NON DEVE ESSER FACILE ESSERE LUCANO.. QUANDO NON SEI POTENTINO O MATERANO

0

di ROCCO PESARINI

 

 

Siamo una Regione minuscola.

Siamo meno di 600mila abitanti e dovremmo praticamente conoscerci quasi tutti.

Detto ciò e considerando le dinamiche più o meno sottese nel nostro territorio, diciamocelo: non deve essere facile essere Lucano se il Fato non ti ha fatto nascere Potentino o Materano.

La nostra regione seppur piccola e per qualcuno “insignificante” (salvo poi  prendersi l’acqua e il petrolio) riesce a catalizzare ed esaurire (quasi) tutto il dibattito politico, amministrativo, burocratico, finanziario al dualismo Potenza – Matera.

Non entro volutamente nel merito di compensazioni o contro – compensazioni tra le due città (se ne avete voglia troverete ovunque articoli, post, commenti ad esempio sui soldi per Matera 2019 o sui soldi per l’ultimo Capodanno a Potenza, con tanto di polemiche, accuse, controaccuse, invettive e amenità similari).

Prendete ad esempio l’ultimo Capodanno Rai: settimane di attacchi furiosi tra cittadini delle due “fazioni” che rivendicavano, ognuno dal proprio versante, quasi il “diritto” ad ospitare la manifestazione a discapito della contendente, ritenuta non degna di ospitare cotanta meraviglia.

Che poi il Capodanno Rai (anche per questioni logistiche od organizzative dirà qualcuno) abbia snobbato il Vulture, il Metapontino o la Val D’Agri (le cui royalties petrolifere probabilmente permettono più di qualche sfizio a questo territorio) sembra non interessare quasi nessuno, salvo ovviamente i diretti interessati che hanno l’unica “colpa” di risiedere a Venosa, a Melfi, a Rionero, a Viggiano, a Moliterno, a Bernalda, a Scanzano Jonico, a Lagonegro, a Muro Lucano, a Tricarico… (l’elenco completatelo voi).

Spesso ci domandiamo come la nostra regione possa realmente e concretamente iniziare a crescere e progredire, sviluppando quel senso di comunità lucana la cui assenza viene dai più evidenziata come una delle cause negative in merito.

Però mi chiedo e vi chiedo: come può crearsi quel senso di comunità (e non solo) se ogni cosa, ogni questione, ogni più irrilevante tematica viene ricondotta quasi sempre al dualismo sopra citato tra le due città regionali?

Chissà cosa ne pensano i lucani tutti….

Chissà cosa ne avrebbe pensato Orazio: lucano ma né potentino né materano

 

Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Lascia un Commento