L’AIL di Potenza e l’Arte di Claudio Santangelo per un nobile intento

0

di ROCCO PESARINI

 

 

Oltre 50 anni di impegno solidale al fianco dei malati contro i tumori del sangue, con l’obiettivo di sostenere la ricerca, l’assistenza e sensibilizzare l’opinione pubblica.

Questa è la missione di AIL – Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma costituita l’8 aprile 1969 a Roma e che oggi rappresenta una realtà forte e radicata, presente su tutto il territorio nazionale. Una grande storia costruita giorno dopo giorno, che è protagonista e testimone dello sviluppo dell’Ematologia italiana.

L’AIL svolge attività a favore dei malati in collaborazione con le strutture pubbliche, sia universitarie che ospedaliere; si basa sull’autonomia delle singole sedi provinciali e sul principio che i fondi siano spesi, nel più trasparente dei modi, là dove sono raccolti e per gli obiettivi che di volta in volta vengono proposti.

Tra le 82 sezioni provinciali vanno annoverate anche le sezioni di Potenza e Matera, autonome fra loro ma connotate dal senso di appartenenza ad una regione virtuosa grazie al sempre costante e generoso sostegno del popolo  lucano.

L’AIL Potenza nasce nel lontano 1997 e, da quel momento, di strada ne ha fatta davvero tanta, fino a diventare punto di riferimento importante sul territorio, per tanti pazienti e famiglie .Tra tante stelle di Natale e tante uova di pasqua, tra una raccolta 5*1000 ed una passeggiata solidale per la città, piuttosto che un pranzo solidale per i pazienti, sono stati raggiunti traguardi importanti.

Su tutti l’AIL persegue l’obiettivo di finanziare la Ricerca sulle leucemie, i linfomi, il mieloma e le altre malattie del sangue mettendo al primo posto il paziente.

Le recenti scoperte – tra cui l’immunoterapia con CAR-T, ultima frontiera nella cura dei tumori, e il trapianto di cellule staminali – hanno consentito passi da gigante sia nella diagnosi che nella cura.

Ma ancora tanto occorre fare e l’AIL lo sa benissimo dedicandosi agli altri aspetti correlati alla malattia, dal servizio di cure domiciliari per evitare il ricovero laddove possibile al supporto psicologico, passando dalla gestione delle Case alloggio AIL (a Potenza ce ne sono ben 2 per l’accoglienza gratuita dei pazienti non residenti e i loro familiari ) per arrivare ai sostegni al reparto di Ematologia e Hospice quali il finanziamento corsi di aggiornamento e di singoli servizi, nonché l’acquisto beni sanitari.

E sempre nell’ottica di questa variegata e lodevole mission, quest’anno l’AIL Potenza, oltre alla tradizionale manifestazione delle stelle di Natale 2021 che vedrà i volontari in piazza il 4, 5 e 8 dicembre, organizza presso il Museo provinciale di Potenza Rione Santa Maria, dal 4 al 12 Dicembre la mostra personale di Claudio Santangelo, artista molto noto in città e non solo, che ha donato un’intera collezione di sue opere e il cui ricavato della vendita sarà interamente devoluto all’associazione potentina.

L’inaugurazione della mostra è in programma sabato 4 dicembre alle ore 17.30.

L’intera collezione sarà presentata al pubblico con l’artista ed il direttivo dell’associazione che saranno lieti di accogliere chiunque voglia fare una passeggiata in un’esposizione di colori ,di forme e  linee che donano gioia e leggerezza, immaginando paesaggi che non esistono e persone che sono solo ombre .

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Rispondi