MATERA, L’ASSALTO AL CARRO E’ A SETTEMBRE

0

Il notaio Brunella Carriero è una che vuole vincere facile e per scendere in campo aspetta che la città in tutte le sue componenti politiche e sociali le dia un benvenuto plebiscitario. Non fa neanche la  differenza tra destra e sinistra. Per Lei , che non a caso fa il notaio, si firma quando tutte le parti sono d’accordo. Solo che la politica non prevede questa generosità collettiva e quindi , pur con tutta la buona volontà, la sua richiesta non può essere evasa. Un peccato , secondo molti esponenti centristi, perchè il personaggio è tale da poter raccogliere un largo consenso che la può portare al ballottaggio. E se arriva al ballottaggio, poi la strada è tutta in discesa perchè molte sigle farebbero a gara per convergere al secondo turno sul suo nome.  Oggi come oggi, ci sono già cinque o sei liste che formano la cosidetta coalizione ecologista riformista, che sarebbero ben lieti di averla come candidato sindaco. E non sono listarelle da quattro soldi perchè a muovere le fila ci sono persone di peso che vengono da una lunga militanza politica e che hanno deciso di correre da soli, proprio per non portare il peso di partiti che ormai sono logorati nella loro incrostazione di potere.   Le liste di Braia, come di patrizia Minardi, di Pasquale Doria, dei verdi non contengono soluzioni di ripiego ma prime scelte in termini professionali e sociali . Hanno la benedizione di qualche autorevole ecclesiastico e stimolano la curiosità di un grande competitor come l’imprenditore Nicola Benedetto,il quale, forte di due liste di un certo calibro, sta meditando il grande sgambetto  rispetto ad un centrodestra che si è rimangiato ogni impegno nei suoi confronti e che è riuscito a trasformare il promesso incarico da vicegovernatore in una specie di aiutante di campo del generale, incaricato a mettergli gli stivali ogni mattina . Per uno che la politica la capisce, è arrivato il momento di fare i conti con un centrodestra che pensa di fare a meno di lui e non può perdere questa occasione per mettere e far mettere le carte in tavola. A Nicola benedetto il notaio Brunella Carriero sta più che bene e aspetta solo che la Lega cacci il nome del candidato per decidere da che parte stare. Il Pd, nonostante gli sforzi di ricucitura che si cerca di fare con gli ex da una parte e i dissidenti dall’altra, vede davanti a sé un percorso ad ostacoli : non solo non è in grado di imporre un proprio candidato, ma non è neanche in grado di dar vita ad uno schieramento più largo. Finirà con l’accodarsi all’ultimo momento alla coalizione alternativa a quella di destra, non essendo ipotizzabile un accordo con i cinque stelle che a Matera hanno sempre preso a bersaglio Muscaridola e soci. E se non riesce ad accodarsi, c’è il rischio che rimanga fuori dal ballottaggio, come è successo a Potenza. Quello che sta avvenendo a Matera è però indicativo di una tendenza in atto nel centrosinistra: che è quella  di molti esponenti di primo piano di rifiutare le sigle di partito, diventate ingombranti e sinonimo di conservatorismo, e di giocare in prima persona, senza magliette di squadra, puntando su qualità personali e su simpatie conquistate.  Fossi in Zingaretti, qualche preoccupazione nascerebbe in tempo a spegnermi l’onnipresente sorriso di facciata. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento