L’ARTE DELLA SCRITTURA: GIUSEPPE LUPO E DONATO DI CAPUA

0

antoniettaA CURA DI ANTONIETTA LISCO

Giuseppe_Lupo                                    LupoALBERO_piattoCanvas

Giuseppe Lupo nasce ad Atella, in provincia di Potenza, ma vive in Lombardia. Ha scritto vari romanzi, quali: L’americano di Celemme, Bella ad Agropinto, La carovana Zanardelli, L’ultima sposa di Palmira, Viaggiatori di nuvole, Atlante immaginario ed ultimo “L’albero di stanze”. Giuseppe si potrebbe interpretare come un autentico e puro cantastorie. Le sue opere raccontano di personaggi geograficamente leggendari, di invenzioni linguistiche e onomastiche. Racconti fantastici come in un sogno ad occhi aperti dove la lettura porta il lettore per mano dallo scrittore in luoghi e storie desiderate. Con “L’albero di stanze” l’autore vuole continuare nel suo ambizioso progetto, cioè quello di rendere il lettore partecipe della sua storia narrante. Quest’albero è una grande casa verticale, una grande impalcatura di storie, una vicenda vitale di un secolo. Narra di un dottore che ritorna a rivedere la sua casa natia dove ha vissuto un’infanzia sensibile, unica, fantastica, in quanto in questa casa è tutto un gioco di rimbalzi, tra la scrittura, la favola, la religione, la superstizione, i mobili, la costruzione, l’arcaicità della famiglia stessa. E’ un libro da leggere, come scrive lo stesso scrittore, non da raccontare.

La-croce-dentro                                     Donato-Di-Capua1

Donato Di Capua scrittore lucano di Pietragalla, dove vive e lavora, inizia a scrivere per caso. E’ da quel momento  non smette più. Scrive le sue emozioni, quello che sente, quello che vuole trasmettere alla gente. E ci riesce. Quattro sono i libri che ha scritto: “Il buio nella mente, la luce nell’anima”, “Giocando con le spade di legno”, “L’uomo che vendeva ricordi” e “La croce dentro”. Alcuni di questi libri hanno avuto riconoscimenti importanti grazie al contenuto dell’opera. Attraversando la mente umana, la vita crudele e a volte affascinante e infine la fede con uno dei sui capolavori “La croce dentro”. Ritrovata grazie a papa Francesco e di essa lui scrive. Racconta della scoperta di uomo solo giunto ad essere semplice protagonista di un mondo migliore. Il libro è ispirato sentito voluto e dedicato al santo Padre e la prima copia è stata consegnata in omaggio proprio al Papa e tutto il ricavato della vendita di quest’opera sarà devoluto in beneficenza.

 

Condividi

Sull' Autore

Antonietta Lisco, assistente domiciliare e ospedaliera. Ama l'arte, la scrittura, la moda e gli arredi. Quando può pratica yoga, il suo piacere per il corpo. Ascolta musica, ama il cinema. Scrive. Sua passione da sempre. Ha scritto un romanzo e...chissà.

Rispondi