VERDE A MATERA, BENNARDI ESCLUDE LE IMPRESE LOCALI

0
Dirigenti e tecnici del Comune di Matera avrebbero dovuto consigliare all’assessore all’ambiente e al Sindaco di considerare la manutenzione del verde come una vera occasione per le piccole imprese cooperative sociali che operano  nella inclusione lavorativa delle persone disabili o svantaggiate, così come da sempre avviene in quasi tutte le città italiane. Così non è stato e ci si trova di fronte ad un bando che di fatto è scritto in modo da impedire la partecipazione delle aziende locali, a causa dei fatturati rilevanti richiesti. Un pò come avviene per le mense e per le pulizie negli ospedali, solo che coì facendo si condanano le imprese   locali o a vivere di subappalto oppure a guardare i colleghi imprenditori che vengono a far soldi in Basilicata, con beneplacito dflla politica.. Nessuno chiede privilegi impossibili o norme contra legem, ma quelle accortezze per aiutare le imprese di solidarietà sociale o i piccoli imprenditori, magari frazionando i lotti, e ampliando la platea, ci sono sempre state e  questi meccanismi protettivi sono ormai riconosciuti ed accettati. La Confapi materana giustamente protesta anche perchè ” nonostante i ripetuti solleciti, fatti in occasione del nuovo programma triennale di sistemazione del verde pubblico, l’Amministrazione prosegue nel suo atteggiamento inteso a richiedere requisiti che nessuna impresa del territorio possiede, trincerandosi dietro una presunta adeguata capacità tecnica, economica e finanziaria a eseguire il servizio.” In realtà, per la tipologia delle aziende coinvolte, cioè cooperative sociali che impiegano lavoratori svantaggiati, questi requisiti di fatturato triennale- dice Confapi. sono posseduti da pochissime imprese a livello nazionale. Confapi Matera non contesta la legittimità della procedura, ma rifiuta la scelta politica fatta dall’Amministrazione Comunale che, disattendendo gli impegni presi e vanificando le aspettative createsi col programma del verde, non solo esclude di fatto le imprese locali dai bandi odierni, ma ne preclude la partecipazione anche per il futuro, perché fra tre anni queste aziende non saranno ugualmente in grado di partecipare alle gare e quella che poteva essere un’opportunità per il territorio, diventa invece un boomerang. L’azione dell’Associazione è tesa a creare un processo virtuoso di crescita delle aziende locali. Invece, con questa decisione dell’Amministrazione Comunale, che delude fortemente, s’impedisce con certezza questa crescita perché gli appalti saranno aggiudicati a imprese esterne e le nostre aziende resteranno semplici subappaltatrici perché non potranno acquisire il requisito indispensabile del fatturato. Il programma triennale del verde pubblico aveva tutti i presupposti per uno sviluppo del territorio e della qualità degli interventi; con la scelta politica fatta dall’Amministrazione Comunale, invece, viene impedito di cogliere questa opportunità per cui alla fine del triennio non ci sarà alcuna crescita. Anzi, in tal modo viene fortemente pregiudicata la sopravvivenza delle imprese del territorio. Confapi Matera ricorda che il servizio di manutenzione delle aree verdi viene svolto da cooperative sociali di categoria B che, in quanto tali, impiegano personale cosiddetto svantaggiato, cioè categorie protette, e che quindi avrebbero bisogno di maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale. Confapi Matera contesterà in tutte le sedi competenti questa scelta politica, ricordando che in passato le aziende del territorio hanno sempre svolto egregiamente tale servizio, contribuendo all’inserimento nel mondo del lavoro di tante persone c.d. svantaggiate, quindi svolgendo un importantissimo ruolo sociale. E per questo motivo questa scelta politica viene ritenuta dall’Associazione quanto mai inopportuna.
Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Rispondi