RENZI IN BASILICATA. UNA VISITA CHE LO RINCUORA

0

L’esito delle amministrative in Basilicata ha ,tra le altre cose, detto che  Italia Viva esiste in regione e non può essere conteggiata con il falso negativo dei sondaggi italiani. Una cosa è la percezione della politica, altra è il consenso delle persone, che è meno vistoso ma più concreto e reale. Deve essere per questo che Matteo Renzi ha sentito il dovere di improvvisare una visita in Basilicata , ripagato a Matera come a Potenza da una accoglienza molto calda e da una platea abbastanza nutrita. Ne è conseguito un tipo di incontro improntato all’ottimismo e all’impegno ad andare avanti. Quanto alla direzione di marcia non poteva essere la tappa lucana a dare la bussola perché in questi tempi turbolenti e con certi eventi imprevedibili  è meglio affidarsi al fiuto che agli strumenti di navigazione . E sul fiuto lui rivendica di aver avuto ragione quando ha provocato lo scossone che ha portato Mario Draghi al Governo , affidando il Paese in mani sicure e strappandolo  agli improvvisatori. Questo non voler indicare con precisione la rotta è chiaramente funzionale al disegno di rinascita di Italia Viva, che aspetta la maturazione di eventi tali da avere una prospettiva di lungo periodo. Per adesso occhieggia a destra e non rompe a sinistra, scegliendo, come è stato fatto in basilicata, di appoggiare ora l’una ora l’altra coalizione, in nome dell’interesse ,dicono, della comunità interessata. Ma , man mano che la strada si avvicina al bivio, Italia Viva sembra sempre più intenzionata a non andare né a destra né a sinistra ma a tirare dritto verso il centro, magari con una formazione inedita che , dopo il successo di Draghi, si proponga di interpretare   la voglia degli italiani di uscire dall’angustia di una politica pseudo ideologica e di mettere insieme una nuova classe dirigente competente , riformista e moderata in linea con le esigenze di una economia che cresce e con le richieste di competenza e di capacità direzionale che gli imprenditori fanno. E non è un caso che a Matera e Potenza ci sia stata una folta presenza di esponenti del mondo imprenditoriale, anche di quelli che avevano recentemente fatto il tifo per Salvini. Che è poi il vecchio disegno di ricostituire il perno centrale della politica italiana, che tenga insieme Italia Viva, Forza Italia, e la costellazione di moderati che si muove a diverso titolo e sotto diverse sigle.  Che possa essere lui il federatore è alquanto dubbio, perché ormai si è lasciato  cucire addosso il personaggio di un antipatico a pelle, ma che possa risorgere come partito ci sta. E in Basilicata, dopo il buon lavoro di Polese ,Braia e De Maria,  ha trovato la conferma che si può tornare in campo da protagonisti e non da comprimari.  Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi