POLITICA: LA REGIONE E’ SCALABILE, MA A QUALI CONDIZIONI?

0

Se le cose vanno come sono state programmate, il Movimento cinque Stelle con la guida Conte potrebbe contendere il primo posto in regione al partito della Meloni, in forte crescita in Basilicata sia per gli acquisti di personaggi portatori di voto da altri partiti, sia  per la posizione che ha assunto a livello nazionale e che si caratterizza per un rifiuto di convivenza col Pd e con i cinque stelle, cosa che fa apparire la Leader di Fratelli d’italia come la dura e la pura della destra italiana. Questi due partiti sarebbero candidati a guidare le rispettive coalizioni, precedendo a destra la Lega, data intorno ad un quindici per cento e a sinistra il pd, dato ,con molto ottimismo ad un 18 per cento. Stando così le cose, pretese dei secondi di sedersi al tavolo per distribuire le carte, sarebbero poco fondate ed entrambi non tarderanno ad accorgersi del passo indietro che hanno fatto. In politica però mai dire mai e la fotografia di oggi potrebbe benissimo essere sostituita da sondaggi diversi, a patto però che si sappia partire da una presa d’atto realistica della situazione. Cosa che nei cinque stelle significa scommettere sulla capacità di Conte di  nominare un coordinatore credibile ed autorevole, in grado di fare diventare una squadra, quella che oggi è un’assemblea di personaggi che non si parlano, non hanno un fine comune e , in molti casi, rappresentano se stessi in quanto baciati dalla fortuna che li ha estratti a sorte e incapaci di trasformare il loro incarico parlamentare in un percorso di fatica costruttiva per tutti. Così che solo una rifondazione  tramite azzeramento delle posizioni, potrebbe rinsaldare il legame che si è spezzato tra la base grillina doc e la nomenclatura regionale uscita dalle elezioni. La riprova è che oggi non si sa con chi parlare per un minimo di strategia comune sia da parte del Pd ,sia da parte del variegato mondo di centrosinistra. Nel Pd la situazione è diversa, e riguarda la sostanziale situazione di immobilismo dovuta ad un mancato rinnovamento e alla permanenza di un tavolo da gioco con quattro personaggi di spessore, che un tempo avevano percorsi organi grammatici aperti come autostrade e che oggi sono costretti a giocarsi i due posti che forse potrebbero avere in parlamento, uno alla Camera e uno al Senato. Un gioco a chi rimane in piedi da parte di chi gioca le ultime carte di un potere che non intende mollare e che bisogna spremere fino all’ultimo. Ci fosse una diversa sensibilità a Roma come in Basilicata, si potrebbe giocare la carta di un rimescolamento integrale del partito, attraverso un congresso non teleguidato e non ancorato alle tessere, magari mandando avanti facce nuove e giovani in grado di ridestare un minimo di entusiasmo nell’elettorato di sinistra e di incominciare a porre i mattoni per una nuova edificazione. Ma né a Roma è giunto un rivoluzionario, né a Potenza o Matera c’è traccia di una autocritica costruttiva e di uno sforzo ad assecondare un processo di rinnovamento. Così che il sorpasso nel centrosinistra può non bastare per riprendersi la regione , pur essendoci i presupposti politici per contendere la guida di quella istituzione, perchè quello che guadagna uno è direttamente collegato a quello che perde l’altro. Nel centro destra , la situazione è certamente più stabile, anche se la riserva mentale del presidente Bardi di giocarsi la partita in proprio, sta mettendo in crisi proprio il partito di provenienza giacchè nessuno è disposto a pagare cambiali che non ha firmato. Ma questo è un’altra storia, di cui avremo modo di parlare. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi