LA LEGA TIRA LE ORECCHIE A FORZA ITALIA. SIAMO ALLE COMICHE

0

Neanche il senso del ridicolo li sfiora. L’ossessione di fare un comunicato stampa al minuto li porta a parlare su tutto fuorchè di cose serie. Non passa giorno che non facciano una pipì sui social, ora facendo un self davanti all’ospedale che è stato sanificato, ora lodando un imprenditore che ha donato duecento mascherine, ora sperticandosi di soddisfazione per il più piccolo provvedimento   approvato. Sembra lo scimmiottare i giocatori di una squadra di pallavolo che ad ogni tiro si scambiano pacche sulle spalle o sul di dietro. Insomma si fanno coraggio da soli, dimenticando che ben altre sono le responsabilità che incombe su di loro e che la loro inadeguatezza sta diventando il vero problema di questa regione, drammaticamente alle prese con il problema di come uscire dalla crisi. Finora ognuno si limitava a lodare le performances della propria compagine, bravo Bardi, bravo Leone, vai avanti così . Adesso siamo passati alla seconda fase , quella di tirare le orecchie agli alleati. Qui si vede il piglio cazzuto della lega  che striglia quelli di Forza Italia, responsabili di aver fatto dato buca nella riunione del Consiglio regionale. Ci corre  l’obbligo- recita un comunicato della Lega- di richiamare gli alleati della compagine di centro-destra ad un impegno più proficuo e ad una presenza più costante per assicurare il corretto svolgimento dei lavori del Consiglio. Difatti, tanto nella seduta di giovedì (nella quale il numero legale è mancato all’inizio dei lavori) tanto in quella di ieri (nella quale il numero legale è venuto meno prima che fossero approvati due provvedimenti importanti per i Lucani), i Consiglieri regionali di Forza Italia hanno abbandonato inopinatamente i lavori del Consiglio…… A nulla è valso il sacrificio della consigliera Sileo, presente in Consiglio nonostante le precarie condizioni fisiche. Speriamo ardentemente che un rinnovato impegno da parte di Forza Italia possa permetterci di assicurare la stagione del cambiamento tanto voluta dai Lucani”. Ora, in qualsiasi consesso fatto da persone con un minimo di buon senso, sarebbe bastato una lamentela verso il presidente del Consiglio regionale e una convocazione d’urgenza da parte di questi della conferenza dei capigruppo per deprecare l’assenza e per chiedere il rispetto degli altri consiglieri e dell’aula. Ma lo scopo evidentemente non è di far funzionare il Consiglio quanto di sottolineare lo scarso impegno degli altri  e forse anche, ma questa è una congettura, la scarsa capacità del presidente del Consiglio di chiedere il rispetto della istituzione consiliare. Come dire, si parla a nuora perchè suocera intenda. E questo dimenticando che assenze improvvise e strategiche uscite dall’aula del Consiglio o delle commissione è cosa che hanno fatto anche i consiglieri della Lega, come è documentato agli atti. Ma non è questo il punto.  E’ che riducendosi a questi battibecchi da bambini dell’elementare , in un consiglio nel quale non c’è una discussione seria su niente, si esporta nell’opinione pubblica il senso di sconforto per una Istituzione che dovrebbe infondere fiducia e sicurezza con le armi del buon senso e delle capacità. Come si fa a chiamarla classe dirigente? rocco rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento