LA FUFFA AMPLIFICA LA VIOLENZA DI CHI HA FAME

1

Marco Di Geronimo

Il consenso al Governo rimane elevato. Le manifestazioni di razzismo si moltiplicano nel Paese. Il linguaggio dei giornali si fa più aggressivo. C’è da chiedersi se l’Italia ha smarrito la bussola nella percezione della violenza. C’è da chiedersi se il popolo continua a restare contrario alle aggressioni e alle discriminazioni che la sua Costituzione vieta.

La lotta tra fascismo e antifascismo è, resta e deve rimanere una lotta astratta e simbolica. Anzi, è (quasi) da condannare il movimentismo del centro e della sinistra per “fermare i barbari”. In larga parte è controproducente chiamare fascisti tutti gli esponenti della destra moderna. Confondere il fascismo col nuovo nazionalismo è un errore.

Lo è perché debilita gli anticorpi antifascisti della nostra società. Non è anzi un caso che in questa fase storica il primo partito del Paese sia un partito di destra, o perlomeno di un centrodestra conservatore e reazionario. Così come non è un caso la generale sfiducia della società nelle sue frange più progressiste, nelle cellule giovanili più radicali, e verso i valori dell’uguaglianza sociale. Se essere fascista significa essere filogovernativi, molti italiani di oggi sono orgogliosi d’essere fascisti. Un sentimento pericoloso, un assioma che bisogna impedire a tutti i costi di attecchire nella mentalità comune.

Note su alcuni usi recenti della categoria di fascismo

La contrapposizione tra “Bene e Male” (europeisti vs euroscettici, internazionalisti vs nazionalisti, sovra-nazionalisti vs sovranisti, pacifisti vs interventisti, progressisti vs conservatori, femministi vs reazionari) ha debilitato i partiti del centrosinistra. Lo ha fatto perché è una contrapposizione strumentale. Lo ha fatto perché in politica non esiste un’opzione giusta e un’opzione sbagliata: esistono due opzioni diverse tra cui scegliere.

È chiaro che le opzioni sono sempre più di due e sono tutto fuorché equivalenti. Ma ridurre la contrapposizione a «buono» e «cattivo» ha avuto l’effetto opposto rispetto a quello sperato. Anzi, l’esacerbazione di questa logica continua ad amplificare il problema. Questo è l’approccio del “centro” (liberale) in tutto il mondo. Gli esperti (Clinton, Calenda, Macron) contro i cialtroni (Trump, Salvini, Le Pen). Ma gli esperti sono in perenne crisi di consensi, e i cialtroni in perenne ascesa. Segno che la strategia comunicativa degli esperti non si direbbe di livello Pro

I partiti tradizionali sono incapaci di offrire risposte alle popolazioni in sofferenza. Che divengono preda dei demagoghi. A loro volta costruttori di partiti e organizzazioni populiste (cioè liquide, affette da personalismo), pronte a sgretolarsi alla prima crisi di consensi.

E la sete di riscatto delle masse spesso si traduce in desideri violenti. L’avversione della popolazione nei confronti dei ceti più ricchi cresce. Le classi alte, in barba alla meritocrazia di cui si fanno estimatori, presidiano porzioni di PIL sempre più alte che estraggono in modi sempre più subdoli e ingiusti dalle classi basse. L’ingiustizia sociale delle disuguaglianze ha raggiunto vette evidenti a tutti. Il lavoro e lo studio non retribuiscono vita e futuro a nuove generazioni e classi meno abbienti. Per fare un esempio, esiste una certa percentuale di dottori di ricerca (il grado più alto di preparazione universitaria, inferiore nei fatti solo all’insegnamento) che fanno i fattorini per Just Eat

Risultati immagini per disuguaglianza economica italia

Fonte: Oxfam

Ma a crescere, nelle urne elettorali, sono i partiti che spostano questo sentimento di ingiustizia nei confronti di altre categorie. Cioè gli stranieri, le donne, gli omosessuali, le minoranze che sono sempre sotto i riflettori dei media. Non è un caso che sia così. La politica ha dedicato alle minoranze uno spazio gigantesco, specie mediatico. E spesso senza offrire davvero loro alcuna politica seria. Il dibattito è intasato da politicanti che straparlano dei diritti degli stranieri, delle donne, dei gay: eppure il nostro Paese conserva un sistema di accoglienza simile alla segregazione razziale, delle enormi sperequazioni economiche tra i sessi, e un riconoscimento parzialissimo dei diritti e della dignità sociale delle comunità LGBT.

La gente è vittima da anni di politiche che l’hanno affamata. E i responsabili di quelle politiche mascherano gli effetti sociali delle loro decisioni con valori astratti di uguaglianza e libertà che hanno sempre sconfessato nei fatti. Anche per nascondere (coscientemente il centrodestra, forse inconsciamente il centrosinistra) il vero senso di quelle politiche di austerity. E cioè concentrare il potere, il denaro, la forza nelle mani delle fasce più abbienti.

Convinti che gli unici interessi rappresentati dai partiti tradizionali siano quelli delle minoranze, i componenti della stragrande maggioranza del Paese rigetta quei partiti. Convinta che l’ingiustizia sociale dipenda dal rispetto delle minoranze, la maggioranza accoglie i partiti più violenti nei confronti delle minoranze. E questa falsa convinzione porta anche alla disgregazione delle stesse minoranze: quante donne, quanti omosessuali, quanti immigrati naturalizzati si sono rivolti a questi partiti? Basti dire che la Lega ha eletto il primo senatore di colore.

I partiti tradizionali (specie i partiti progressisti) commettono quasi tutti, in quasi tutto il mondo, lo stesso errore. Amplificano la falsa convinzione che esista una contrapposizione tra Bene e Male nelle opzioni politiche. Ammantare di zucchero politiche di austerity non risolverà la questione sociale gravissima che esiste oggi. E cioè una sete di riscatto, di politiche redistributive, soddisfatta chiaramente a livello mediatico solo da forze xenofobe, maschiliste e reazionarie.

La strada l’hanno indicata, in tutta Europa, tutti quei partiti progressisti che sono riusciti ad andare oltre la questione delle minoranze. Dimostrare di voler costruire un’Italia diversa, più giusta, più equa, è l’unico vaccino che abbiamo per combattere l’inaccettabile persecuzione delle minoranze. È l’unico modo che abbiamo per abbattere la virulenza della nostra società. Il brioscismo («Maestà, il popolo ha fame» «Dategli le quote rosa») peggiora soltanto la situazione.

Risultati immagini per dategli le brioche

Quote rosa, matrimoni gay, accoglienza sono valori da difendere. L’inclusione sociale delle minoranze deve essere un punto fermo di qualunque partito progressista. Ma la pietra angolare del suo programma deve tornare a essere il progresso di tutta la società. Di quel 99% che lavora e riceve quattro spiccioli, contro l’1% che incassa soltanto e predica dai salotti (per usare le metafore percentuali a stelle e strisce). Nella sinistra deve identificarsi chiunque chieda giustizia: bisogna spezzare l’idea, assai popolare, che giustizia sociale e giustizie particolari siano contrapposte.

Continueranno le violenze, continueranno gli attacchi, continuerà il terrore e l’odio sociale se non si darà risposta a generazioni e classi che non hanno di che mangiare. Peggiorerà la coesione sociale, se le sinistre non sapranno dir altro che «Fascisti!» e «Cialtroni!» a chi sta al Governo. Il punto della questione è la sofferenza di milioni di persone. Solo un orizzonte progressista (a mio avviso, socialista) permette di risolvere insieme la sofferenza della maggioranza e le sofferenze delle minoranze.

Risultati immagini per we are the 99%

Se Calenda e tutto il centro vuol fare la figura del saccente borghese, lo può fare. Nessuno glielo vieta. Ma la divisione politica di oggi è tra chi vuole dare il pane a chi lavora, e chi crede che chi sta morendo di fame se lo merita. Competitività al rialzo e competitività al ribasso nel mercato del lavoro. È il pane, è il sudore della fronte la chiave per l’integrazione di tutte le minoranze, e per il benessere della maggioranza (il benessere generale del Paese).

La sinistra arcobaleno è stata bocciata più e più volte: ed è strumentale alla vittoria degli xenofobi. Più si convince il popolo che l’unico a difendere gli interessi di chi lavora è la destra, più si convince il popolo che la destra ha ragione a perseguitare gli oppressi. Uno dei concetti più pericolosi del mondo. Perché se la lotta contro le èlite economiche deve passare dal Parlamento, la lotta contro le minoranze si può trasformare in fai-da-te (come l’escalation di violenza degli ultimi mesi dimostra). Di fronte a questa prospettiva sanguinaria, cosa farà la sinistra?

Risultati immagini per hillary clinton loses fans

Ha due carte a sua disposizione. Avvalorare la tesi che per avere il pane bisogna opprimere neri, donne e gay. (Ci sta riuscendo benissimo, facendo credere che l’unica cosa giusta da fare in questo momento sia difenderli, e tutto il resto si può trascurare). Oppure sostenere che per avere il pane bisogna unirsi tutti contro le rapine di un sistema economico truccato (per usare l’indovinato aggettivo di Sanders). Una guerriglia per le minoranze, o una società in cui tutti possono mangiare.

Si scelga la carta politica, si scelga la carta comunicativa. Consci che nel primo caso la sconfitta è assicurata: lo dimostrano il Rassemblement National, l’AfD, Vox, Trump e la Lega di Salvini. La sinistra può essere complice della destra e portare acqua al suo mulino, come sta facendo ora, trincerandosi in slogan eterei (l’antifascismo, l’europesimo), accrescendo l’idea che il pane si conquista a botte di violenze sui più deboli. Oppure può sfidarla e batterla, mostrando l’ipocrisia delle sue proposte. Che assicurano fame uguale per tutti: maggioranza e minoranze.

Condividi

Sull' Autore

Marco Di Geronimo

Classe 1997, appassionato di motori fin da bambino. Ho frequentato le scuole a Potenza e adesso studio Giurisprudenza all'Università degli Studi di Pisa. Ho militato nella sinistra radicale, e sono tesserato all'Associazione "I Pettirossi". Mi occupo di politica (e saltuariamente di Formula 1) per Talenti Lucani. Scrivo anche per Fuori Traiettoria (www.fuoritraiettoria.com), sito web di cui curo le rubriche sulla IndyCar e sulla Formula E; per Onda Lucana (https://ondalucana.com/); e infine per Leukòs (https://leukos.home.blog/). In passato ho scritto anche per ItalianWheels.

1 commento

  1. Avatar

    Politici fanno danni per l’Idiota Ideologia dura a morire
    Purtroppo non c’è dubbio che la Lucania, é la Cenerentola do’ Sud favola bella, ma brutta per il vecchio Popolo Lucano altro Basilicata, di cui disprezzo il nuovo nome! Già, non ho capito perché cambiarlo: come dire il mio nome, è Vincenzo e chiamarmi Ciccio! Capisco, oltre si che, cosa c’è in un nome? Ciò che chiamiamo rosa anche con un altro nome conserva sempre il suo profumo. Che cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo (Giulietta: atto II, scena II). Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d’avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome? Infatti, mio nonno prima nel fine ‘800 partì da Pstizz-Napoli per New York per ritornare verso l’inizio della Prima Guerra Mondiale: chissà come gli mancava la Lucania e Pstizz. Io come tanti milioni partiti per tutto il resto del mondo: mi ricordo di un incontro sul volo Lima-Toronto ove viaggiava una squadra di football junior non c’era papà che non volesse tornare in Italia! Così un Salernitano a Honolulu era disposto a lasciare la moglie a New York per ritornare e vedere Napoli. Ora nel pieno emergenza immigrati tutti a fare i Pierini con protagonisti Benestanti , straricchi e famosi tanti intellettuali ma senza cuore? Voi avete visto e sentito che uno di questi abbia accettato un ospite? Che dire del Vaticano tanto attivo in Politica è assente per i Cristiani assassinati nel mondo? Comodo viaggiare in Jet e protetto da migliaia di Scorta, mentre una ragazza manco può attraversare la strada in sicurezza? Ebbene, chi non ricorda ” Quel Paese” forse non saprete che vivevano solo donne dette ” vedova bianche” troverete traccia in ” Cristo si è fermato a Eboli” purtroppo , in realtà s’è fermato non a Roma ma nel Parlamento! Così é grave ammettere che uomini Politici Lucani fino agli ultimi Governatori che nonostante due miliardi poco s’è fatto per la Regione con strade, ponti, e Infrastrutture, Detassare e non inasprire. Così arriviamo alla Pista Mattei che il Patriota Enrico approntò una pista per il suo Jet senza polemica dalla classe Politica. Giunto al Penta Partito, qualcosa si mosse e non avendo risorse la DC avevano gli Usa che li foraggiava il PCI il KGB-PCUS e rimanevano a secco altri Partiti compreso lo storico PSI, c’io ero Dirigente Locale e Sindacalista e come finanziarsi? Ecco: vero c’era Illegale ma al PCI non bastava avanzata, e così nacque il Giustizialismo non come forma di moralizzatore ma come abbattere quell’ondata Socialista e Riformista: vedi a Milano il Terziario Avanzato spinto verso un Quaternario avanzato di Paolo Pillitteri Sindaco di Milano. Così tra deliri e invidia Politica eccovi “ Mani Pulite” ove i Magistrati avendo ricevuto Poteri eccessivi per il Terrorismo Rosso eccovi lo scempio vissuto sulla pelle nel vedere in piena notte arrestare Politici e spazzava il vecchio PSI, quasi centenario e tutti i piccoli Partiti tranne il PCI. Col Golpe del Vecchio Comunista Napolitano eccovi, altro scempio della Costituzione che con la Legge Severino stravolsero ciò che il Prof. di Diritto e Magistrato poiché, era Presidente del Tribunale dei Minori a Milano: ci insegnava che mai una Legge, poteva essere retroattiva salvo quando essa era favorevole all’imputato. Quinti era giurisprudenza e veniva applicata. Dopo il eccovi il Colpo di Stato di Napolitano€C, Merkel e Monti. Il golpe del 2011, c’è costato 47 miliardi di euro e il casino Pittella€C? Ergo, aver violentato alla Jeanne il Popolo Italiano di tasse e di Diritti, eccovi che il Pd subisce uno schiaffo che ancora non l’anno capito o perché rimbambiti dalla scossa del 3 Marzo o perché scemi più scemi a perseguire quell’Idiota l’Ideologia Comunista, senza avviare una verifica del Sistema Idrogeologia-Sanitaria e di tutte le Infrastrutture obsolete, e se i M5S faranno gli gnorri di non dare l’ok della Licenza dell’Aeroporto Civile di Pisticci, pensate che la Sindaca e altri, i Lucani li voteranno? Pensaci Giacomino.
    https://vincenzoditolve.blogspot.com/2019/01/politici-fanno-danni-per-lidiota.html
    https://www.panorama.it/news/politica/accerchiamento-berlusconi-2011-napolitano/

Lascia un Commento