CINISMO E ARROGANZA, LA STORIA DEL PETROLIO LUCANO

0

La Procura di Potenza viene a ricordare a tutti noi che il disastro ambientale c’è stato e che questo disastro è stato provocato da un approccio imprenditoriale al problema fatto di poco rigore e molta arroganza, il poco rigore dimostrato nella realizzazione degli impianti, con la disinvolta allocazione di serbatoi di stoccaggio privi di doppio fondo, e l’arroganza nello zittire sistematicamente quelle poche persone che osavano mettere naso, chi fermato ai cancelli con tanto di estrazione della pistola dalla fondina, chi portato in tribunale per diffamazione , poi rilevatasi  una denuncia assolutamente legittima. In mezzo a tutto questo una vigilanza che non vigilava sul piano tecnico, che osservava ma non prescriveva e se prescriveva non controllava: esercizio semplice giacché in questa regione la colpa è sempre del politico di turno anche quando macroscopicamente la cosa riguarda responsabilità specifiche di funzionari e dirigenti che il loro dovere non lo fanno. Questa svolta dell’inchiesta suscita clamore in Italia ma non in Basilicata dove si è avvertito plasticamente che la coscienza civile di un popolo si è addormentata dopo che in quel luogo ,nel quale hanno operato i promotori del disastro, è arrivato un personaggio superpopolare a dire che tutto va bene, che bisogna darsi da fare con le trivelle e che petrolio significa futuro. Ma vuoi vedere che finora abbiamo fatto la lotta ai mulini al vento, vuoi vedere che la Albina Colella si diverte a colorare i rigagnoli? Ed ecco finalmente che tutti gli incubi erano scomparsi, che la puzza era colpa di qualche passante mangiatore di fagioli  e che il fermo dell’impianto per quattro mesi  era colpa di una politica che non sapeva guardare alle cose concrete. Oggi questa benedetta Procura, che nel frattempo non ha dormito, si è letto più volte la lettera-testamento di un ingegnere dotato di coscienza e di senso di responsabilità , ci viene a dire che il pericolo che abbiamo corso era reale e consistente: che  dal serbatoio è fuoriuscito petrolio in quantità elevatissime e che questo petrolio è arrivato a duecento metri dalla diga , solo per miracolo non toccata ( speriamo) dal più grande inquinamento di un lago artificiale che porta la sua acqua nei rubinetti di milioni di famiglie lucane e pugliesi. La domanda è: da dove ripartiamo noi che non siamo capaci di distinguere l’acqua dal petrolio, l’oro azzurro dall’oro nero, i propugnatori di verità dai propalatori di menzogne, la politica dalla propaganda?  Io non so rispondere. Rocco Rosa

Condividi

Sull' Autore

Avatar

Quotidiano Online Iscrizione al Tribunale di Potenza N. 7/2011 dir.resp.: Rocco Rosa Online dal 22 Gennaio 2016 Con alcuni miei amici, tutti rigorosamente distanti dall'agone politico, ho deciso di far rivivere il giornale on line " talenti lucani", una iniziativa che a me sta a molto a cuore perchè ha tre scopi : rafforzare il peso dell'opinione pubblica, dare una vetrina ai giovani lucani che non riescono a veicolare la propria creatività e , terzo,fare un laboratorio di giornalismo on line.

Lascia un Commento