IV Edizione del Concorso di Poesia Dialettale: vincitori e menzioni speciali

0

Con la premiazione a distanza del 9 gennaio 2021 pubblicata sulla pagina Facebook “Centro Internazionale di Dialettologia – ALBa”, si è conclusa la IV edizione del Concorso di Poesia Dialettale Lucana. Per la prima volta il Concorso è stato rivolto anche alle bambine e ai bambini delle scuole primarie e delle scuole secondarie di I grado con una sezione dedicata. La IV edizione ha visto una grande partecipazione: 94 in totale le poesie concorrenti, di cui 30 provenienti dalle scuole. Quattro gli istituti scolastici che hanno inviato componimenti: Istituto Comprensivo “Avigliano Centro”, Istituto Comprensivo “M. Carlucci” Baragiano (plesso di Ruoti), Istituto Comprensivo Genzano di Lucania, Istituto Comprensivo “N. Fiorentino” Montalbano Jonico.

Le poetesse e i poeti dei 64 componimenti rimanenti provengono da Acerenza, Atella, Atena Lucana, Avigliano, Calvello, Castelsaraceno, Colobraro, Filiano, Forenza, Lauria, Marsico Nuovo, Melfi, Missanello, Moliterno, Montalbano Jonico, Montemilone, Muro Lucano, Palazzo San Gervasio, Pescopagano, Pietrapertosa, Pignola, Pisticci, Potenza, Rapone, Roccanova, Ruoti, Satriano, Senise, Tito, Tolve, Trivigno, Tursi, Venosa, Vietri di Potenza, Viggiano. Dunque, non solo hanno partecipato concorrenti provenienti dalle province di Matera e Potenza, ma anche dal vicino Vallo di Diano, precisamente da Atena Lucana, amministrativamente appartenente alla provincia di Salerno, ma linguisticamente lucano. Il concorso infatti, è rivolto anche a questa area che mantiene un legame storico e culturale con la nostra regione.

La commissione, composta dalle poetesse Crescenzia Lucia, Mara Sabia, Valeria Iannuzzi e, per la valutazione della lingua, dalla prof.ssa Patrizia Del Puente, ha decretato i vincitori,  assegnato il premio “Antonio Infantino” e due menzioni speciali.

 Menzioni speciali:

Luisa Salvia – Parlému lu dialèttu ‘Parliamo il dialetto’;

Rosa Spezzacatene – U pòvërë ggiuvënillë  ‘Il povero giovinello’

Premio ” Antonio Infantino”:

Franco Pantalena – La rëtènna La pratica contadina secondo la quale ci si aiutava reciprocamente tra famiglie nel periodo dei raccolti’.

III classificati:

Marco Tavassi – U sapórë dë quédda la(g)rëma ‘Il sapore di quella lacrima’;

Rosa Gialdino – I rëcuèstë dë vëtaminë ‘Le scorte di vitamine’.

II classificati:

Francesca Caputo –  Amazzònia ‘Amazzonia’

Noemi Sangiacomo – Masinë ‘Birbante’

I classificato:

Giuseppina Calcagno – Nòttë sanda i viilia o lịttëra a Ggësù Bbamminụ ‘Notte santa della vigilia o lettera A Gesù Bambino’

Per quanto riguarda la  sezione rivolta alle scuole, la commissione ha decretato i seguenti vincitori e assegnato due menzioni.

 Menzioni speciali:

Istituto comprensivo “Avigliano Centro”, Ludovica Zaccagnino – Chë èglia la (g)uèrra? ‘Che cosa è la guerra?’;

Istituto comprensivo “Avigliano Centro”, Giuliana Telesca –  Lu còrë míë  ‘Il cuore mio’.

 III classificati:

Istituto comprensivo Montalbano Jonico, Vito MarreseŠòšša méië ‘Mia sorella’;

Istituto comprensivo Baragiano (plesso di Ruoti), Alessio Gerardo Potenza – Tèrra nòstrë ‘Terra nostra’.

II classificato:

Istituto comprensivo Genzano di Lucania, II A Scuola primaria – A mmammë ‘A mamma’.

I classificato:

Istituto comprensivo Baragiano (plesso di Ruoti), Scuola secondaria di I grado, Erica De Carlo – Terra Roti ‘Ruoti’.

Di seguito riportiamo la trascrizione in ADL (Alfabeto dei Dialetti Lucani) di tutte le poesie sopraelencate. Solo in questo caso, la trascrizione rispecchia fedelmente la pronuncia delle autrici e degli autori. Ricordiamo che, come ogni anno, verrà pubblicato appena possibile un opuscolo contenente tutti i componimenti partecipanti al Concorso trascritti in ADL e corredati da note linguistiche.

Una menzione speciale per la sensibilità espressa attraverso la poesia nei confronti del valore culturale e sociale del dialetto è stata assegnata alla signora Luisa Salvia, autrice della poesia Parlému lu dialèttu ‘Parliamo il dialetto’, nel dialetto di Tito.

N(g)’è stattë nu tèmbu

ca stašiému accòrtu accòrtu

quannë parlavëmu,

pë ccërcà dë nu: usà lu dialèttu.

Da picëli n’ànnu fattë créššë

cu lu pënziéru ca n’aviéma

mbarà a pparlà bònu.

Lu dialèttu iéra dë li cafóni,

dë chi stašía fuóra

e nu ggía mangu a la šcòla.

indë dë mì aggiu sèmbë pënzà

ca accuššì nu iéra,

pëcché quannë të truóvi a pparlà

cu lë paròlë dë lu paísu tóvu,

parë ca lu cuórë s’allarga;

cèrtu èa savé quannë e addó

lu pòi fà.

Pëcché së sa ca së parla l’italianu,

però si parli cu qqualchedunu

lu dialèttu, lë paròlë só cchiù ccavëdë,

parë ca t’accuógliënë, të sèndi a la casa.

“Stasera il cielo è un manto di stelle:

staséra si uardi lu ciélu, parë na cuvèrta chiéna dë stéllë”.

E sèndi veramèndë lu calórë

dë sta cuvèrta ca të mbuó(g)a, t’accarézza.

E accuššì tandë atë còsë:

cóndi da magnà, còsë ca succèdënë,

li pòsti addó stai, s’énghiënë dë chëlóri

si parli accuššì cu lë paròlë

ca të sì mbarà addó sì nnada.

E si lë šcrivi?

Të piglia na cundëndézza

cómm’a na musica d’ati tèmbi.

Cèrtë vòtë më méndu appòsta

cu dd’uógghi chiòsi,

o më uardu attórnu

e accumingiu a ppënzà

a li nòmi dë lu dialèttu e li cóndi

ca së védënë: érmëši,

acciéddi, mundagnë,

críaturi.

Parë dë pazzìà cu lë paròlë e só ccundènda.

Pò tuttë lë paròlë šcurdadë:

rëbbëlíó,

šmušënà,

ngiangëlìà,

e tandi e tandi…

Che rricchézza! Che ppoesía!

È ppròpria bbèllu nu lë pudé šcurdà:

amma savé lu dialèttu e l’amma puru

mbarà a li críaturi.

È la stòria nòstra puru quésta; la famiglia,

lë rradicë dë chi sómu nói, d’addó vënému,

nu patrimòniu ca nun_zë pò ppèrdë.

 

C’era un tempo in cui

stavamo molto attenti a parlare bene,

affinché non si usassero

termini dialettali.

Da piccoli, infatti,

ci hanno fatto crescere

col pensiero che dovevamo

imparare a parlare bene

solo in lingua italiana.

Il dialetto era considerato

la lingua dei cafoni,

di quelli che abitavano in campagna

e non andavano nemmeno a scuola.

Dentro di me ho sempre pensato che

non era così, perché quando si può

parlare nel dialetto del proprio paese,

si sente il cuore fare i salti,

– certo, nei contesti giusti –

perché si sa che in genere si parla

l’italiano.

Le parole in dialetto, però, danno calore,

fanno sentire a casa.

“Il cielo stasera sembra un manto di stelle…:

(Lu ciélu staséra parë na cuvèrta chiéna dë stéllë)

il cielo, stasera sembra una coperta piena di stelle (trad. letterale dal dialetto)”

e senti veramente il calore di una coperta,

che ti copre, ti accarezza.

E così tante altre cose:

i nomi dei prodotti alimentari,

i posti in cui si abita,

tutto si riempie di colore,

se si parla con le parole imparate

dove si è nati.

E se poi le scrivi?

Ti prende una gioia, come musica d’altri tempi.

Certe volte chiudo gli occhi,

oppure mi guardo intorno

ed elenco in dialetto ciò che vedo

o penso: tegole, uccelli, montagne,

bambini…

E parole dimenticate:

rumore,

rimescolare,

fare moine,

e ancora tanti e poi tanti…

Che ricchezza! Che poesia!

È tutto bello, proprio bello

non dimenticare…si deve parlare

e insegnare il dialetto anche

ai piccoli.

Anche questa è la nostra storia,

sono radici, famiglia, il luogo

dove siamo nati.

È un patrimonio grande,

non si può, non si deve perdere.

L’altra menzione speciale è stata assegnata alla poesia U pòvërë ggiuvënillë  ‘Il povero giovinello’, della signora Rosa Spezzacatene per lo stile del componimento che, scritto nel dialetto di Palazzo San Gervasio, richiama le canzoni della tradizione lucana.

U pòvërë ggiuvënillë cadịjë malatë

ma pë na ggióvënë ca nom_butịjë avé

lu vénë sapènnë la sóia nnammuratë

Mamma mammë

piglië lu ššallèttë

šammịllë a ffà la

vịsëtë a lu malatë. 

Fịglia fịglië la casa no_lla sapé(i)më

ògnë ppëndónë de stradë addummannamë

nzëngatënnịllë la casë dë lu malatë

da nu purtóne d’óre tụ aia trasị̀

scalë d’argèndë tụ aia salị̀. 

Mamma mammë

(g)ịjë sènde i nghianà

vé(i)de se iè la mịja nnammuratëị

pịglie la sèggia d’óre falla sëdé

quandë lë dé(i)chë dóië paróle d’amóre. 

E allóre la ggiuvënèllë i dịssë a l’amorósë

cunvurtëtë malatillë e tu cunvurtëte

angóre pe mmịjë avịsse a da murị̀. 

Chë la mana dèstrë nu bbèllë (g)ranatë

e mana sënịstre nu pró(u)në aggëlatë.

Non vòglië né ppró(u)në né (g)ranatë

la sóla vịsta tóië m’à ccunzëlatë.

Allórë dịssë la mammë du ggiuvënillë

vattịnnë fịglia mịjë vattịnnë chë Ddịjë

tụ sị̀ la mòrtë dë lu fịglië mịjë. 

Dịssë u ggiuvënillë

vé(i)dë bbèlla mịjë ca (g)ịjë aggia murị̀

e da la pèlla mịjë fattë li (g)uandë

të le ngëgnà lu iurnë dë tụttë i Sandë.

Mò sònënë li cambanë, sònënë a ffèstë

curë ia u nịnnë mịjë ca mò lu vèstënë

mò sònënë li cambanë, sònënë fòrtë

curë ia lu nịnnë mịjë ca mò lu pòrtënë.

 

Il povero giovinello si ammalò

Ma per una giovinella che non poteva avere

Lo venne a sapere la sua innamorata.

Mamma, mamma

Prendi lo scialletto

Andiamogliela a fare, la visita all’ammalato.

Figlia, figlia, la casa non la conosciamo

Ad ogni punto di strada lo chiediamo

Indicateci la casa dell’ammalato

Da un portone d’oro devi entrare

E scale d’argento devi salire

Mamma, mamma

Io sento di salire

Prendi la sedia d’oro e falla sedere

Il tempo di dirle due parole d’amore.

E allora la giovinella disse all’amoroso

Confortati, malatello, e tu confortati

Non è che per me vuoi morire.

Nella mano destra un bel melograno

E nella mano sinistra un pomo gelato.

Non voglio né melograno né pomo

La sola vista tua mi ha consolato.

Allora disse la mamma del giovinello

Vattene, figlia mia, vattene con Dio

Tu sei la morte del figlio mio.

Disse il giovinello

Guarda, bella mia, che io morirò

E con la mia pelle fatti un paio di guanti

E te li metterai il giorno di Ognissanti.

Ora suonano le campane, suonano a festa

Quello è il ninno mio, che ora lo vestono

Ora suonano le campane, suonano forte

Quello è il ninno mio, che ora lo portano

Il premio “Antonio Infantino”, per la poesia dal miglior ritmo, è stato assegnato alla poesia dal titolo La rëtènna La pratica contadina secondo la quale ci si aiutava reciprocamente tra famiglie nel periodo dei raccolti’ , nel dialetto di Vietri di Potenza. L’autore è il signor Franco Pantalena.

Scappa, scappa, scappa

lu còrë

Bballa, bballa, bballa

l’amòrë

Ma tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

E tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

È na rëtènna, quist’è l’amòrë

Si rai, rachë, si rachë, é rà

Si rai, rachë, si rachë, é rà

Si rai, rachë, si rachë, é rà

È na rëtènna, quist’è l’amòrë

rëcía l’andichë a la Rëtònna:

“L’amòrë mijë è na chëtògna,

prima addòra e pò më ndórsa nganna”

Nganna, nganna, nganna

l’amòrë

Scappa, scappa, scappa

lu còrë

Ma tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

E tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë 

È na rëtènna, quist’è l’amòrë

Si rai, rachë, si rachë, é rà

Si rai, rachë, si rachë, é rà

Si rai, rachë, si rachë, é rà

È na rëtènna, quist’è l’amòrë

Quist’è l’amòrë

Accòrtë përò

Chë quirë è mmariuólë

prima t’abbrazza

e pò të lassa ra sólë

E còm’appèna tu të si addurmutë

Iddë lu còrë ggià s’è arrubbatë

Nganna, nganna, nganna

l’amòrë

Scappa, scappa, scappa

lu còrë

Ca tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

E tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë 

Scappa lu còrë

e quann’è ccarutë

së ròmbë e së spacca

e sèmbra funutë:

frìculë frìculë còmë a nu granatë

Ma tòrna a nnaššë: lu còrë nu_mmòrë

E siéndë ricë: “È tturnatë, è tturnatë!” 

Scappa, scappa, scappa

lu còrë

Bballa, bballa, bballa

l’amòrë

Ma tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

E tuttë rë llacrëmë

assuca lu sòlë

Bballa, bballa, bballa

l’amòrë

Scappa, scappa, scappa

lu còrë

Scappa, scappa e nën_zapë pëcchè

Scappa, scappa e tòrna addu ttè.

Scappa, scappa, scappa

Il cuore

Balla, balla, balla

l’amore

Ma tutte le lacrime

asciuga il sole

E tutte le lacrime

asciuga il sole

É uno scambio reciproco, questo è l’amore

Se dai, do, se do, devi dare

Se dai, do, se do, devi dare

Se dai, do, se do, devi dare

É uno scambio reciproco, questo è l’amore

Diceva il saggio, alle pendici del monte Rotonda a Vietri di Potenza:

“L’amore mio è come una mela cotogna,

prima profuma e poi mi va di traverso” (cit. canto popolare vietrese)

Inganna, inganna, inganna

l’amore

Scappa, scappa, scappa

il cuore

Ma tutte le lacrime

asciuga il sole

E tutte le lacrime

asciuga il sole

É uno scambio reciproco, questo è l’amore

Se dai, do, se do, devi dare

Se dai, do, se do, devi dare

Se dai, do, se do, devi dare

É uno scambio reciproco, questo è l’amore

Questo è l’amore

Attento però

L’amore è ladro

prima ti abbraccia

e poi ti lascia solo

E non appena ti sei addormentato

Lui il cuore ti avrà già rubato

Inganna, inganna, inganna

l’amore

Scappa, scappa, scappa

il cuore

Ma tutte le lacrime

asciuga il sole

E tutte le lacrime

asciuga il sole

Scappa il cuore

e quando cade

si rompe e si spacca

e sembra finito, morto:

in mille piccoli pezzi come gli acini del melograno

Ma torna a nascere: il cuore non muore

E sentirai dire:“È tornato, è tornato”

Scappa, scappa, scappa

Il cuore

Balla, balla, balla

l’amore

Ma tutte le lacrime

asciuga il sole

E tutte le lacrime

asciuga il sole

Balla, balla, balla

l’amore

Scappa, scappa, scappa

lu core

Scappa, scappa e non sa perché

Scappa, scappa e torna da te.

Al terzo posto si sono classificati, ex aequo, due componimenti, uno dei quali è la poesia della signora Rosa Gialdino, scritta nel dialetto di Tursi e intitolata I rëcuèstë dë vëtaminë ‘Le scorte di vitamine’

Appéna putijë,

adda mammagranna méië më në ijë.

Më  mannaitë chë nnu panèrë

a ppigghiè ll’óvë ndu iallënèrë.

Na iundë

dë grènë ndu pugnë

më facitë purtè

chë nnu_mmë fè mbaurè

du: iallë e di: iòcchë

ca pó më zumbainë ngòllë

e quannë (g)rapijë u cangèllë

në  ittèië nda nu ambë a la résë da: rullëcèllë.

Cu:  trësórë  dë chillë óvë angórë cucèndë,

turnèië nda: chèsë tutta cundèndë.

A nònnë më rialaitë dulcèzzë, amórë

e dësëdëraitë cu: córë

dë më vëdé fòrtë dë crèššë

appërzó më facitë  fè i rëcuèstë

dë chilla còua genuinë

carëchë dë vëtaminë.

Purë chë nnu  stillë dë café

l’accrëššitë chë më fè

sèndë subbëtë grannë …

Lë sbattitë finë a qquannë

u zucchërë së squaggiaitë

e cómë na créma, colórë du: sóë, dëvëndaitë.

Pó suttë u cèvëzë a ccucchiarètë m’i mangèië

e purë i bbaffë m’allëcchèië.

Më sëndijë  cómë a nnu leónë.

Mó suë u pënzérë e fëssaziónë …

Quannë vògghië fè

l’anëma méië rassërënè

pènzë au zucchërë ca cunzaitë chillë tèmbë

ca nu_ttrëcchiëtaitë mèië suttë i dèndë.

Quannë vògghië truwè u curaggë,

pènzë a la nònnë ca m’abbrazzaitë

cómë u sóë chë ttuttë i raggë.

Appena potevo,

dalla nonna me ne andavo.

Mi mandava con un paniere

a prendere le uova nel pollaio.

Una manciata

di grano nel pugno

mi faceva portare

per  non aver paura del gallo e delle chiocce

che mi saltassero addosso

e quando aprivo il cancello

glielo buttavo in un lampo in un angolo della casetta.

Col tesoro di quelle uova ancora cocenti,

tornavo in casa tutta contenta.

La nonna mi regalava dolcezza, amore

e desiderava col cuore

di vedermi forte di crescere

perciò mi faceva fare le scorte

di quel tuorlo genuino

carico di vitamine.

Anche con un goccino di caffè

l’allungava per farmi sentire subito grande …

Lo mescolava fino a quando

lo zucchero si scioglieva

e come una crema, colore del sole, diventava.

Poi sotto al gelso a cucchiaiate lo mangiavo

e pure i baffi mi leccavo.

Mi sentivo come un leone.

Ora solo pensieri e fissazioni …

Quando voglio far

l’anima mia rasserenare

penso  allo zucchero che condiva quei tempi

che non si sentiva sotto i denti.

Quando voglio trovare il coraggio,

penso alla nonna che mi abbracciava

come il sole con tutti i raggi.

U sapórë dë quédda la(g)rëma ‘Il sapore di quella lacrima’, del signor Marco Tavassi, è l’altra poesia classificatasi al terzo posto ex aequo. L’autore scrive nel dialetto di Potenza.

Cu dd’uócchië chiusë më parë dë sëndirla anguóra

a vóšë dë quédda macchina pë ccušë ca pë tti

èra la vita, èra tuttë, èra a sustanza d’ògni ggiórnë.

Quannë të chiamavë  e t’addummannava “ué nò, cchi ffaië?”,

tu më rëspunnivë sèmbë a la stéssa manèra, “Cušë, nëvórë mië”.

E mò, ca tanda annë só ppassà da quannë quédda macchina

à ffërnù dë parlà, i quannë chiurë d’uócchië a sèndë anguóra,

e të vèggë anguóra ddà, assëttara pónda pónda sóva la sèggia,

cu quéddu piérë a scazzà lu pëdalë, cu lu sguardë attèndë dë chi

nun vòlë sbaglià, cu la faccia soddisfatta dë chi fa na còsa ca

gnë piacë assaië, cu li mmanë chiénë d’artë intèndë a mmanovrà.

Më parë dë sëndirla anguóra, më parë dë vërértë anguóra ddà ma

quannë pò faccë pë ccórrë vèrsë dë ti p’abbracciartë, tannë

d’uócchië mië s’arbënë, e cu ddulórë quédda “vóšë” nun_zèndë cchiù.

Tannë nun_dë véggë manghë cchiù, tannë më rëmanë sólë na còsa,

una sóla, pë të sèndë anguóra cu mmi, u sapórë amarë dë quédda la(g)rëma ca ššénnë.

Con gli occhi chiusi mi sembra di sentirla ancora

la voce di quella macchina da cucire che per te

era la vita, era tutto, era sostanza di ogni giorno.

quando ti chiamavo e ti domandavo “ehi nonna, che fai?”

Tu mi rispondevi sempre allo stesso modo “cucio, nipote mio”

e ora, che tanti anni sono passati da quando quella macchina

ha finito di “parlare”, io quando chiudo gli occhi la sento ancora,

e ti vedo ancora lì, seduta punta punta sulla sedia,

con quel piede che preme il pedale, con lo sguardo attento di chi

non vuole sbagliare, con la faccia soddisfatta di chi fa una cosa che

le piace tanto, con l’arte nelle mani intente a lavorare.

Mi sembra di sentirla ancora, mi sembra di vederti ancora lì ma

quando poi faccio per correre verso di te per abbracciarti, in quel momento

i miei occhi si aprono e con dolore quella “voce” non sento più.

In quel momento non ti vedo nemmeno più, in quel momento mi rimane solo una cosa,

una soltanto, per sentirti ancora con me, il sapore amaro di quella lacrima che scende.

Anche il secondo posto è stato assegnato, ex aequo, a due componimenti: in ordine di proclamazione, pubblichiamo di seguito la poesia Masinë ‘Birbante’, della signora Noemi Sangiacomo. L’autrice scrive nel dialetto di Pignola.

Ië t’avardë

e nu ngh’è cchiù nnòttë, né cchiù ggiórnë.

I bëllézzë du: sólë së spartënë

ngandadë da li fuó(g)ë tóvë a ccòcchië

ca šcangënë u sònnë a: rèquië du matì subbëtë,

castiéḍḍë dë Morfeo e di stélle.

Ië të chiamë e tu num_barlë, çórë dë marzë.

Nun_górrë cchiù, masinë, mmènzë a sti nuvëlë

cumë cardèḍḍë,

appésë sóvrë a nu pëzzudë stérpë dë tèrrë,

ca purë nun stërlucë vëšinë.

Të pòrtë vië sònnë

Scušëtadë

Dë carézzë,

bonalmë cardaglió

lëggiérë,

memòrië ca šcattëléggënë indë a stu cuórë,

sóttë i cólpë nzullèndë dë n_atë banòmë,

ca nun_d’à canuššù,

ma sa uardà indë i vòglië tóië,

i tóië sònnë,

e li custudiššë.

Mmènzë au mumèndë

dë na paròlë dë ròsë:

mòrtë së va chiangènnë, vivë è ppèrfèttë.

 

Io ti guardo

E non c’è più notte, né giorno.

Le bellezze del sole si allontanano, separandosi

ammaliate dai tuoi fuochi gemelli,

che spezzano il sonno alla quiete del primo mattino,

castello di Morfeo e delle stelle.

Io ti chiamo e tu non parli, fiore di marzo.

Non corri più, birbante, in mezzo a queste nuvole

dure come sassi,

sospese sopra un angolo infecondo di terra,

che non brilla vicino.

Ti porti via sogni

spensierati

di carezze,

buonanime farfalle,

leggere,

ricordi che crepitano in questo cuore,

sotto i colpi insolenti di un altro uomo,

che non ti ha conosciuto,

ma sa osservare i tuoi desideri,

i tuoi sogni

e li custodisce.

Nell’attimo

di una parola di rosa:

morta si va piangendo, viva è perfetta.

L’altro componimento ad aggiudicarsi il secondo posto ex aequo è la poesia Amazzònia ‘Amazzonia’, della signora Francesca Caputo, nel dialetto di San Chirico Raparo.

Më ruppënë,

më scannënë,

më šcattënë nguórpë!

Më pungënë,

më vattënë,

më cècanë ll’uócchië!

Më vrušënë lë piérë,

m’attacchënë lë puzë,

më scòriënë u šchènë,

më tòrcënë manë vuzë! 

Chiangitë mò? E nò_ vvë truwatë pëndutë? 

Sòna sòna cupë-cupë!

Sòna sòna “putipù”!

O Cuppiéllë sòna ssa vèndrë …

O Cuppiéllë a vèndra ndrëmèndë …

Sòna sòna sunata rë nòttë!

Sòna sòna sunata rë mòrtë! 

A:ccètta “futtëtë” mbiéttë

u bbènë c’arrubbëcatë,

pèrdëtë a minnë u lattë

ppë figlië muórtë vrušatë. 

Auciéllë nivurë më pigliënë

a ccindanara  pë ngiélë  ššènnënë,

më parënë na (g)attëviglië

cu: sanghë all’uócchië së iunnënë. 

Iatëvinnë riavulë ciunghë

ca già më surëtë u fròndë!

Iuórnë nnanzë cchiù nnun_dènghë.

Amarë ètë a sòrtë, è rrulèndë! 

Chiangitë mò? E nò_ vvë truwatë pëndutë?

Sòna sòna cupë-cupë!

Sòna sòna “putipù”!

O Cuppiéllë sòna ssa vèndrë …

O Cuppiéllë a vèndra ndrëmèndë …

Sòna sòna sunata rë nòttë!

Sòna sòna sunata rë mòrtë! 

Amazzònia më fazzë chiamà,

nu nómë cómë all’atë …

Amazzònia putitë truwà

Nda lë fèmmënë c’amë përdutë: 

chillë fèmmënë c’anë carutë

suttë a cciéuzë uómmënë pindë,

chillë fèmmënë c’anë crërutë

a uómmënë rucë e tindë.

Supë all’utëmë (g)angariéllë

già sònëtë a prima spèra.

Cómë cangëtë u culòrë nguèllë

e sai ca nò_bbiénëtë a sèra!

Chiangitë mò? E nò_ vvë truwatë pëndutë? 

Sòna sòna cupë-cupë!

Sòna sòna “putipù”!

O Cuppiéllë sòna ssa vèndrë …

O Cuppiéllë a vèndra ndrëmèndë …

Sòna sòna sunata rë nòttë!

Sòna sòna sunata rë mòrtë! 

A bbòtta sëcura va ssa Mòrtë,

mënènnë na faucia mbrustë

mina ppurë ca: manë tòrtë

e ccu ll’atë të ricëtë “frustë”! 

Iëttata ppë ndèrra rumanghë

a cculënura cómë a nnu vèrmë,

zinzulë friddë e ianghë …

Manghë së vòtëtë u (g)èrmë! 

Së në ièssëtë tuttu priatë

cu lë manë  lurdë rë sanghë.

Prima zòccula m’a cchiamatë

puè m’a mmënatë na chianghë!

Chi chiangitë a ffà,

së nò_vvë truwatë pëndutë?

Chissa ètë a sunata

rë lë fèmmënë përdutë!

Sòna sòna cupë-cupë!

Sòna sòna “putipù”!

 

Mi rompono,

mi scannano,

mi logorano dentro,

mi pungono,

mi colpiscono,

mi cavano gli occhi!

Mi bruciano i piedi,

mi legano i polsi,

mi scuoiano la schiena,

mi stritolano mani rozze!

Piangete adesso? E non vi trovate pentiti?

Suona suona “cupë- cupë

Suona suona “putipù”!

O “Cupiéllë” suona questo ventre!

O “Cupiéllë” il ventre fai vibrare!

Suona suona canto di notte!

Suona suona canto di morte!

L’accetta ferisce in petto

il bene che seppellite,

il seno perde il latte

per i figli morti bruciati.

Uccelli neri mi prendono

a centinaia dal cielo scendono,

mi sembrano pipistrelli

col sangue agli occhi si fiondano.

Andate via diavoli storpi

perché  già suda la fronte!

Giorni più non avrò.

Amara è la sorte, è tremenda!

Piangete adesso? E non vi trovate pentiti?

Suona suona “cupë- cupë

Suona suona “putipù”!

O “Cupiéllë” suona questo ventre!

O “Cupiéllë” il ventre fai vibrare!

Suona suona canto di notte!

Suona suona canto di morte!

Amazzonia mi faccio chiamare,

un nome come un altro …

Amazzonia potete trovare

Nelle donne che abbiamo perduto:

quelle donne che sono cadute

sotto gentili uomini serpenti,

quelle donne che hanno creduto

a dolci uomini infami.

Sull’ultimo brivido

già suona la prima campana.

Come cambia il colore della pelle

e sai che non arriverai a sera!

Piangete adesso? E non vi trovate pentiti?

Suona suona “cupë- cupë

Suona suona “putipù”!

O “Cupiéllë” suona questo ventre!

O “Cupiéllë” il ventre fai vibrare!

Suona suona canto di notte!

Suona suona canto di morte!

A colpo sicuro va questa Morte,

maneggiando una falce in prestito

anche con la mancina colpisce

e con l’altra mano ti scaccia.

Resto gettata in terra

nuda come un verme,

straccio freddo e bianco …

Nemmeno si volta la carogna!

Se ne esce tutto orgoglioso

con le mani sporche di sangue.

Mi ha chiamata prima “zoccola”,

poi mi ha lanciato un sasso.

Cosa piangete a fare

Se non siete pentiti?

Questo è il canto

delle donne perdute!

Suona suona “cupë- cupë

Suona suona “putipù”!

Il primo posto della sezione riservata agli adulti è stato assegnato alla poesia Nòttë sanda i viilia o lịttëra a Ggësù Bbamminụ ‘Notte santa della vigilia o lettera A Gesù Bambino’ , di cui è autrice la signora Giuseppina Calcagno. Il componimento è scritto nel dialetto di Lauria Superiore.

Stanòttë vinë u: mụnnụ

e Tu m’aia asulià :

tuttë nuië t’aspëttamụ

ca Tu sól’a puói cangià

sta tèrra sènza pacë

nda: ttanda nfamëtà.

Ind’a sta nòttë scura

Tu sì llucë splëndèndë

Tu sì amórë ca scarfa

i lë ggèndë lë mèndë

Tu sól’aššuchë u chiandụ

i cu è ssól’e abbandunatụ

Tu sólụ dai cunfòrtụ

a ccu à ffamë e dispèratụ,

a ccu s’abbía sup’a na varca

ca nun_za s’arriva

nda ttëmbèstë e përicụlë

a ttuccà mai na riva.

Nun fa mangà a li ggióvënë

a fatí(g)a e u (g)uadagnụ

chë lë pò llibbërà

da u vizziụ da: papagna.

Allundana a viulènza

lë malatíë e lë calamëtà

ca (g)ignënụ lë crònachë

i sta società.

Pòrta ggiòië a lë nfandë

e aiuta a ttuttë quandë :

a ccu pë lë fèstë

à ffattụ tandë spịsë

e a ccu num_bò arrëvà

mangụ a: finë u: mịsë,

a ccu nda: cucina tènë purë u cucu

e a ccu nda lë bbarracchë

lë manga purë u fucu.

Mò t’aggiụ dittụ tụttụ

e nunn_dë vògliụ cchiù apprëttà.

Vinë pë ttuttë quandë

e nnun_dë fa aspëttà.

 

Stanotte vieni al mondo

e Tu mi devi ascoltare:

tutti noi ti aspettiamo

perché Tu solo puoi cambiare

questa terra senza pace

in tanta malvagità.

In questa notte scura

Tu sei luce splendente

Tu sei amore che riscalda

delle genti le menti

Tu solo asciughi il pianto

di chi è solo e abbandonato

Tu solo dai conforto

a chi ha fame ed è disperato,

a chi si avventura in una barca

che non sa se arriva

tra tempeste e pericoli

a toccare mai una riva.

Non far mancare ai giovani

lavoro e guadagno

che li può liberare

dal vizio della droga.

Allontana la violenza

le malattie e le calamità

che riempiono le cronache

di questa società.

Porta gioia ai bambini

e aiuta tutti quanti:

chi per le feste

ha fatto tante spese

e chi non può arrivare

nemmeno a fine mese,

chi in cucina ha pure il cuoco

e coloro a cui, nelle baracche,

manca pure il fuoco.

Ora ti ho detto tutto

e non voglio più importunarti.

Vieni per tutti quanti

e non farti aspettare.

 

Procediamo, ora, con la trascrizione delle poesie vincitrici della sezione  riservata alle scuole.

Cominciamo dalle due menzioni speciali assegnate alle poesie di due studentesse dell’Istituto Comprensivo “Avigliano Centro”, entrambe alunne dell’insegnante Angela Giannini.

I due componimenti, in dialetto aviglianese, hanno colpito la commissione per la profondità delle tematiche trattate, nei confronti delle quali le giovani poetesse hanno mostrato grande sensibilità e maturità.

La prima delle due menzioni è stata assegnata alla poesia Chë èglia la (g)uèrra? ‘Che cosa è la guerra?’ di Ludovica Zaccagnino.

Èglia fuširësénnë sótt’a na tëmbèsta

èglia na còsa vècchia e chiéna rë pólvërë

èglia cambà tuttë gli iuórnë sènza fa manghë nu rumórë

èglia puté vëré šchitta na šchèrda rë ciélë.

La (g)uèrra èglia

spëzzà gli suónnë rë na fëmmënëcèdda

ca crërría an(g)òra a lu còrë bbuónë rë l’òmë.

Na fëmmënëcèdda ca vulía vëré an(g)òra quèra šchèrda rë ciélë

ca èra cundènda rë puté scrivë sóp’a rruië fuóglië rë carta arrëcculata

ca nun vëría l’óra ca arruwaia lu sabbëtë pë pputé lèggë n_atu libbrë an(g)òra.

 Na fëmmënëcèdda

ca purë nghiusa nda quattë mura róttë

sapë vëré rë ccòsë bbuónë attuórnë a édda

e së në prèša pëcché,

chi (g)òrë facë (g)uré purë gli autë.

Na fëmmënëcèdda ca ricë:

ngraziamë a Ddijë ca saccë scrivë

pëcché chë scrivë nu ngë mórë mai!

È fuggire sotto un temporale

è una cosa vecchia impolverata

è vivere tutti i giorni senza far rumore

è poter vedere solamente uno spicchio di cielo.

La guerra è

spezzare i sogni di una piccola donna

che nonostante tutto credeva ancora al buon cuore dell’uomo.

Una piccola donna che voleva vedere ancora quello spicchio di cielo,

che era contenta di poter scrivere su due fogli di carta stropicciati,

che non vedeva l’ora che arrivasse il sabato per poter leggere ancora un altro libro.

Una piccola donna

che anche rinchiusa tra quattro mura fatiscenti

sa vedere le cose belle intorno a sé

ed è felice perché

chi è felice farà felice anche gli altri.

Una piccola donna che dice: “ringraziamo Dio che so scrivere, perché chi scrive non muore mai”

A seguire il secondo dei componimenti ad aver ottenuto la menzione speciale della commissione, anche questo in dialetto aviglianese: si tratta della poesia Lu còrë míë ‘Il cuore mio’ di Giuliana Telesca.

Lu còrë míë

vattë sèmbë cchiù ffòrtë

c’aggia fa?

Vattë, ndrëmènda

pò rallènda

s’appiccianë rë vvénë

më sèndë nu fuóchë indë

ca créššë sèmbë cchiù assai

më sèndë caré ndèrra

annuzzà.

Só rrëduttë a nniéndë

më vòglië sfucuà

chiagnë ra la rëspëraziónë

m’addummannë:

“Chë më stai succërènnë?”

Gli_uócchië së chiurënë

rë llacrëmë ššénnënë

vérë tuttë níurë

ma pò…arriva éddë

la cumbagna mía ca,

vërènnë accussì, ricë:

“Oh cašpëtë! Chë ttë succèrë?”

La faccia mía accummènza a ccagnà na nzé…

pò, tórna sèria n’ata vòta:

vòlë capì, mò, chë mmë stai succërènnë:

mò stavë chiagnénnë tandë ra la risa!

Cumë è stranë stu cuórë nuóstrë:

ròppë nu mumèndë accussì ttristë

ca të facë ššénnë sòttë tèrrë…

ng’è n_atu mumèndë ca të pòrta

quasë ngiélë!

 

Il mio cuore

batte sempre più forte

cosa devo fare?

Batte, batte più velocemente,

poi rallenta

bruciano le vene

sento un fuoco dentro

che cresce sempre più

mi sento cadere a terra

mi sento un nodo in gola.

Sono ridotto a niente

voglio sfogarmi

piango dalla disperazione

mi chiedo:

“Cosa mi sta succedendo?”

Gli occhi si chiudono

le lacrime scendono

vedo tutto nero

ma poi…arriva lei

la mia amica che,

vedendomi così, dice:

“Oh caspita! Cosa ti succede?”

Il mio volto comincia a cambiare un po’…

poi, torna serio un’altra volta:

vuole capire, ora, cosa mi sta succedendo:

ora sto piangendo dalle risate!

Com’è strano questo cuore nostro:

dopo un momento così triste

che ti fa sprofondare sotto terra

c’è un altro momento che ti porta

quasi in cielo.

 

Anche per la sezione riservata alle scuole si registra un ex aequo per il terzo posto.

Uno dei componimenti è scritto da Vito Marrese, alunno dell’insegnante Anna Lombardi, classe IV B dell’Istituto Comprensivo “N. Fiorentino” di Montalbano Jonico.

La poesia è, però, in dialetto tursitano ed è intitolata Šòšša méië ‘Mia sorella’.

Šòšša méië

tènëtë i bbëllizzë du: sòwë.

Sèmbrëtë pròprië na pupëcèllë

chë cchillë šcoccarèllë,

chë cchillë capillë a bbuccolòttë,

ca: vucchë dësëgnètë da Ggiòttë,

cu: nèsë zinnë e sfëlètë,

e chë ll’òcchië vispë,

chi: ciglië arrëccètë.

Tuttë i matinë fètë a pacciarèllë,

chë cchilla rësètë a šcattarèllë,

sup’u  lèttë méië vènëtë a zzumbè,

tandë ca më fè rëvëgghiè.

Purë së iètë dëstruggèrë,

iè nu_llë guardë mèië chë nna bbrutta cérë

sèmbë abbingë lë fazzë,

e illë, pò, fòrtë fòrtë m’abbrazzëtë.

Quandë iè cchèrë šòšša méië,

iétë nu pèzzë du: córë méië,

iétë a ggiòië da: vita méië.

Mia sorella

è bella come il sole.

Sembra proprio una bambolina

con le guance rosse,

con i capelli con i boccoli,

con la bocca disegnata da Giotto,

con il naso piccolo e fine,

e con gli occhi vispi con le ciglia arricciate.

Tutte le mattine fa la pazzerella,

con quella risata a crepapelle,

sul mio letto viene a saltare,

tanto che mi fa svegliare.

Anche se distrugge tutto,

io non la guardo mai con aria severa,

sempre la faccio vincere

e lei poi forte forte mi abbraccia.

Quanto è cara mia sorella,

è un pezzo del mio cuore,

è la gioia della mia vita.

L’altra poesia che ha ottenuto il terzo posto è Tèrra nòstrë ‘Terra nostra’, scritta in dialetto ruotese. Il giovane autore è Alessio Gerardo Potenza, della Scuola Secondaria di I Grado “M. Carlucci”, del plesso di Ruoti.

Ànnë anghiutë tuttë Mundòcchië

Mò cë vòlënë énghië purë lu vòschë

Së rë bbulitë méttë nda la tèrrë mijë

Më sa c’avita cambià vijë 

Vulitë ca lèvë (g)ranë e dd’uóršë

Pë ddà sòldë a sti móstrë

Së ijë pèrdë e vui uaragnatë

Përsónë avitë sbagliatë 

Vulitë méttë a ttuttë bbannë

Sitë qua sulë pë ffà rannë

Ijë sti ccòsë nu_nnë vòglië sèndë

Më facitë stà ammalamèndë

Tënitë energíë pë ttuttë Putènzë

Ma a nnuië nun_gë racitë niéndë

Quéstë è la tèrra nòstrë

Uaië a cchi la tócchë

 

Hanno riempito tutta Montocchio

Ora ci vogliono riempire pure il bosco

Se le volete mettere nella terra mia

Dovete cambiare via

Volete che tolga grano e orzo

Per dare soldi a questi mostri

Se io perdo e voi guadagnate

Persona avete sbagliato

Le volete mettere da tutte le parti

Siete qua solo per fare danni

Io queste cose non le voglio sentire

Mi fate venire mal di testa

Avete energia per tutta Potenza

Ma a noi non date niente

Questa è la terra nostra

Guai a chi la tocca.

La poesia classificatasi al secondo posto è opera degli alunni di un’intera classe. Si tratta del componimento dal titolo A mmammë ‘A mamma’, scritto dai bambini della II A della Scuola Primaria di Genzano di Lucania, ai quali presta la voce, nella lettura, la loro insegnante la signora Caterina Lepore.

Mamma së bbèllë e bbónë

purë quannë stai sópë a la poltrónë,

tụ më cucinë la pastaššụttë

e i më la mangë tụttë.

Quannë më fai la vërdurë

i më në scappë pë la paurë,

la matinë më purtë a la scólë

e tụ lassë sóla sólë,

dòpë mangiatë më vinë a ppëglià

e la merèndë šamë a mmangià.

Quacche vvótë më purtë ịndë la vịllë

a ššucà e sèndë i grịllë,

pò më chiamë ca n’ama rëtërà

mamma mé no_mmë scuccià!

Fịglië míjë aggia prëparà

ca stasérë amma mangià.

Mamma mịjë, chë ffarmë créššë chë ffaië?

Sacrëfịcië e fatíjë assaië.

Ècchë pëcché të vòglië dicë

të vòglië bbénë e só ffëlicë.

 

Mamma, sei bella e buona

anche quando sei sulla poltrona,

tu mi cucini la pastasciutta

ed io me la mangio tutta.

Quando mi fai la verdura

io scappo per la paura,

la mattina mi porti a scuola

e tu rimani sola sola,

dopo mangiato mi vieni a pigliare

e la merenda andiamo a mangiare.

Qualche volta mi porti in villa (parco comunale)

a giocare, e sento i grilli,

poi mi chiami perché ci dobbiamo ritirare:

mamma mia, non mi scocciare!

Figlio mio, devo preparare,

perché stasera dobbiamo mangiare.

Mamma mia, per farmi crescere che fai?

Sacrifici e fatica assai.

Ecco perché ti voglio dire:

ti voglio bene e sono felice.

Concludiamo pubblicando la poesia che ha ottenuto il primo posto. Il componimento in questione ha il titolo Terra Roti ‘Ruoti’ e l’autrice è Erica De Carlo, studentessa della Scuola Secondaria di I Grado “M. Carlucci”, del plesso di Ruoti. Il dialetto, naturalmente, è quello del suo paese.

Lu paísë mijë è tandë bbèllë

Tènë purë lu castèllë

Mò è tuttë scarrupuatë

Na vòtë èrë aggiustatë.

Ra “ngapë lu pòndë” a ššénnë abbaddë

Truóvë casë caruttë e (g)ruttë vacandë.

La chiésë a Ssandë Vitë, lu Calvarië,

la chiésë a la Tavèrnë e lu Rusarië

e Sandë Ròcchë facë abbaddë e móndë dói vòtë a l’annë

Ra la chiésë a la Spënósë a la chiésa (G)rannë.

Cristianë só rrumasë pòchë e pòchë c’è ra fà

La staggiónë soprattuttë sólë a la villë puó šì a ppazzià…

Ma së nu iuórnë m’avéssë allundanà ra qua,

purë a l’Amèrëchë pòzzë arruwà,

Ma lu còrë mijë sèmbë ngasë më facë turnà!

Il mio paese è tanto bello

Ha pure il castello

Ora è tutto rovinato

Una volta era aggiustato.

Da “ngapë lu pòndë” a scendere alla via principale

Si trovano case cadute e cantine vuote.

La chiesa di San Vito, il Calvario,

la chiesa a Taverna, il Rosario

e San Rocco fa avanti e indietro due volte all’anno

dalla chiesa di Spinosa alla chiesa Grande (Madre).

Poche persone sono rimaste e poco c’è da fare

L’estate soprattutto solo in villa puoi giocare.

Ma se un giorno mi dovessi allontanare da qua,

anche in America potrei arrivare,

ma il mio cuore sempre a casa mi farà tornare!

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi