UN GOVERNO REGIONALE CHE CORRE DECISO, IN SENSO VIETATO

0

Come era facile prevedere, I Sindacati sono insorti contro l’appena bandito concorso per dirigenti e funzionari della Regione. Ha aperto il fuoco la federazione dei Dirigenti cui è seguita a ruota la dura protesta della CISL, Funzione Pubblica che, in perfetta concordanza di vedute, ha trovato surreale e controproducente la delibera di indizione del concorso. Due le motivazioni oggettive ed incontestabili: la prima è che è assolutamente ingiusto e privo di senso logico l’apertura di un nuovo concorso quando ci sono cento funzionari laureati appena assunti per concorso  a contratto part time e a cui non si riesce a dare il pieno impiego, costringendoli , loro che lavorano da quindici anni, che hanno esperienza e titoli e che in più sono diventati la spina dorsale dell’Amministrazione regionale, a percepire  uno stipendio ridotto della metà  e non superiore agli  ottocento euro. Non hanno diritto questi alla piena assunzione, prima che arrivino altre persone dello stesso livello a condividere una situazione da mezzo stipendio?. O vogliamo invece diventare un esempio come Regione di precarietà organizzata per tutto il ciclo lavorativo, una sorta di permanente cassa integrazione a metà tempo? E si possono fare questi colpi di mano in dispregio ad ogni forma di rapporto con i Sindacati, quando pure la legge tutela queste relazioni e le rende obbligatorie?

La seconda considerazione riguarda il tentativo di aggirare  il divieto alle assunzioni imposto dalla Corte dei Conti in sede di parifica condizionata del bilancio. Una specie di via libera ad andare avanti a condizione che prima si mettano a posto i conti e si dia risposta ai rilievi mossi . E dunque, la Giunta ha ragionato in questa maniera: facciamo i concorsi ma non li assumiamo , come dire una bella operazione elettorale  che andrebbe a concludersi , visti I tempi, esattamente alla vigilia delle nuove consultazioni.

Come finirà questa storia? E’ chiaro che se va avanti può costituire un precedente estremamente pericoloso perchè mina alla base la contrattazione nazionale che parla di oprganico a tempo pieno e non di organico a tempo limitato. Se si va avanti spezzettando il monte ore lavorativo si adotta una metodologia che neanche il più avventurista e spregiudicato datore di lavoro privato metterebbe in atto. Questa giunta va forte e decisa in senso vietato in autostrada. Il pericolo di un disastro è percepibile a tutti, fuorchè a chi sta guidando. R.R.

Condividi

Sull' Autore

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi