PD, CONGRESSO AL BUIO SENZA UNA VISIONE DI PARTITO

0

Anche a Letta bisogna dare il tempo di passare dalle parole ai fatti. E bisogna dargli la buona fede per quello che dice di voler fare, senza domandarsi perchè non abbia contribuito nel passato a portare avanti quei cambiamenti che certamente non nascono dalle necessità di oggi ma che anche ieri erano indispensabili. Eppure ,senza essere prevenuti, non si può non riportare alla mente altri momenti di speranza delusi, altri cambiamenti di vertice, altri avvicendamenti di segretari  che dovevano aprire le finestre del partito ma hanno continuato a far funzionare il …condizionatore. Proprio pensando alle occasioni perse, e a come il partito ne stia risentendo, ci sarebbe da dargli mano libera per intervenire con una profonda ristrutturazione , nella consapevolezza che o si prende quest’autobus oppure ci si condanna all’irrilevanza. Il tema è di una semplicità assoluta : o si apre il partito alle nuove generazioni con il coraggio della classe dirigente di mettersi in discussione e di affrontare una competizione aperta, oppure si sceglie cinicamente di rimanere in sella barattando come aperture congressi addomesticati. La Basilicata è chiamata per prima a verificare quanto c’è di vero nella affermazioni del nuovo segretario e quindi a decidere:a) se vuol fare un congresso col vecchio tesseramento o invece aprirlo a tutti quelli che vogliono portare il loro contributo b) se vuole rivendicare l’autonomia decisionale a livello territoriale in modo da dare potere decidente agli iscritti c) se vuole reintrodurre il proporzionale con le preferenze, se vuole declinare i punti cardinali di una nuova formazione riformista e progressista. In poche parole, se vuole fare un congresso nuovo e non un nuovo congresso. Perchè si capisca l’urgenza della scelta tra rinnovarsi o morire, c’è all’orizzonte la prospettiva di un movimento cinque stelle che vuole dichiaratamene assumere la guida dell’alternanza alla destra. E lo fa, questa volta , affidando tutti i poteri ad un uomo che è nuovo , che non si è consumato nella carriera politica, che ha portato avanti una esperienza importante, che si è fatto amare dalla gente, e che , non compromesso col passato, ha molte frecce al suo arco. Il modo per confrontarsi con questa nuova realtà che si muove non è quello di mettere a confronto i volti dei leader, ma i contenuti di una proposta veramente innovativa, nella quale prevalga una visione di partito che torna al migliore passato, sotto forma di una ampia e totale delega alla periferia per le cose che sono della periferia. I partiti leaderistici sono come gli scattisti nello sport, vanno forte ma nella breve distanza. Quelli veramente democratici,sono maratoneti e coprono lunghe distanze. La sfida è in questi termini, e la gente lo avverte. Rocco Rosa

( IN COPERTINA, IL COMPIANTO SEGRETARIO REGIONALE ON.lUONGO)

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi