POTENZA, QUANDO IL DEGRADO E’ AUTORIZZATO

3

BY ROCCO ROSA

Ci sono immagini –simbolo che sostituiscono mille parole e valgono il miglior editoriale del miglior giornalista. Questa di copertina è una di quelle. Da dodici anni queste baracche fanno parte del panorama urbano. Erano, nelle intenzioni, delle baracche provvisorie di un cantiere, poi passate ad accogliere i possibili  acquirenti delle case. Il complesso è da tempo largamente abitato, ma le baracche sono lì, in piena curva e con buona pace di cittadini e commercianti che ormai ci hanno fatto l’abitudine. Come ci hanno fatto l’abitudine gli amministratori, ai quali manca lo spirito di osservazione o anche il tempo e la voglia di camminare per strada e di analizzare criticamente la città che scorre sotto i loro occhi. Ma ho sperimentato nella mia vita che prendersela sempre con gli amministratori in realtà fa il gioco dei veri responsabili di un degrado cittadino, ed i veri responsabili sono i dirigenti degli uffici che non sanno dirigere e quelli che dovendo controllare non sanno o non vogliono farlo. Npotenza degrado autorizzatoon parliamo di quel famoso ufficio qualità urbana istituito nel 2000 e che da quell’anno si è organizzato alla meglio per imbruttire la città autorizzando insegne da far accapponare la pelle, privatizzando giardini che avrebbero dovuto essere gestiti da privati e che invece offrono pubblicità gratis. Insomma, una pacchia per chi vuole debordare, farsi gli affari propri e sfruttare l’inconcludenza degli uffici. A chi poi dovrebbe controllare, stiamo parlando dei vigili urbani, vorremmo sottoporre l’articolo 9 del regolamento di polizia urbana, che affida loro nientedimeno che il compito di assicurare il decoro urbano. Neanche a parlarne. E allora, mio caro amico Sindaco, bisogna fare delle scelte e dare al comandante dei Vigili un preciso atto di indirizzo: voglio che la città sia pulita e che, per l’anno 2016, siano rimosse tutte quelle indecenze che l’hanno resa simile, molto simile a quelle cittadine del nord di Napoli, da Caivano a Frattamaggiore , dove ognuno fa quel c..che gli pare.  Tornando all’immagine di copertina, c’è solo da chiedersi: ma per continuare la vendita, non bastano le decine e decine di appartamenti già costruiti e che sono vuoti, oppure non basta affittarsi da solo quegli uffici quotidiani che nello stesso palazzo vengono affittati ad altri?

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

3 commenti

  1. Avatar
    Enrico Fasulo il

    Riguardo alle costruzioni sul suolo ex-fornace Ierace il nostro buon ex-sindaco Santarsiero non ci ha mai spiegato perche’ ha autorizzato la modifica dell’andamento stradale (hanno creato un dosso lungo varie decine di metri) da parte dei costruttori.

  2. Avatar
    carlo lentini il

    nella stessa zona vi sono due Gru che non vengono smontate, anche se il complesso residenziale è finito da ormai due anni, e che dire poi del divieto di sosta che non viene x niente rispettato. Perchè non viene tolto il cartello di divieto se nessuno controlla ?

Lascia un Commento