sui concorsi ,la si possa cogliere per intero. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento