LOTTA CONTINUA, BARDI FISCHI LA FINE

0

Al palazzo regionale siamo nella classica situazione in cui la casa brucia e gli occupanti litigano: o non s’avvedono del fuoco  oppure se ne fregano pur di prevalere l’uno sull’altro. Neanche il tempo di archiviare una vicenda politica che ha consumato tempo prezioso e già gli occupanti  si industriano a preparare barricade per l’altra strettoia che Bardi è costretto a superare e cioè l’approvazione del bilancio preventivo. Già Piro, che ha parlato come capogruppo di Forza Italia non smentito nè dimissionato, ha detto chiaro e tondo che I numeri per il bilancio non ci sono , un modo più elegante per dire che lui  e qualche altro non lo voteranno. Può darsi che alla fine si riesca a mettere una toppa a quest’altro buco, ma il problema è che ogni giorno, di buchi, se ne chiude uno e se ne apre un altro in questa condotta comportamentale che fa acqua da tutte le parti. Lo spettacolo poi è ancora più sgradevole per il fatto che si scende sul personale, sui veti espliciti e meno espliciti, con prese di posizioni pubbliche contro l’uno o contro l’altro, acuendo la sensazione di persone che considerano il potere come una proprietà da contendere o da disporre a seconda delle posizioni. E tutto questo quando la gente si sta interrogando su come organizzarsi per passare indenne la nottata, cogliendo le occasioni che pure ci sono , con programmi e investimenti nazionali, ma che ci stanno trovando impreparati, privi di professionalità, con gli uffici a mezzo servizio, per cui tutto quello che può ragionevolmente arrivare in porto è per iniziativa di privati, a partire dai grandi gruppi  e dai loro programmi di investimento. Per il resto , i comuni non sono in grado di competere con quelli del Nord sulla progettualità, la Regione è impantanata alla ricerca di una impossibile stabilità, gli enti subregionali attendono lumi su che cosa fare, il tempo passa, la candela si consuma. e la processione non cammina. Questo per dire che non ci possiamo permettere di aprire un secondo tempo di un “tutti contro tutti” in un momento come questo e che la gente non perdonerebbe  il perdurare di atteggiamenti irresponsabili. Le opposizioni si sono giustamente messe alla finestra, per evitare di essere coinvolte se pure indirettamente in questa debacle; vi chiediamo solo di fare ,se ci riuscite, altrimenti passate mano, è il senso di questa posizione. Che sono le cose che avrebbe dovuto dire Bardi e cioè che se non c’è una maggioranza, che si dimostra unita e disposta a lavorare seriamente, allora è arrivato il momento di rivolgersi al Consiglio per un governo di responsabilità che superi l’emergenza del PNRR e vada al voto già il prossimo anno. Questo sarebbe un esempio di etica della politica. E cioè assumere la responsabilità di fare gli interessi dei lucani, tranciando di netto I tentacoli di una partitocrazia delirante e irresponsabile.  Non preparate il secondo tempo, perchè, se così fosse, sarebbe veramente meglio fischiare la fine della partita. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi