RICORDI NELLA LINGUA DEL CUORE: FILIANO E VENOSA

0

Le poesie scelte per questo numero hanno come tema centrale quello della famiglia e dei ricordi. Entrambe hanno partecipato al II Concorso di Poesia Dialettale lucana indetto dal Centro Internazionale di Dialettologia nel 2018.

La prima che vi presentiamo è Na bbèlla šurnata rë quannë èra criaturë di Salvatore Lucia. L’autore è originario di Filiano e la varietà nella quale scrive il componimento è il dialetto aviglianese.

Il componimento non è suddiviso in strofe, ma in alcuni casi i versi sono uniti tra di loro dalla rima alternata, come si potrà osservare per i vv. 2 e 4 (ppuanëmmanë), o dalla rima baciata, come si potrà osservare per i vv. 7-8 (tavëlunëcarëvunë).

La poesia si presenta come un dipinto nel quale è possibile osservare diverse scene di un rituale antico: la panificazione.

La poesia si apre con un gruppo di bambini che aspettano trepidanti i cibi succulenti che di lì a breve verranno sfornati dalla nonna e dalla zia. Il gesto più significativo è quello dello sfregarsi le mani, mentre si scambiano occhiate con uno sguardo allegro e curioso (në uardamë/cu uócchië vispë a në strëcamë rë mmanë). In un secondo momento si apre dinanzi agli occhi una colorata tavolata sulla quale sono sistemate pizze invitanti e golose.

Ma ecco che emerge uno degli aspetti più belli e caratteristici del rituale del pane, quello della presenza rë lu vëcënatë ‘del vicinato’ che accorreva per infornare il pane, impastato pazientemente la mattina, o che giungeva semplicemente per partecipare a questo momento di festa, ovvero, come scrive l’autore, pë së énghië la vèndrë ‘per riempirsi la pancia’.

Quel che rende ancora più bello e dolce questo componimento, oltre all’utilizzo della lingua del cuore, il dialetto, è il punto di vista dal quale viene rievocato questo ricordo, quello di un bambino che si diverte con i suoi cuginetti, mentre la famiglia è riunita intorno al forno per produrre la più grande ricchezza dell’uomo, il pane.

Na bbèlla šurnata rë quannë èra criaturë

Chë bbèlla šurnata

òšë nònna facë ru ppuanë!

Cu gli cunzuprinë në uardamë

cu uócchië vispë a në strëcamë rë mmanë.

Mamma a zía prëparënë lu furnë,

lèvënë la vrašë a pulèzzënë finë mbunnë.

Ra lundanë vërimë i tavëlunë

appušatë a rróië sèggë mbaccë ai carëvunë,

sópë pizzë ca në piacënë a nnuië

a panë ra nfurnà,

ngë só ttuttë a tré rë qqualëtà:

quéḍḍa róssa cu rë ppëmmaròrë

quéḍḍa cu lu furmaggë a la pastórë,

quéḍḍa cu ru zzucchërë pë rë ccriaturë.

Ng’è ttanda ggèndë rë lu vëcënatë,

chi vènë pë nfurnà rròbba sóia

a chi sulë pë së énghië la vèndrë.

Mèglië ca šucuamë ngurcë,

nònna rë ssapë la partë ca në piacë,

amma sulë aspëttà ca còcë.

Ah, cumë sapía quéḍḍa pizza caura caura!

Gli canë arrutularënë la córa,

ma sèmbë niéndë rumanía pë llòrë!

 

Una bella giornata di quando ero bambino

Che bella giornata,

oggi nonna fa il pane!

Con i cugini ci guardiamo

con occhi vispi e ci strofiniamo le mani.

Mamma e zia preparano il forno,

tolgono la brace e puliscono fino in fondo.

Da lontano vediamo le lunghe tavole

appoggiate a due sedie vicino ai carboni,

con sopra pizze che piacciono a noi

e pane da infornare,

ci sono tutti e tre i tipi:

quella rossa col pomodoro,

quella con il formaggio tipica del pastore,

quella con lo zucchero per i bambini.

Ci sono tanti del vicinato,

chi viene per infornare cose sue

e chi solo per riempirsi lo stomaco.

Meglio che giochiamo nelle vicinanze,

nonna sa quale pezzo preferiamo,

dobbiamo solo aspettare che cuoce.

Ah, come era buona quella pizza calda calda!

I cani muovevano la coda

ma per loro non rimaneva niente!

Ma soffermiamoci ora sulla varietà nella quale è scritta la poesia. Come abbiamo detto all’inizio, l’autore è di Filiano, ma la sua lingua madre è l’aviglianese. Filiano infatti, sebbene sia un comune a sé stante ormai dal 1952, nasce come frazione di Avigliano. Il legame con la “madrepatria” rimane tangibile nell’utilizzo di una lingua pressoché comune.

Dalla poesia emergono quelli che sono i tratti salienti di questa lingua. In primis è evidente il fenomeno della propagginazione di -u, per cui la –u dell’articolo o della sillaba precedente si proietta nella sillaba successiva: si possono osservare i casi di ru ppua ‘il pane’ al v. 2 (a cui si contrappone però a panë ra nfurnà ‘e pane da infornare’ al v. 10, dove manca la (-)u– (-)[u]- del caso precedente, in quanto la parola non è preceduta da articolo) e šucua ‘giochiamo’ al v. 18.

