STOP BUROCRAZIA: I TECNICI ESTERNI GARANTI DI LEGALITA’

0

Tra le modifiche dirette a semplificare l’accesso al superbonus, una colpisce nel segno per novità ed importanza: la sostituzione della certificazione da parte degli uffici comunali con una analoga certificazione di tecnici iscritti ai vari albi, cioè il potere di accertare e documentare la conformità di una opera rispetto alle prescrizioni urbanistiche e rispetto alla legge specifica di incentivazione al risparmio energetico. E’ la richiesta fondamentale che da tempo le categorie professionali facevano per affrontare di petto la questione della semplificazione, che non è e non può essere solo la individuazione di una corsia veloce per le grandi opere , attraverso il commissariamento, ma una più diffusa pratica di snellimento della burocrazia togliendo tutto quello che sa di autorizzazione preventiva e sostituendola con la responsabilità personale e professionale di un tecnico..

Se questo sistema che si sperimenta da oggi con il superbonus fosse candidato ad essere la norma nel rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione, noi realizzeremmo una grande rivoluzione, aggirando le vere strettoie che oggi frenano lo sviluppo. che è fatta di permessi preventivi e di documenti a corredo , di interlocuzioni fisiche e di lentezze burocratiche che assillano , scoraggiano, innervosiscono e allontanano gli amministrati dagli amministratori.

La domanda che va fatta al Dipartimento dell’edilizia e dei lavori pubblici, ma anche ai Sindaci, è se, sulla scorta di questo esempio che arriva da Roma, si può operare questa delega ai professionisti esterni all’asseveramento di conformità alle norme urbanistiche ed edilizie fissando con legge regionale i tanti casi in cui si può ricorrere alla certificazione sostitutiva per le opere, l’impiantistica, le autorizzazioni igienico sanitarie ecc., la sicurezza ecc. .  Questo in vista di una necessaria semplificazione legislativa che prende tempo e che in questo momento non è pensabile che possa essere fatta da un giorno all’altro. A livello nazionale occorre che i legislatori si facciano carico di portare all’approvzione un provvedimento più generale di attivazione di queste professionalità esterne alla pubblica amministrazione per fare, nel rispetto delle leggi, le cose che la pubblica amministrazione non riesce a licenziare nei tempi stretti. Basterà stabilire il principio che il professionista è responsabile civilmente e penalmente delle attestazioni, che è passibile di radiazione dasll’albo professionale e che, per fare da garante per la pubblica amministrazione deve avere determinati requisiti professionali, di iscrizione agli albi, di onorabilità ecc.. Andiamo decisi verso questa strada, perchè potrebbe essere il classico uovo di Colombo per rimettere in piedi il vero rapporto che deve esserci in una società moderna: il privato fa e l’amministrazione controlla.  

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi