THE FEEDBACKERS PREMIO EVENTI POTENTINI – EVENTO DELL’ANNO 2016

0

ROCCO PESARINI

17103718_811432009008848_4506022493337310180_n

Con ben 227 preferenze su un totale complessivo di 1316 voti espressi, The FEEdbACKERS si sono aggiudicati la prima edizione del Premio Eventi Potentini categoria Evento dell’anno 2016, ideato e promosso dall’associazione SonoricaMente sul gruppo Facebook Eventi Potentini.
17238389_10212240217939041_2061688944_n
Davanti ad una tazzina di caffè ne abbiamo parlato con Niko Saluzzi, presidente di InterZona, l’associazione culturale che produce e cura l evento e che dal 1994 si dedica alla promozione di tutti quegli artisti lucani – spesso molto talentuosi – che fanno fatica a trovare la meritata visibilità.
Niko rivendica con fierezza la libertà e l’indipendenza dell’associazione InterZona, che ha segnato tappe importanti della vita artistica (notturna) potentina quali l’apertura dello storico Tribeka ed il rilancio della vineria Sottapera. “L’associazione non ha mai richiesto una sola lira o un solo euro di finanziamento pubblico. Questo sia per evitare di essere marchiati politicamente sia perché intimamente convinti che qualsiasi buon progetto deve basarsi esclusivamente sulle proprie forze”.
17269337_10212240156057494_1642348615_o
Animata dalla Club Cult Crew (collettivo di DJ potentini) la serata The FEEdbACKERS deriva dal titolo della trasmissione radiofonica FEEdbACK condotta da Pietro Sacco e Luigi Catalani che nei primi anni duemila diffuse in Basilicata tragitti sonori non convenzionali. Il suo tratto caratteristico è, da sempre, la costante e quotidiana ricerca musicale (rock, indie, elettronica) abbinata all’arte nelle sue più varie declinazioni: pittura, fotografia, videoarte, grafica, teatro ecc.: “Mai un venerdì sera uguale all’altro… e questo, fatto unico per Potenza, accade ormai dal lontano 2006, anno del nostro debutto ufficiale alla vineria Sottapera”.
 
Ma chi sono i volti, le persone dietro il progetto The FEEdbACKERS?
“C’è la squadra dei dj: Niko (Saluzzi), Vanzetti (Luigi Catalani), Fester (Stefano Giammaria) e Sacco (Pietro), e c’è lo staff della comunicazione: Apegraph Angela Pergola (grafica), Enrica Maioli (web e social media), Afra Fanizzi (addetta stampa), Enrico Laguardia (foto e video). Ma la verità è che siamo tantissimi! E le 227 preferenze testimoniano una diffusione delle “facce da FEEdbACKERS” non solo a Potenza ma in tante altre parti d’Italia. E in quest’ottica si spiegano le tante collaborazioni avviate nel corso degli anni con altre realtà artistiche e musicali (le più recenti quelle con RedHouse Lab, scuola lucana di fumetto e illustrazione, e Illogical Kit, netlabel di musica elettronica). Chi ha votato ha espresso la propria preferenza per il progetto, non per le singole persone. È stato indispensabile il passaparola (ed Enrica in questo è stata bravissima) e sono stati sfruttati al meglio i canali comunicativi dell’associazione e dell’evento, a partire dal profilo Instagram e dal blog ufficiale (www.interzona.simplesite.com) aperto ai contributi di tutti”.
 
Quali sono gli appuntamenti targati The FEEdbACKERS?
“Dopo aver animato il venerdì sera della vineria Sottapera (quattro anni) e del wine bar I Dogi (tre anni), dall’autunno del 2016 The FEEdbACKERS sono dj resident presso il wine bar Il Cantiere di via Cairoli (a due passi da Piazza Mario Pagano), uno spazio elettrizzante dove ci si muove tra la consolle e una grande parete-lavagna, sulla quale si esibiscono artisti, writer e fumettisti. Altri appuntamenti fissi sono il 21 giugno da Cibò, per festeggiare l’ingresso dell’estate, il 27 dicembre da Beer Bros, nel cuore delle festività natalizie ed il 1° gennaio il Controsveglione sempre da Cibò”.
E il futuro cosa riserva ai tanti amici del gruppo The FEEdbACKERS?
“Sarà confermata la programmazione annuale e saranno attivati ulteriori progetti e collaborazioni. Inoltre, è un anteprima che diamo in assoluto, stiamo organizzando una mostra itinerante collettiva su Potenza, che avrà come tema Il Silenzio. Per saperne di più seguiteci… se vi va!”
 
Niko come la vedi la nostra Potenza?
“Io amo Potenza e mi piace molto. Sono profondamente convinto delle potenzialità della città e dei giovani potentini. Ma credo molto nella forza della progettualità e nel contributo dei ragazzi più dinamici e creativi. A patto che non alimentino la tendenza a ‘specchiarsi’ e a copiare le iniziative altrui, ma offrano il proprio contributo di esperienze e di idee originali”.
 
Oltre ai giovani, cos’altro servirebbe?
“Beh, senza dubbio una maggiore valorizzazione del centro storico cittadino! A fine maggio ci sono i festeggiamenti per San Gerardo, ok, ma, passati quei giorni, ho l’impressione che la città torni a sonnecchiare. Tant’è che in estate i potentini sono ancora costretti a uscire fuori dalla città per trovare eventi, divertimento e occasioni di svago. Sarebbe auspicabile una collaborazione tra le associazioni (reali, non fittizie) della città allo scopo di predisporre una degna programmazione di eventi artistici e culturali soprattutto nel periodo estivo, ma anche in tutto il resto dell’anno”.
Per chiudere, indicaci invece, il tuo personale evento preferito dell’anno 2016
“Nessun dubbio: DEFECT in the Club”.
 
Il caffè è finito. E con esso la nostra piacevolissima ed illuminante chiacchierata.
NIko è stato solo il primo protagonista di una (spero) lunga serie di interviste a presidenti di associazioni, circoli, club, associazioni di quartiere.
Ne verrà fuori la fotografia fedele di una città che sa associarsi, progettare, ideare e realizzare eventi e manifestazioni di primissimo livello.
Una Potenza dinamica, vitale, intraprendente, sorprendente.
E perciò, per dirla alla FEEdbACKERS, ci leggiamo presto… se vi va!
Condividi

Sull' Autore

Rocco Pesarini

Rispondi