Un altro elemento caratteristico è l’alternanza per il maschile plurale delle forme dell’articolo i e gli davanti a nomi inizianti per consonante, come si può osservare per gli cunzuprinë ‘i cugini’ al v. 3, ma i tavëlunë ‘le lunghe tavole’ al v. 7.

Infine, si potrà osservare l’evoluzione del latino (-)DJ- > (-)š– (-)[ʃ]- che si registra in parole come šurnata ‘giornata’ al v.1 e òšë ‘oggi’ al v. 2.

La seconda poesia che vi presentiamo è invece Nonònna méië di Carmine Maino. Il componimento è stato scritto in venosino. L’autore ha grande dimestichezza con le tecniche della composizione poetica: il lavoro è suddiviso in cinque strofe di quattro versi ciascuna, con uno schema ritmico del tipo AABB CCDD EEFF GGHH IILM. Questo rende il componimento gradevole all’orecchio dell’ascoltatore.

Carmine Maino si sofferma sul ricordo della nonna, una donna della quale esalta non solo la bellezza fisica (na fèmmënë bbèllë e gëndè(i)lë v. 3; Quand’érë Bbèllë…/la cchiụ̀ llucèndë dë ògnë Stèllë vv. 7-8), ma anche la delicatezza dei modi (chë na garbatèzza sëgnurè(i)lë v. 4).

Dalla lettura dei versi traspare tutta la nostalgia per questa donna tanto importante per la sua vita (e stu córë… měië nascònnë/u bbénë paccë ca sèmbë të vòglië/ca sèmbë ngurpuréie… sèmb’accòglië, vv. 12-14), ma rimane la speranza di poterla rincontrare in un altro spazio e in un’altra dimensione, dove lei continuerà ad essere la nonna accogliente di sempre (e ru ssaccë…/ ca më stěië sèmbë vecè(i)në/ da la sérë a la matè(i)në/ ru ssaccë.. e iè.. acchëssị̀/ ca nu pòstë më l’ěi lassětë vecè(i)ne a Tté, vv. 10-16).

Nonònna méië

Nonònna méië

érë nonònna méië

na fèmmënë bbèllë e gëndè(i)lë

chë na garbatèzza sëgnurè(i)lë

scrëvèië e lëggèië a mmalapénë

ié.. më la pòrte sèmbë iénd’au córë iénd’a lë vvénë

Quand’érë Bbèllë…

la cchiụ̀ llucèndë dë ògnë Stèllë

cu: tuppë drétë au cuzzèttë

dëlëchětë…prufumětë…e quand’amórë… quand’affèttë

cchè Bbèllë ca érë Nonònnë

e stu córë… měië nascònnë

u bbénë paccë ca sèmbë të vòglië

ca sèmbë ngurpuréie… sèmb’accòglië

e ru ssaccë dë secò(u)rë

sènza sbattë la chëpë mbitt’au mò(u)rë

ca më stěië sèmbë vecè(i)në

da la sérë a la matè(i)në

ru ssaccë.. e iè.. acchëssị̀

ca nu pòstë më l’ěi lassětë vecè(i)ne a Tté.

Mia Nonna

 

Mia Nonna…

era Mia Nonna

una Donna Bella e Gentile

di una garbatezza Signorile

scriveva e leggeva appena

Io. la porto sempre nel mio cuore, nelle mie vene

Quant’era Bella…

la più lucente di ogni Stella

con i capelli legati dietro la nuca

delicata… profumata… e quanto Amore… quanto Affetto

che Bella che era Nonna

e questo mio cuore mai nasconde

il Bene pazzo che sempre ti Voglio

che porto in corpo.. che sempre raccolgo

e lo so di sicuro

senza sbatter la testa contro al muro

che mi sei sempre vicino

dalla sera al mattino

lo so.. ed è.. così

che un posticino me l’hai lasciato vicino a Te.

Passiamo ora ad analizzare la lingua del componimento, il dialetto di Venosa. Questa lingua risulta essere particolarissima e tra i tratti che la caratterizzano maggiormente vi sono le diverse varianti della -A- tonica latina: nel venosino, infatti, si registrano –ě– -[ɜ]-, –ë– -[ə]- ed  –è– -[ɛ]-. In questa poesia troviamo solo due delle varianti presenti, –ě– -[ɜ]- (si veda dëlëchě al v. 6) ed –ë– -[ə]- (si veda chë al v. 16).

Sempre nell’ambito vocalico, si può osservare uno dei tratti più marcati di questa lingua, i vocoidi, ovvero di suoni composti da due elementi; nel venosino i vocoidi presenti sono –è(i)– -[ɛ(i)]-, evoluzione di Ī latina, e –ò(u)– -[ɔ(u)]-, evoluzione di Ū latina: gli esempi rintracciabili nella poesia sono gëndè(i) ‘gentile’ al v. 3, matè(i) ‘mattina’ al v. 18, mò(u) ‘muro’ al v.16 e secò(u) ‘sicuro’ al v. 15.

Teresa Carbutti

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi