ALBANO DI LUCANIA: LINGUA E TRADIZIONI

0
  1. Albano di Lucania: una lingua galloitalica da salvaguardare

Albë [alˈbənə] ‘Albano di Lucania’ è un paese di circa 1.400 abitanti della Provincia di Potenza, situato a ridosso delle “Dolomiti Lucane” a circa 900 metri d’altitudine. Secondo alcuni studiosi, il toponimo deriverebbe dal personale latino Albanus, secondo altre fonti invece, il nome Albano sarebbe ereditato dalla contessa Filippa d’Alba, la cui famiglia governò sul paese fino al 1301. La parlata di Albano è stata inserita da Helmut Lütdke tra i dialetti galloitalici di Basilicata, mentre negli studi di Gerhard Rohlfs, risalenti ai primi decenni del secolo scorso, Albano non figurava tra i centri lucani di lingua settentrionale. Il dialetto di Albano oggi mostra una chiara impronta galloitalica pur avendo subito una progressiva meridionalizzazione di alcuni tratti.

Analizziamo nello specifico i fenomeni del dialetto di Albano:

Dittonghi settentrionali: il dialetti galloitalici fanno registrare dittongo generalmente in presenza dei suoni: -r- [-r-]; -v- [-v-]; -l- [-l-]; -gn- [-ɲ-]; -š- [-S-]; -(g)- [-Ä-]; -chi- [-k:j-]; -gli- [-´-] / -ghi- [g:j]. Il dialetto di Albano non mostra questo tipo di dittonghi, es: córë [ˈkorǝ] vs cuórë [ˈkworǝ] (Potenza) ‘cuore’, sórë [ˈsorǝ] vs suóra [ˈswora] (Potenza) ‘sorella’, érë [ˈerǝ] vs iéra [ˈjera] (Tito) ‘era’; chióvë [ˈkjovǝ] vs chiuóvë [ˈkjwovǝ] (Potenza) ‘piove’, óvë [ˈovǝ] vs uóvë [ˈwovǝ] (Potenza) ‘uova’, nóvë [ˈnovǝ] vs nuóva [ˈnwova] (Potenza) ‘nuova’; rasóu [raˈsoulǝ] / rasólë [raˈsolǝ] vs rrasuóla [r:aˈswola] (Potenza) ‘spatola per la pasta’, mélë [ˈmelǝ] vs miélu [ˈmjelu] (Tito) ‘miele’, félë [ˈfelǝ] vs affiélu [aˈf:jelu] (Tito) ‘fiele’; tègnë [ˈtɛɲ:ǝ] vs tiégnë [ˈtjeɲ:ǝ] (Potenza) ‘tengo’; vègnë [ˈvɛɲ:ǝ] vs viégnë [ˈvjeɲ:ǝ] (Potenza) ‘vengo’; vògghië [ˈvɔg:jə] vs  vuóglië [ˈvwoʎ:ǝ] (Potenza) ‘voglio’, accògghië [aˈk:ɔg:jǝ] vs accuóglië [aˈk:woʎ:ǝ] (Potenza) ‘raccogliere’, mègghië [ˈmɛg:jǝ] vs miéglië [ˈmjeʎ:ǝ] (Potenza) ‘meglio’.

Dittonghi metafonetici: la metafonia, diffusa nei dialetti meridionali e generalmente assente nei dialetti galloitalici, consiste nel cambiamento di timbro delle vocali toniche all’interno di parola e [e]> [je]/ i [i]; o [o]> [wo]/ u [u], causato da –u [-u] e da –i [-i] (in posizione finale). La diffusione della metafonia è dovuta anche al suo valore morfologico che permette la distinzione di genere e numero nell’ambito nominale e di persona in quello verbale. Il dialetto di Albano fa registrare come esiti metafonetici u [u]e i [i], per tutte le vocali colpite dal fenomeno: cuddë [ˈkud:ə] ‘collo’; sunnë [ˈsun:ë] ‘sonno’ / ‘tempie’; murtë [ˈmurtə] ‘morto’ / ‘morti’; purtë [ˈpurtə] ‘tu porti’; sturtë [ˈsturtə] ‘storto’ / ‘storti’; zuppë [ˈtsup:ə] ‘zoppo’/ ‘zoppi’; (d)indë [ˈðində] / dindë [ˈdində] ‘denti’; vindë [ˈvində] ‘vento’; timbë [ˈtimbə] ‘tempo’ (cronologico e meteorologico); parindë [paˈrində] ‘parenti’; cërviddë [tʃərˈvid:ə] ‘cervello’, nëputë [nəˈputə] ‘nipoti’; pëlmunë [pəlˈmunə] ‘polmoni’; capiddë [kaˈpid:ə] ‘capelli’; pilë [ˈpilə] ‘peli’.

Indebolimento di a [a]  tonica in sillaba aperta, -a- [-a-] > ë [-ə-]: caratteristica peculiare del dialetto di Albano è l’indebolimento di a [a]in posizione accentata e in sillaba aperta, ossia  terminante in vocale. Albë [alˈbənə] ‘Albano di Lucania’; chë [ˈkəpə] ‘testa’; në [ˈnəsə] ‘naso’; më [ˈmənə] ‘mano’/ ‘mani’; të[ˈtətə] ‘papà’; frë(d)ë [ˈfrəðə] ‘fratello’; zië [ˈtsjənə] ‘zio’/ ‘zia’; cainë [kaiˈnətə] ‘cognato’ / ‘cognata’; cummë [kuˈm:ərə] ‘madrina’; cumbë [kumˈbərə] ‘padrino’; crë [ˈkrəjə] ‘domani’; gënnë [dʒəˈn:ərə] ‘gennaio’; fëbbrë [fəˈb:rərə] ‘febbraio’; trë [ˈtrəvə] ‘trave’; suprë [suˈprənə] ‘piano superiore’; nëchë [ˈnəkə] ‘culla’; vëšë [ˈvəʃə] ‘bacio’; gëlë(d)ë [dʒəˈləðə] ‘gelata’ / ‘brina’; šcambë(d)ë [ʃkamˈbəðə] ‘spiovuto’. Quando a [a]tonica si trova in sillaba chiusa, ovvero in una sillaba che termina per consonante, non subisce trasformazioni, es: vrazzë [ˈvrat:sə] ‘braccio’; (g)ammë [ˈɣam:ə] ‘gamba’/ ‘gambe’; mammë [ˈmam:ə]; ‘mamma’; (g)rannë [ˈɣran:ə] ‘grande’;  quattë [ˈkwat:ə] ‘quattro’; marzë [ˈmartsə] ‘marzo’; catarattë [kataˈrat:ə] ‘botola’; staddë [ˈstad:ə] ‘stalla’; naššë [ˈnaʃ:ə] ‘nascere’; faššë [ˈfaʃ:ə] ‘fasce’; lambë [ˈlambə] ‘lampo’.

Lenizione delle occlusive sorde intervocaliche -p- [-p-] > -v- [-v-]: caratteristica peculiare dei dialetti galloitalici è la lenizione delle occlusive sorde in posizione intervocalica, per cui l’occlusiva bilabiale sorda sonorizza in fricativa labiodentale sonora -p- [-p-] > -v- [-v-]; l’occlusiva dentale sorda sonorizza in fricativa dentale sonora oppure in occlusiva dentale sonora -t- [-t-] > -(d)- [-ð-]/-d-[-d-]. l’occlusiva velare sorda sonorizza in fricativa velare sonora -c- [-k-] > -(g)- [-ɣ-]. Il dialetto di Albano fa registrare alcune forme che mostrano la sonorizzazione e altre che, invece, hanno perso il tratto galloitalico in questione, es: chëvèrtë [kəˈvɛrtə] ‘coperta’; cuvirchië [kuˈvirkjə] ‘coperchio’; frë(d)ë [ˈfrəðə] ‘fratello’; naššu(d)ë [naˈʃ:uðə] ‘nato’; šcambë(d)ë [ʃkamˈbəðə] ‘spiovuto’; gëlë(d)ë [dʒəˈləðə] ‘gelata’ / ‘brina’; dëmmènë(g)ë [dəˈm:ɛnəɣə] ‘domenica’  ma: nëpótë [nǝˈpotə] ‘nipote’; capiddë [kaˈpid:ə] ‘capelli’; maritë [maˈritə] ‘marito’; avita [aˈvita] ‘avete da (dovete)’; nèvëchë [ˈnɛvəkə] ‘nevica’.

 (-)G- / (-)D- / (-)I- + -E-/-I- > (-)g- [dʒ] / –gg- [d:ʒ]: nelle parlate galloitaliche l’affricata palatoalveolare sonora (-)g- [dʒ], l’occlusiva dentale sonora (-)d- [d]e la semiconsonante palatale     (-)i- [j], seguite da [-i-] o [-e-] collassano nello stesso esito restando o diventando affricata palatoalveolare sonora (-)g- [dʒ] / (-)gg- [d:ʒ]. Nel dialetto di Albano, il tratto galloitalico è ancora diffuso, es: gginërë [ˈd:ʒinərə] ‘genero’; ggënụcchië [d:ʒəˈnʊk:jə] ‘ginocchio’; ggërnë[d:ʒərˈnətə] ‘giornata’; gëlë(d)ë [dʒəˈləðə] ‘gelata’ / ‘brina’; gilë [ˈdʒilə] ‘gelo’; ggị [d:ʒɪ] ‘andare’; ggiucuë [d:ʒuˈkwə] ‘giocare’. In alcuni casi si registrano forme che, anziché l’attesa affricata palatoalveolare sonora, presentano la corrispondente sorda -c- [-tʃ-] / -cc- [-t:ʃ-], es: cënụcchië [tʃəˈnʊk:jə] ‘ginocchio’; dịccëtë [ˈdɪt:ʃətə] ‘dito’; dëcëtịcchië [dətʃəˈtɪk:jə] / dëccëtịcchië [dət:ʃəˈtɪk:jə] ‘mignolo’ / ‘mignolo del piede’; dëcëtónë [dətʃəˈtonə] / dëccëtónë [dət:ʃəˈtonə] ‘pollice’ / ‘alluce’. Si registra la pressione dei dialetti meridionali nella forma iuórnë [‘jwornə]/ iurnë [‘jurnə] ‘giorno’ che mostra l’esito (-)i- [j], e anche la metafonia dittongante estranei alla lingua originaria di Albano, e in altri sporadici casi che presentano l’esito (-)š- [ʃ], es: šëmmèndë [ʃəˈm:ɛndə] ‘giumenta’; mëšë [ˈməʃə] ‘maggio’; óšë [ˈoʃə] ‘oggi’; pëtụššë [pəˈtʊʃ:ə] / pëtụššënë [pəˈtʊʃ:ənə] ‘puzzola’.

L- >  d- [d-] / dd- [d:-]: peculiare dei dialetti galloitalici è l’esito in occlusiva dentale sonora, scempia d-[d-] o geminata dd– [d:-], della laterale iniziale l- [l-].  il dialetto di Albano conserva il tratto solo in alcune forme, ormai desuete, es: ddašèrtëlë [d:a’ʃɛrtələ] ‘lucertola’ forma desueta rispetto a lašèrtëlë [laˈʃɛrtələ] ‘lucertola’; ddavurië [d:aˈvurjə] ‘ramarro’ forma desueta rispetto a lavurië [laˈvurjə]; dda(g)ënë [ˈd:aɣənə] forma desueta rispetto a la(g)ënë [ˈlaɣənə] ‘tagliatelle’.

(-)S- + -E-/-I- > (-)š- [ʃ]: le parlate galloitaliche mostrano l’esito in sibilante palatoalveolare sorda    (-)š- [ʃ] della fricativa alveolare sorda (-)S- [s]seguita da [i]o [e]. il dialetto di Albano anche in questo caso mostra co-occorrenza di forme che presentano il tratto galloitalico e forme che, invece, fanno registrare fricativa alveolare sorda (-)s- [s], vëšë [ˈvəʃə] ‘bacio’;  chëšë [ˈkəʃə] in co-occorrenza con chë [ˈkəsə] ‘cacio’; (g)raššë [ˈɣraʃ:ə] in co-occorrenza con (g)rassë [ˈɣras:ə] ma: acchëssị [ak:əˈs:ɪ] ‘così’;  si [si]‘si’; cammisë [kaˈm:isə] ‘camicia’.

(-)C- [tʃ] + -E-/-I- > (-)š- [ʃ]: la sibilante palatoalveolare (-)š- [ʃ] si registra nelle parlate galloitaliche anche come esito di affricata palatoalveolare sorda -C- [tʃ ] seguita da vocale [i]o [e]. Il dialetto di Albano mostra la conservazione del tratto, es: lašèrtëlë [laˈʃɛrtələ] / ddašèrtëlë [d:aˈʃɛrtələ] ‘lucertola’; lašërtónë [laʃərˈtonə] ‘ramarro’ in co-occorrenza con lavurië [laˈvurjə] / ddavurië [d:aˈvurjə]; piëšë [ˈpjəʃə] ‘piace’; fašimë [faˈʃimə] ‘facciamo’.

Palatalizzazione di (-)s- [s]preconsonantica, categorica davanti a occlusiva velare sorda -c-         [-k-] e occlusiva bilabiale sorda -p- [-p-]: è ritenuto tratto galloitalico il fenomeno per cui la fricativa alveolare sorda (-)S- [s]seguita da occlusiva velare sorda -c- [-k-] o occlusiva bilabiale sorda -p-          [-p-] diventa sibilante palatoalveolare sorda (-)š- [ ʃ] (a tal proposito, si rimanda al numero precedente sulla lingua di Tito). Il dialetto di Albano presenta il tratto in maniera categorica, es: šcappë [ˈʃkap:ə] ‘scappa’; šcarpë [ˈʃkarpə] ‘scarpa’; šcambë(d)ë [ʃkamˈbəðë] ‘spiovuto’; šcurdë [ʃkurˈdə] ‘dimenticare’; šcazzë [ˈʃkat:sə] ‘schiacciare’; šparë [ʃpaˈrə] ‘sparare’; špië [ʃpiˈə] ‘spiare’; ašpëttë [aʃpǝˈt:ə] ‘aspettare’; rëšpònnë [rəˈʃpɔn:ə] ‘rispondere’; špésë [ˈʃpesə] ‘spesa (inteso anche come merenda)’; špëranzë [ʃpəˈrandzə] ‘speranza’.

Anteposizione del possessivo con i nomi di parentela: i dialetti galloitalici, diversamente da quanto avviene generalmente nelle parlate meridionali, fanno registrare anteposizione del possessivo con i nomi di parentela. La parlata di Albano presenta il tratto in maniera diffusa, es: më ssórë [mǝ ˈs:orǝ] ‘mia sorella’; më ffrë(d)ë [mə ˈf:rəðə] ‘mio fratello’; ta ffrë(d)ë [ta ˈf:rəðə]‘tuo fratello’; ta ssórë [ta ˈs:orə]‘tua sorella’; më ffịgghië [mə ˈf:ɪg:jə] ‘mio figlio’; më ffịgghië [mə ˈf:ɪg:jə] / më ffịgghia fèmënë [mə ˈf:ɪg:ja ‘fɛmənə] ‘mia figlia’; mə chëssëprinë [mə kəs:əˈprinə] ‘mio cugino’ / ‘mia cugina’; më gginërë [mə ˈd:ʒinərə] ‘mio genero’; më nnórë [mǝ ˈn:orǝ] ‘mia nuora’. Fanno eccezione: mammë [ˈmam:ə] ‘mia madre’; të [ˈtətə] ‘mio padre’ che si presentano privi di possessivo. In realtà alcuni parlanti più giovani hanno fatto registrare la forma më ssirë [mə ˈs:irə] ‘mio padre’ che, però, i parlanti più anziani non riconoscono, dovrebbe trattarsi di una nuova formazione. Altre innovazioni, invece, presentano la posposizione del possessivo in forma enclitica, es: mëgghièrëmë [məˈg:jɛrəmə] ‘mia moglie’; marịtëmë [maˈrɪtəmə] ‘mio marito’.

I pronomi mi [mi]‘me’ e ti [ti]‘te’: a differenza dei dialetti meridionali, che presentano forme derivate dall’accusativo latino me [me]‘me’ e te [te]‘te’, i dialetti galloitalici fanno registrare forme derivate dal dativo, mi [mi]; ti [ti]. Il dialetto di Albano presenta co-occorrenza di forme galloitaliche e meridionali es: cu mmị [ku m:ɪ]/ cu mmé [ku m:e]‘con me’; pë ttị [pə t:ɪ] / pë tté [pə t:e] ‘con te’; a mmị [a m:ɪ]/ a mmé [a m:e]‘a me’; a ttị [a t:ɪ]/ a tté [a t:e]‘a te’.

Spie lessicali galloitaliche: il dialetto di Albano ha perso gran parte delle spie lessicali galloitaliche: per ‘testa’ si registra chëpë [ˈkəpə], diversamente dai dialetti galloitalici che presentano il tipo lessicale tèsta [ˈtɛsta]; ad Albano si registra la forma nëchë [ˈnəkə] ‘culla’, di contro alla forma galloitalica cuna [ˈkuna]. Il tipo galloitalico per suocera è dònna [ˈdɔn:a], mentre il dialetto di Albano presenta la forma so(g)rë [ˈsɔɣrə]. uniche spie lessicale galloitaliche presenti nel dialetto di Albano sono: la forma sirë [ˈsirə] ‘padre’, e la forma lavurië [laˈvurjə] / ddavurië [d:aˈvurjə] ‘ramarro’.

Analizzando il dialetto di Albano osserviamo che gli esiti galloitalici sono regressivi e la spinta dei dialetti meridionali sembra stia mettendo in pericolo la sopravvivenza dei tratti più arcaici che costituiscono una considerevole testimonianza storica e culturale. Il Centro Internazionale di Dialettologia si pone come punto di riferimento per tutti coloro che intendono salvaguardare e tramandare l’importante e unico patrimonio linguistico lucano, traendo linfa vitale dai rapporti con il territorio, rapporti fatti di amicizia, di stima e di collaborazione; si ringraziano gli amici Rocco Novellino e Antonio D’Orio, per la disponibilità, la cordialità e la passione. Custodiamo le nostre lingue, vero baluardo della nostra identità!

Potito Paccione

2. Uno sguardo all’A.L.Ba.

Diamo un’occhiata al I volume dell’Atlante Linguistico della Basilicata e precisamente alla carta 6 della Sezione I, ‘tuo fratello’.

I dialetti meridionali fanno registrare generalmente posposizione del possessivo con i nomi di parentela, con tre diverse costruzioni:

1-forma tonica, es: fratë tuië [ˈfratə ˈtujə] a San Giorgio Lucano (Pdr 113), Cersosimo (Pdr 120); frãtë tuië [ˈfrætə ˈtujə] a Noepoli (Pdr 114), Valsinni (Pdr 102).

2-forma enclitica, es: fratëtë [ˈfratətə] a Trivigno (Pdr 49), Castelmezzano (Pdr 56);  fratuta [ˈfratuta] a Vietri di Potenza (Pdr 42), Lagonegro (Pdr 109).

3-forma enclitica con la geminazione dell’occlusiva dentale sorda, es: frattë [ˈfrat:ə] a Lavello (Pdr 1), Montemilone (Pdr 2), Melfi (Pdr 3); fratt [frat:] a Brindisi Montagna (Pdr 41), Campomaggiore (Pdr 50).

Osservando la carta si evince che le parlate galloitaliche, invece, fanno registrare generalmente l’anteposizione del possessivo con i nomi di parentela, es: ta frèarë [ta ˈfrɛ(a)rə]a Picerno (Pdr 37); tò ffrà [tɔ f:ra] a Tito (Pdr 44) e Pignola (Pdr 48); ta ffrà [ta f:ra]a Potenza; ta ffranë [ta ˈf:ranə]a Pietragalla (Pdr 26); ta frarë [ta ˈfrarə]a Vaglio Basilicata (Pdr 35); ta ffrë(d)ë [ta ˈf:rəðə]ad Albano di Lucania (Pdr 45); tu fra:(d)ë [tu ˈfra:ðə]a Trecchina (Pdr 124); tò fratiéllë [tɔ fraˈtjel:ə] a Rivello (Pdr 117); tò fratiéḍḍë [tɔ fraˈtjeɖ:ə] a Nemoli (Pdr 119).

Come abbiamo osservato, l’anteposizione del possessivo con i nomi di parentela è un tratto galloitalico, tuttavia non è presente esclusivamente nelle parlate galloitaliche; anche alcuni dialetti meridionali presentano il fenomeno, come per esempio i seguenti: Montemurro (Pdr 85) ta frãtë [ta ˈfrætə]; Spinoso (Pdr  90) e San Martino d’Agri (Pdr 96) ta fratë [ta ˈfratə]; Roccanova (Pdr 97) ta frètë [ta ˈfrɛtə]. Singolare è la forma registrata a Sarconi (Pdr 92) ta fratëtë [ta ˈfratətə]che mostra il doppio possessivo, uno anteposto tonico e l’altro posposto enclitico.

Si ringrazia il dott. Simone Corrado per la collaborazione tecnica.

Potito Paccione

3. Cultura e tradizioni pasquali di Albano di Lucania.

La Pasqua è senz’altro il momento più alto e più importante del calendario cristiano. Nei paesi lucani questa festività è molto sentita e a questo periodo dell’anno sono legate usanze e tradizioni molto antiche e particolari. Anche Albano di Lucania non fa eccezione. Particolarmente importante risulta la tradizione della processione dell’Addolorata che si svolge in questo paese delle Dolomiti lucane durante la settimana santa. Si ricorda la Madonna addolorata per la morte del proprio figlio.

La processione inizia alle 4 del mattino del venerdì santo. Il silenzio dovuto alla morte di Cristo comporta che non si possano suonare le campane ed è per questo che il segnale d’inizio della processione è affidato al suono della tròcchëlë [ˈtrɔk:ələ], uno strumento musicale costituito da una grossa tavola in legno su cui sono inserite delle maniglie in metallo che, percossa, produce un suono caratteristico. I ragazzi più forti e robusti fanno a gara per poter suonare a tròcchëlë [a ˈtrɔk:ələ]per le vie del paese, segnale del passaggio della processione.  Il corteo si apre quindi con la croce, alla quale fa seguito la statua dell’ Addulurë, che viene portata a spalla, secondo la tradizione, da uagnastrèddë ca nun_zó špusë(d)ë [waɲ:aˈstrɛd:ə ka nun dzo ʃpuˈsəðə] ‘ragazze che non sono sposate’. L’usanza di Albano prevede che queste ragazze siano vestite in abito da sposa e che portino sulle spalle uno scialle o un maglioncino nero in segno di lutto. Seguono il parroco e i fedeli che accompagnano la Madonna cantando e pregando. La statua, dopo essere stata condotta per tutto il paese, viene portata fino in piazza San Pietro dove viene posata su un tavolino accanto alla cappella che ricorda la passione di Cristo. Qui il parroco tiene un’omelia.

Ma la processione dell’Addolorata non è soltanto un momento di grande spiritualità; in questa occasione i giovani di Albano si riuniscono la sera del giovedì santo e attendono in compagnia che arrivi l’ora di inizio della processione, poco prima dell’alba. L’evento è, infatti, molto sentito anche dalle giovani generazioni per le quali costituisce un appuntamento imprescindibile. Finita la processione, è usanza condivisa che i ragazzi e le ragazze che hanno preso parte al corteo facciano colazione insieme.

Comincia così il silenzio che precede la Pasqua. In questi giorni ci si dedica alla cucina e alla preparazione dei piatti della tradizione. Particolarmente famosa e diffusa, ad Albano, è a pizza cu dd’óvë [a ˈpit:sa cu ˈdd_ovə]‘la pizza con le uova’. Si tratta di una sorta di pizza rustica preparata con pasta sfoglia e ripiena di uova, salame e formaggi di ogni tipo, che pur essendo preparata nei giorni precedenti la domenica viene consumata solo il giorno di Pasqua, per non interrompere il digiuno della Quaresima.

Il nome di questa pietanza si presta anche a importanti considerazioni linguistiche: si tratta, infatti, di un nome cristallizzato che porta in sé tracce di arcaicità. Solo in questo nome è possibile registrare l’esito -dd- -[d:]- < ILLE per l’articolo determinativo plurale selezionato davanti a parole che iniziano per vocale: infatti, l’esito comune nel dialetto di Albano è oggi [l], come si può vedere ad esempio in l’ucchië [ˈl_uk:jə] ‘gli occhi’, l’ugnë [ˈl_uɲ:ə] ‘le unghie’.

Si ringrazia la dott.ssa Anna Maria Tesoro per le utili informazioni e l’aiuto fornitoci.

Teresa Carbutti

4. Alfabeto Dialetto Lucani _ ADL Albano di Lucania

Vita Laurenzana

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Rispondi